€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi

    06/05/2015 16:50:23

    Che dire. Un libro davvero carino che si apprezza ancor di più quando si legge la parte finale. Per chi lo starà leggendo probabilmente potrà trovar degli alti e dei bassi di esso, ma posso garantire che dopo aver letto il libro si apprezzeranno le tutte le pagine lette. Non è il migliore di Asimov ma sicuramente un pezzo da non perdere, tant'è che chiude il Ciclo Asimoviano.

  • User Icon

    Tatà

    31/01/2015 15:50:45

    Dopo il ciclo delle fondazioni è impossibile non leggerlo, anche se non è a quel livello... infatti Asimov è stato quasi costretto a scriverlo dopo molti anni dai lettori stessi...

  • User Icon

    marcostraz

    30/01/2013 10:53:11

    L'ho trovato un pò ad alti e bassi, a tratti noioso e a tratti avvincente...non il miglior capitolo della serie, anche se ha dei bei passaggi...e comunque resta una opera monumentale...

  • User Icon

    Aurelio

    27/04/2012 17:33:45

    Capitolo finale della fondazione, in esso è presente tutta la pubblicazione asimoviana. Per capirlo in pieno ricordate che asimov nn scrive mai su alieni o su mostri, se così si può dire... predilige una galassia ricolma di uomini che di bestie e quando presenta qualche razza aliena, gli alieni descritti sono parenti degli esseri umani. Libro incredibile, seppur a qualcuno a fatto storcere il naso. Ma bisogna leggere le ultime pagine come l'esito di una grande saga: compito di hary seldon e di asimov era di prospettare il destino dell'uomo del futuro, ma arrivati a confluire in galassia gli uomini non possono che andare oltre a loro stessi... Nelle ultime pagine Asimov immagina ulteriori galassie, prive di umanità, ricolme di specie a se stanti e prive di raziocino umano... l'uomo ora è di fronte all'immortalità spirituale, all'immortalità della galassia pensante e pur volendo Asimov non può scrivere di più, altrimenti andrebbe oltre l'umano. l'ESITO di questa saga ci insegna che l'essere umano è piccolo in confronto all'universo, in tutta la sua complessità e bellezza, ma ci insegna anche che siamo destinati ad altro, ANCHE IN QUESTO UNIVERSO, e che molto probabilmente la nostra evoluzione continuerà fino alla fine dei tempi, oltre i nostri confini. Ecco il significato di quest'opera: Asimov ci insegna ad essere pronti per andare oltre noi stessi, dove gli esiti dei nostri sforzi sono misconosciuti.

  • User Icon

    Pifoyde

    17/01/2012 18:53:19

    Il libro di fantascienza perfetto, dopo i primi quattro capitoli della saga e prima dei successivi, è quello che in maniera sublime chiude il cerchio anche con la serie dei robot. L'incontro finale tra i due protagonisti di tante avventure è stato di un emozione fin quasi alle lacrime, peccato che Asimov non abbia voluto o potuto scrivere qualcosa di cronologicamente posteriore nella vicenda.

  • User Icon

    Adamo

    23/07/2011 16:18:51

    Una storia che non decisamente slegata dal resto del ciclo. E' palese che sia stata scritta solo per questioni alimentari ed Asimov di certo non lo nasconde. Personaggi improponibili, finale deludente...

  • User Icon

    David Barsi

    20/02/2011 12:30:57

    Come sempre un grande racconto di un grande scrittore. L'unica pecca di questo racconto è la lentezza narrativa (cosa che nel ciclo delle fondazioni capitava raramente)che in alcuni punti rende poco gradevole la storia. Nel complesso comunque lo ritengo libro stupendo come tutti quelli che ho letto del magnifico Asimov

  • User Icon

    Antar3s

    01/12/2010 14:08:44

    A mio avviso, Asimov non ha saputo eguagliare, a distanza di trent'anni, la qualità narrativa raggiunta nella Trilogia della Fondazione, il cui intreccio di fatti, storie e personaggi colpiva per il carattere antologico iniziale e per il sorprendente innesto, del tutto, in un'unica trama grandiosa. Il seguito della Trilogia, ripartito ne L'orlo della Fondazione e in Fondazione e Terra, è decisamente più lineare e, nella sua linearità, più lento e meno avvincente. Tuttavia serve a regalare un seguito ad un racconto che meritava senz'altro di essere terminato. Con un Asimov meno fantasioso, più "professore universitario", affascinato evidentemente dall'astronomia e dalla robotica, ma comunque capace di far viaggiare il lettore nei vasti misteri del suo verosimilissimo Universo.

  • User Icon

    pifoyde

    31/07/2007 11:44:20

    Il miglior libro sulla Fondazione che comprende anche quelli sui Robot. Il finale è addirittura da pelle d'oca per chi è "Asimoviano".

  • User Icon

    Andrea'70

    03/04/2007 13:16:01

    Semplicemente bellissimo ... peccato che Asimov non sia riuscito a continuare l'Opera ... nel finale vi è uno spunto molto interessante che avrebbe meritato una continuazione.

  • User Icon

    stefano scalvini

    05/09/2006 10:26:01

    stupendo! il miglior asimov. lo consiglo

  • User Icon

    Luca Varrese

    29/07/2006 12:23:27

    Il ciclo di Fondazione si meritava un altro finale...Questo romanzo è lento, prolisso e poco interessante. L'unica cosa che si salva è il personagglio di Fallom e le ultime righe inquietanti.

  • User Icon

    Fabietto

    27/09/2005 20:56:29

    Senza dubbio un altro libro meraviglioso che conclude la saga...A me restano ancora da leggere Preludio Alla Fondazione e Fondazione anno zero...Ma la storia è finita così?I due libri citati sopra sono fondamentali o non servono a nulla??

  • User Icon

    federica'90

    29/08/2005 18:31:19

    Un po' mi dispiace che questo sia l'ultimo libro che riguarda la Fondazione,ma naturalmente è stato avvincente come i precedenti.Il finale è spettacolare e il personaggio di Trevize è veramente ottimo.

  • User Icon

    Metallambro

    19/11/2004 12:22:37

    Si legge perché si vuole sapere come va a finire, ma rispetto ai precedenti è molto meno avvincente: la parte dei dialoghi prende decisamente il sopravvento sulle azioni... Citando Elvis:«little less conversation,little more action,please!»

  • User Icon

    Costanzo

    13/10/2004 11:13:31

    Come affermato dallo stesso Asimov, si tratta di un libro scritto quasi "per forza". La narrazione è sempre piacevole ma il romanzo non aggiunge nulla alla fantastica saga delle fondazioni. Consigliato solo per chi ha già letto tutto e vuole vedere come va a finire...

  • User Icon

    Cormac

    09/07/2004 22:52:51

    Il libro è molto pesante, inutilmente lungo, prolisso, sembra un brodo allungato a dismisura, la spiegazione è anche fin troppo evidente: i mattoni fanno guadagnare molto di più rispetto a libri con meno pagine, eh Asimov...

  • User Icon

    Beppe il Brema

    22/04/2004 10:53:33

    Questo romanzo chiude degnamente il grandioso affresco dell'Impero Galattico e delle Fondazioni che, coprendo un arco di tempo di ventimila anni, inizia dall'umanità che dalla Terra parte alla conquista delle Stelle per riscoprire poi la Terra. Una delle più grandi opere di SF che solo un Grande come Asimov poteva concepire e realizzare; personaggi indimenticabili come Elia Baley, R. Daneel, Gladia, Hari Seldon, Salvor Hardin, il Mulo, Arcady, Trevize, Pelorat, Gaia, per nominarne solo alcuni dei tanti che popolano quel grande arco di tempo, in tutto 14 romanzi da non perdere e da leggere secondo la cronologìa suggerita dall'Autore medesimo: Abissi d'acciaio - Il Sole nudo - I Robot dell'Alba - I Robot e l'Impero - Le correnti dello Spazio - Il tiranno dei Mondi - Paria dei Cieli - Preludio alla Fondazione - Fondazione anno zero - Prima Fondazione - Fondazione e Impero - Seconda Fondazione - L'orlo della Fondazione - Fondazione e Terra.

  • User Icon

    Chris

    29/04/2003 12:38:48

    L'unico difetto di questo romanzo...e che chi inizia a leggerlo sa che sara' la conclusione di una lunga ed appasionante storia...iniziata e vissuta con i volumi precedenti del ciclo della fondazione, peccato che non si possa continuare in eterno.

  • User Icon

    stefano

    14/11/2002 14:04:08

    Questo testo uscito con qualche anno di distanza dagli altri della Fondazione è indirizzato agli appassionati del ciclo, come anche i successivi "Fondazione anno zero" e "Preludio alla Fondazione". Con questi ultimi volumi la saga perde il suo carattere di opera di largo consumo per diventare un prodotto di culto per appassionati. Meglio? Peggio?

Vedi tutte le 20 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione