Forbici vince carta vince pietra

Ian McDonald

Traduttore: A. Caronia
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1997
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788806145644
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Studente ed esperto di computer grafica, Ethan Ring incappa in un segreto così sconvolgente da non poter più essere tenuto nascosto. Le immagini generate dal computer che Ethan ha contribuito a creare possiedono poteri sconfinati: sono in grado di guarire, di cancellare i ricordi, di provocare l'estasi, di uccidere senza rimorso... Prigioniero di una specie di contratto faustiano con il governo europeo, Ethan intravede un'oscura possibilità di sfuggire alle forze distruttive che hanno occupato la sua anima. Dovrà affrontare un territorio pieno di insidie, in un viaggio senza ritorno e senza fine, tra bande di fuorilegge e servizi di sicurezza non meno temibili.

€ 5,70

€ 6,71

Risparmi € 1,01 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicola

    08/02/2007 11:07:00

    interessante da leggere, solo se si pensa ad un saggio sulla complessita', o meglio sull'incapacita di governare la complessita'. la narrativa e' abbastanza confusa, molti troppi spunti vengono abbozzati ed abbandonati rendendo farraginosa la struttura narrativa; problema comune a molti autori "cyberpunk", che spesso avendo idee brillanti in nuce non riescono a svilupparle adeguatamente a causa di una chiara immaturita narrativa. Che questo sia voluto o meno, non riesco comunque a considerarlo stile o "virtuosismo". visto che la novella ha vinto il Dick Award credo che complice/autore dell'insuccesso potrebbe essere la stessa traduzione del signor Caronia che (anche se non ho avuto ancora l'opportunita di vedere il testo in inglese) almeno nelle forme italiane utilizzate, lascia qualche forte dubbio di per se.

  • User Icon

    Stefano

    25/09/2003 11:08:29

    McDonald non poteva scegliere un'ambientazione migliore del Giappone per collocare una vicenda in bilico tra introspezione spirituale e tecnologizzazione della società come quella narrata nel suo Forbici vince carta vince pietra. Nelle 144 pagine che compongono questo romanzo breve niente è superfluo, e tramite una prosa è essenziale ed efficace viene dipinto un futuro plausibile e molto caratterizzato, nel quale lo sviluppo dei personaggi si inserisce armoniosamente. Il filone letterario è indubbiamente cyberpunk, sebbene presenti molte contaminazioni. L'equilibrio narrativo, le numerosissime idee disseminate tra le pagine, la capacità affabulatoria, la coerenza e la precisione visionaria dell'autore fanno di questo libro una piccola gemma. È difficile capacitarsi come l'autore sia stato in grado di mettere in così poco spazio tanta sostanza e allo stesso tempo condurre la narrazione in modo piacevole e non scontato. L'aver costruito il romanzo attorno al pellegrinaggio dei protagonisti si rivela a tal proposito una scelta molto efficace, e al termine della lettura il giudizio su Forbici vince carta vince pietra non può che essere quello di essersi lasciati alle spalle un romanzo decisamente riuscito.

Scrivi una recensione