Categorie

Fëdor Dostoevskij

Curatore: E. Lo Gatto
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 1059 p. , Brossura
  • EAN: 9788817107952

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Davide

    26/08/2016 19.47.44

    Questo romanzo è la vita, non può essere superato e ciò mi rende triste, perchè non troverò mai nulla dello stesso calibro...

  • User Icon

    rosa elena

    28/06/2014 20.55.37

    Quando si legge un libro come questo, decisamente si sente il respiro del capolavoro. Dialoghi serrati e profondamente realistici, grandi dilemmi interiori, una vicenda intricata e sofferta che, infine, ha lo scopo di dimostrare l'importanza pedagogica del modello paterno. Chi legge questo libro pensando di trovare solo un thriller giudiziario o una vicenda sentimentale di gelosia e tradimenti, penserà forse che certe parentesi prolisse spezzino l'unità narrativa - e di primo acchito lo si può pensare, ad esempio se si ha in mente 'Delitto e castigo', che rimane il culmine del genio di Dostoevskij: anche qui si ha un profondo messaggio di crisi dei valori e assenza di un freno etico come motore del delitto, ma l'equilibrio narrativo è serrato e perfetto, qui non pensereste mai 'ecco, questa parte potrebbe non esserci'. Ebbene, ne 'I fratelli Karamazov' anche le parti più prolisse - e alludo a quelle sullo starec Zosima - hanno una profonda ragion d'essere e, infine, si metabolizzano assai bene assieme al resto, che rappresenta un saggio filosofico vero e proprio PER TRAMITE di una vicenda di cronaca nera e, successivamente, giudiziaria. Ognuno dei tre fratelli cerca un punto di riferimento, chi nella religione, chi nel nichilismo e nella filosofia, chi nei piaceri terreni: il tutto, per colpa di un padre assente e dissoluto. Quindi: crisi dei massimi sistemi di tutti e tre, un infido, vigliacco colpevole, l'inutile sacrificio finale dell'eroe. Un finale modernissimo, se si pensa che a quel tempo il romanzo per definizione doveva finire con 'la soluzione' che salvava i buoni e puniva i cattivi. Le donne, in questo romanzo, fanno davvero una pessima figura: esseri volubili e nevrotici, che spingono i loro uomini alla pazzia e al delitto. Ivan è l'unico vero eroe, tormentato, affascinante e profondamente - suo malgrado - etico.

  • User Icon

    Simona

    21/02/2009 15.29.07

    Questo romanzo sta a Dostoevskij come il concerto numero 3 sta a Rachmaninov! Indubbiamente è più assimilabile ad un trattato filosofico che ad un vero e proprio romanzo ,come ha già sottolineato giustamente qualcuno. Se non avete mai letto nulla di Dostoevskij non cominciate con questo, vi assicuro che NON E' PROPRIO IL CASO! Consiglio come prime letture: Il Sosia, I Demoni, Memorie di una casa morta, L'Adolescente e L'Idiota, poi potete incominciare questo. Buona lettura.

  • User Icon

    Carlo

    21/07/2008 00.57.36

    Ultimo atto dello scrittore ma non certo ultimo come grandezza da leggere e rileggere trovando sempre nuove sfumature

  • User Icon

    FRANCESCO

    31/08/2007 20.03.16

    E' l'ultimo romanzo di Dostoevskij,secondo me il più grande in assoluto,leggerlo è stata un'esperienza unica,si fa fatica a staccarsene,mangiare o dormire diventa quasi una seccatura !Un opera grandiosa ,scritta da un Titano ,da leggere dopo "Delitto e castigo", e "I demoni" gli altri due grandi capolavori.Successivamente leggetevi "L'idiota","Memorie dal sottosuolo" e "L'addolescente".Consiglio l'edizione Einaudi.

  • User Icon

    vivis

    11/05/2007 11.35.38

    Oscuro viaggio nell'anima e nel pensiero di noi tutte creature umane. La filosofia,la psiche,la spiritualità, la passione la virtù, la voluttà e la riflessione dietro un delitto. Chi è veramente l'uomo??chi è veramente dio?..un ribollire di paure e sensualità in uno dei romanzi cardine della cultura mondiale.Una parola sola: grandioso!

  • User Icon

    Marco

    24/12/2006 10.45.10

    Il picco più alto raggiunto dalla letteratura mondiale. Un libro che non scorderò mai. L'unico libro che è riuscito a farmi piangere.

  • User Icon

    laura

    19/09/2006 15.36.09

    Non mi sento all'altezza di scrivere una recensione su questo libro che è una saggio filosofico. "I Fratelli Karamazov" è una profonda riflessione sull'uomo, un libro da studiare, rileggere e rielaborare nel tempo. Dopo aver letto questo i romanzi non bastano più, si diventa assetati di qualcos'altro.

  • User Icon

    tony

    31/08/2006 21.52.57

    la mole consistente puo' spaventare ma non temete perchè la lettura di un capolavoro come questo coinvolge talmente da non rendersi conto di come velocemente le pagine scorrano. è impressionante accorgersi di come una romanzo scritto secoli fa sia così attuale. un lavoro geniale !

  • User Icon

    lilli

    16/07/2006 18.38.49

    Senz’altro un ottimo libro. LEGGETELO!!!!!!!!! A vederlo può sembrare un po’ pedante, ma non scoraggiatevi ancor prima di leggerlo solo perché è lungo oltre mille pagine: è scritto benissimo e la storia,che vi prende sin dalle prime righe, è quasi attuale e comunque eccezionale tanto che non riuscirete più a smettere di leggere. Certo alcune lunghe descrizioni su fatti non inerenti alla storia principale in cui spesso si intromette prepotentemente, ma indirettamente il parere dell’autore, sono un pò noiose, ma vale la pena di leggerle anche solo per conoscere il pensiero di Dostoevskij, che è molto interessante. Comunque, se si riesce a resistere a queste brevi (per fortuna) dissertazioni “filosofiche”, il libro è bellissimo: minuziosissimo nei particolari e nel descrivere gli stati d’animo dei personaggi (infatti le mille e passa pagine sono quasi esclusivamente su quattro giorni) e interessantissimo per la panoramica che dà alla Russia e anche al sistema giudiziario russo di quegli anni. DA LEGGERE, davvero.

  • User Icon

    Wal

    16/11/2004 15.37.57

    Libro inarrivabile, monumento della letteratura mondiale di tutti i tempi. Dostoevskij è forse il più grande scrutatore degli animi umani, dei sentimenti profondi che si annidano nei cuori dell'umanità. In questo immenso capolavoro, il Dostoevskij raggiunge l'apoteosi del suo pensiero filosifico religioso. In esso è descritta tutta l'umanità, nuda e cruda: le passioni, la carità, la fede, la voluttà...tutti i sentimenti, buoni e cattivi, che si muovono come in un turbine nei cuori dei personaggi chiave di questa impareggiabile opera letteraria. E sempre nei loro cuori ,il tutto, ruota attorno ad un dilemma chiave del romanzo: Esiste Dio? Chi ha letto questo capolavoro sarà di sicuro d'accordo con me, con il sostenere che, dopo averlo letto, pochi libri si avrà il piacere di leggere, eccetto le monumentali opere come questa.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione