La freccia d'oro. Darkwing. Vol. 3

Davide Cencini

Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 5 ottobre 2016
Pagine: 568 p., Brossura
  • EAN: 9788892628472

33° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Fantasy

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Uniti resistiamo. Divisi cadiamo. Peter ha perso tutto. I suoi compagni, la libertà, perfino la speranza. Non gli resta che una cosa: la vendetta. I suoi demoni riaffiorano durante lo scontro risolutivo tra i Solar e Greyven. Dovrà affrontarli o esserne sopraffatto, ma è una battaglia che nessun uomo può vincere. Non da solo.

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Moira

    01/01/2019 09:46:16

    Un Davide Cencini che non delude mai! Se il primo romanzo della saga era divertente e il secondo interessante, il terzo ovvero la freccia d'oro è assolutamente intrigante e interessante. Una lettura da farsi tutta di un fiato immersi in una storia condotta con arte e accompagnata da personaggi profondi e davvero ben caratterizzati. Consigliatissimo!!

  • User Icon

    Alessia Palumbo

    27/05/2017 09:43:39

    Elemento che mi ha piacevolmente sorpresa è stato sicuramente il nuovo modo di impostare la struttura narrativa. Se nei due precedenti libri lo schema narrativo seguiva una linea temporale abbastanza chiara, con solo qualche spostamento nell'asse spaziale fra un personaggio e l'altro (se non con qualche sparuta eccezione), adesso le interferenze, le connessioni e i rimandi si avviluppano in una rete di scambi. La storia inizia con lo stesso gioco con cui è iniziato il primo volume; un misterioso individuo se ne sta in una locanda di malaffare, e in entrambi i casi possiamo sospettare che si tratti del protagonista. Quando i sospetti ci vengono confermati, cominciamo a chiederci come era potuto arrivare lì, e che cosa è successo allo stesso protagonista che alla fine del secondo volume avevamo visto in un altro luogo e in un altro contesto. Allora, fra un capitoletto e l'altro, si innestano dei capitoli flash-back che hanno il compito di riempire questo vuoto narrativo durato tre mesi. La divisione dei capitoli è davvero gestita magistralmente; in ogni frammento puoi carpire l'informazione che ti permette di comprendere il presente, ma comunque non avrai una visione d'insieme fino a quando non li avrai letti tutti (questa struttura va avanti fino circa al 60% del libro, poi si torna a una narrazione lineare). "La freccia d'oro" è un romanzo maturo per lettori che sono maturati coi due volumi precedenti. Meno spazio all'umorismo (più sottile e meno invadente, e a detta mia, riuscitissimo), o alle eccessive, esplicite, citazioni. Peter non è più il nerd di New Hopes ma un guerriero, un Guardino, con un peso così grande sulle spalle che non si può più concedere troppe piacevoli facezie.

Scrivi una recensione