Categorie

Luigi Malerba

Editore: Mondadori
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788804468462

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    stefano

    19/12/2009 16.55.38

    ricco di "bizantinismi" e intrighi, anche troppi, ma gradevole. Un romanzo storico con un intreccio interessante e un'ambientazione originale. Consigliato

  • User Icon

    alessandro

    19/06/2007 19.22.32

    In una Bisanzio tronfia e superba, immersa nello scintillio violento e quasi nauseante degli ori, delle gemme e degli argenti, dietro le preziose pareti di sontuosi palazzi si nascondono torbidi intrighi, perfide macchinazioni, follie sanguinarie. Malerba con la perizia di uno storico riesce a fare rivivere le congiure, le passioni, la violenza, l’odore acre e pungente del sangue che copioso scorre negli Appartamenti Imperiali del palazzo Dafnè, nella impenetrabile Officina delle Polveri, nelle nere e sudice prigioni: tutto questo restituito al lettore in pagine vivide e plastiche come se fossero icone sapientemente dipinte da mani esperte di monaci barbuti. Sulla scena di quello che sembra non un semplice romanzo ma un coinvolgente dramma di ambientazione storica, si alternano personaggi, tra i più diversi, in un gioco perverso di trame occulte: Teofane, la Reggente, fredda calcolatrice, Leone Foca, il Kuropalata, suo fratello Niceforo, l’Imperatore, e ancora Leonzio Manuele, il Maestro delle Polveri, povero capro espiatorio; tutti coinvolti in un giallo intrigante che prende le mosse dalla scomparsa della formula dell’arma segreta della flotta bizantina, il foco greco, appunto. Una storia che vede morire uno per mano dell’altro tutti i suoi personaggi e che segna la vittoria dell’unico vero protagonista: il potere e null’altro.

  • User Icon

    isa

    25/09/2003 13.09.59

    E' un libro saccente, pieno di nomi difficili giusto per stupire i lettori della propria abilità con le parole, per incuriosirli facendoli sentire un po' più colti. Ma la cultura è unìaltra cosa. La trama, poi, punta su colpi di scena assai prevedibili; i personaggi sono scontati - la peggiore è la bellissima Teofane, così crudele e intrigante da essere noiosa. I dialoghi sono finte prove di ingengo e abilità sofistica. Lo stile è perfetto, da bravo scolaro. Ecco come non si scrive un romanzo.

  • User Icon

    stefano

    07/11/2002 18.53.41

    Una delle migliori prove di un eccellente scrittore qual è Malerba. Un romanzo storico fatto di intrighi e tinte fosche che terrà sulla corda il lettore fino all'ultimo, e soprattutto mai banale. Da leggere assolutamente!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione