Furnitecture. Arredi che trasformano lo spazio

Anna Yudina

Editore: L'Ippocampo
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 24 febbraio 2015
Pagine: 272 p., Rilegato
  • EAN: 9788867220915
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 9,72

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Ci sono titoli che rivelano troppo e titoli d’impatto, scritti da un editore in cerca di vendite facili. Furnitecture corre il rischio, ma in realtà sfogliarlo non è per nulla tempo perso: i brevi saggi che accompagnano le sezioni non esauriscono i propri contenuti nel sottotitolo – arredi che trasformano lo spazio – anzi, fanno molto di più. 
Potrebbe essere eccessivo scrivere che Anna Yudina gioca a decostruire le gerarchia che vede l’architettura dominare sull’arredo, ma non è sbagliato sostenere che stia almeno provando a rimettere le cose in equilibrio, esplorando la linea di confine tra i due tipi di progettazione: interni e esterni. E lo fa bene, esempio dopo esempio, sezione dopo sezione – dalla semplice modularità alle stanze nelle stanze, dagli inquietanti uffici pieghevoli alle affascinanti scaffalature architettoniche.
La storia raccontata da Yudina inizia dalle prime gloriose decadi di inizio Novecento, gli anni di Le Corbusier, in cui la traccia di questo confine era giorno dopo giorno più leggera, meno visibile. E forse ha Yudina ragione quando suggerisce che la teorizzazione del periodo ha ridotto il confine a una linea, disegnata di volta in volta dal singolo artista.
E forse, si potrebbe aggiungere, è proprio l’interior design che, in cerca di un’identità e di un’emancipazione, in epoca di iper-specializzazione, ha tracciato un confine più profondo. Ma questo non è scritto.
In ogni caso è un dato di fatto che il “pensiero arredo-architettonico” (furnitectural thinking) può riunire, come sottolinea l’autrice, molti innovatori che hanno proposto idee che percorrono largamente i tempi.