The Future Embrace - CD Audio di William Patrick Corgan

The Future Embrace

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Warner
Data di pubblicazione: 21 giugno 2005
  • EAN: 0093624871224
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 25,50

Venduto e spedito da SOTTODISCO

Solo 1 prodotto disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
All Things Change
2
Mina Loy
3
The CameraEye
4
ToLoveSomebody
5
A100
6
DIA
7
Now
8
I'm Ready
9
Walking Shade
10
Sorrows
11
Pretty, pretty STAR
12
Strayz
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
0
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    deathnote

    19/09/2019 11:24:31

    Billy Corgan ha un grande talento per la musica, ma spesso è caduto in tanti errori: anche se la musica moderna cambia, tanti altri gruppi non si sono mai arresi (U2, The Cure) ed hanno continuato fregandosene delle varie Britney Spears e similari. Invece lui scioglie il gruppo, lo riforma, fa il cantante solista, fa un disco misto rock/elettronica e poi un'altro acustico (chiatarra e pianoforte) e poi riforma gli Smashing e va in tour mondiale. Secondo me ha distrutto un giocattolo che poteva essere migliore ma che poi si è smontato a causa del suo ego. Questo è un buon album, ma mi aspetto molto da un artista come lui.

  • User Icon

    Luca Lazzaroni

    07/07/2005 13:02:10

    ALL THINGS CHANGE. Il primo lavoro ufficiale da solista di William Patrick Corgan, detto Billy, esordisce con queste tre parole: "all things change". Sembra che l'ex Smashing Pumpkins, ed ex Zwan, ci voglia suggerire che in effetti non serve a nulla rimanere legati ai fasti del passato, per quanto lodevole, ma bisogna tirare avanti, "try to hold on" era il leitmotif proprio di uno degli ultimi singoli firmati SP. Ora Corgan ci offre ud lavoro molto interessante, che sembra accantonare la stanca e scialba esperienza zwan, per ricollegarsi ad un certo sound sp che era già stato abbozzato da canzoni come "daphne descends", "apples+oranges" e "raindrops and sunshowers": il suono di queste canzoni, come del resto di molte del nuovo disco, è spazioso, ampio e profondo allo stesso tempo, suoni che sembrano provenire da galassie lontane ma che scavano nell'anima. Siamo lontani dalle grintose distorsioni di Siamese Dream, ma ci sono degli ottimi germi che promettono un buon sviluppo. Tutto il sound di questo cd è rock, ma allo stesso tempo ha di quel freddo e distaccato tocco offerto dall'elettronica, pro tools e una produzione intelligente, non a caso affidata al solito Moulder (non di X-Files, per quanto certi suoni alieni lo lascino pensare). Corgan è aggressivo ("Walking Shade", "Mina loy", "A100"), malinconico e commovente ("To love somebody", cover Bee Gees con backing vocals niente meno che di Robert Smith), sfrutta lontanamente scale cinesi ("Pretty, pretty star"), e la bella e giustamente vuota "Strayz" conclude il suo primo ingresso nel mondo degli artisti solisti, per quanto forse Corgan sia sempre stato solista, dai tempi dei Marked fino agli Zwan, avvalendosi di suonatori-sudditi-spesso-svogliati (siamese l'ha registrato tutto lui), ed cucendosi addosso l'icona di "Billy il tiranno". Ma se i risultati sono questi, allora ben venga il malinconico regno di sua maestà Zucca Spappolata. L.L. (leonida9@virgilio.it)

Note legali