Un gentiluomo a Mosca - Amor Towles,Serena Prina - ebook

Un gentiluomo a Mosca

Amor Towles

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Serena Prina
Editore: Neri Pozza
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,15 MB
Pagine della versione a stampa: 558 p.
  • EAN: 9788854514836
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Mosca, 21 giugno 1922. Il conte Aleksandr Il’ic Rostov, decorato con l’Ordine di Sant’Andrea, membro del Jockey Club, Maestro di caccia, viene scortato attraverso i cancelli del Cremlino che danno sulla Piazza Rossa fino alla suite 317 del Grand Hotel Metropol. Chiamato al Cremlino per un tête à tête, il Conte è apparso dinanzi al «Comitato d’Emergenza del Commissariato del Popolo», il tribunale bolscevico che l’ha condannato, senza remore e senz’appello, a trascorrere il resto dei suoi giorni agli arresti domiciliari per essersi «irrevocabilmente arreso alle corruzioni della propria classe sociale». La condanna non ammette errori: se mai dovesse mettere un piede fuori dal Metropol, il Conte sarà fucilato. I baffi incerati distesi come le ali di un gabbiano e il portamento fiero nel suo metro e novanta di altezza, Rostov è un gentiluomo colto e arguto, un anfitrione nato, niente affatto intenzionato a lasciarsi scoraggiare dinanzi a un simile rovescio della fortuna. Non essendo di temperamento vendicativo come Edmond Dantés rinchiuso nel Castello d’If, ma avendo riconosciuto che un uomo deve saper governare le proprie circostanze, altrimenti sarebbero le circostanze a governare lui, il Conte decide di affrontare la prigionia mantenendo la propria determinazione nella praticità delle cose, al pari di un novello Robinson Crusoe. La pena da scontare non è poi così gravosa, essendo il Metropol un Grand Hotel tra i più sfarzosi di Russia. Inaugurato nel 1905, le sue suite art déco e i suoi rinomati ristoranti sono stati un punto di riunione di tutte le persone ricche di stile, influenti ed erudite. Ma per un uomo come Rostov, abituato a viaggiare in lungo e in largo per il mondo e a condurre un’intensa vita sociale, quella detenzione, seppure in un lussuoso albergo, si rivela al pari di una gabbia per un leone. Sebbene sia risaputo che non è da gentiluomini avere un’occupazione, Rostov inizia a rendersi conto di quanto sia gravoso trascorrere la vita leggendo, cenando e riflettendo. Fino al giorno in cui si imbatte nella ragazzina che ama il giallo, una piccola ospite dell’albergo intrepida e curiosa. Nina Kulikova, al pari del Conte, vive al Metropol in cattività, eppure la bambina ha trovato il modo di far espandere le pareti dell’hotel verso l’esterno, scovando passaggi nascosti e stanze segrete. Sarà Nina a farsi carico dell’educazione del Conte. Un’educazione che lo porterà a comprendere quanto vasto sia il mondo e affascinanti i personaggi che lo popolano, sia pure tra le quattro mura di un albergo. Ricco di umorismo, con un cast di personaggi scintillante – rivoluzionari intransigenti, stelle del cinema, intellettuali disillusi – e una scrittura impeccabile, Un gentiluomo a Mosca ripercorre magistralmente un secolo di storia della Russia moderna, consegnandoci un protagonista che ha il raro pregio di rendersi indimenticabile. «Un romanzo che ribolle d’avventure, di storie d’amore e colpi del destino». The Wall Street Journal «Chiavi speciali, stanze segrete, monete d’oro, boccette contese, pistole antiche, duelli e sfregi, convegni clandestini, passaporti rubati, collane di zaffiro, lettere misteriose su carta preziosa. una sontuosa scenografia per un perfetto dramma alla Casablanca». San Francisco Chronicle «Gli arresti domiciliari non sono mai stati così affascinanti come nel romanzo di Towles, una coinvolgente storia ambientata interamente all’interno del Metropol, l’hotel più lussuoso di Mosca». Publishers Weekly
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,57
di 5
Totale 19
5
15
4
2
3
0
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giodottore

    12/09/2020 11:10:51

    Divertente e leggero, profondo e commovente, colto e raffinato. Una storia nella Storia, scritta meravigliosamente e condita da personaggi indimenticabili. Un piccolo gioiello.

  • User Icon

    Mariella

    10/06/2020 19:52:25

    Ho riletto questo romanzo durante il lock down,e mi ha regalato ore di puro divertimento.Il protagonista è irresistibile,la trama è un feulletton raffinato e colto.Si arriva alle ultime pagine col dispiacere di dover salutare il conte Rostov e i suoi amici.

  • User Icon

    Vito

    14/05/2020 07:58:07

    Mosca 21 Giugno 1922; Il conte Rostov viene condannato agli arresti domiciliari all’interno dell’hotel Metropolitan ma non si rassegna, anzi paradossalmente diventerà l’uomo più fortunato di Russia. Durante i 30 anni di permanenza il conte conosce molti personaggi; saranno tre donne a trasformare le sue abitudini e condurlo in un finale che stupirà il lettore.

  • User Icon

    Virginia

    13/05/2020 17:37:15

    Questo romanzo ci fa percorrere decenni di storia senza che ce ne accorgiamo e ci porta a conoscere il mondo della nobiltà vera e più schietta, quella russa. Il protagonista, il Conte, è mirabilmente tratteggiato e risulta personaggio di indiscutibile fascino, assolutamente indimenticabile Tutti quelli che lo accompagnano nelle vicende narrate appaiono come irradiate dalla stessa aura affascinante. Bella prosa, non comune ed estremamente efficace. Il libro non stanca mai.

  • User Icon

    AdrianaT.

    03/05/2020 08:11:30

    Adesso lo sappiamo tutti cosa si fa agli arresti domiciliari, e il Conte Rostov, disciplinatamente, non si esime certo dal fare piegamenti e stiramenti, le scale su e giù, leggere tomi secolari, pasteggiare lentamente con gusto e raffinatezza, esplorare spazi sconosciuti, guardare dalla finestra (il Bol'šoj), e far girare la testa attorno a memorie volontarie e involontarie, flashback di un mondo antico. La differenza è semmai che fatti allo storico Grand Hotel Metropol di Mosca, sono arresti per modo di dire. È praticamente un quartiere, con due ristoranti (uno si chiama Piazza), barbiere, fioraio, sarto, edicola, e te la puoi giocare quotidianamente in circa 40mila metri quadri e male che vada un salto in Piazza te lo puoi fare quando vuoi. In più gira un sacco di gente (senza mascherina) da osservare, annusare, origliare, studiare, su cui fare congetture o fantasticare, e solo i camerieri e i fattorini indossano i guanti. Non ci potrebbe essere posto più adeguato per comprendere, anche solo alla prima occhiata all'impoverimento degli addobbi, che lo zar non c'è più e che ci sono i bolscevichi, ragione per cui il nobile aristocratico Conte Aleksandr Il'ič Rostov non è uccel di bosco e lì si trova a scontare, a vita, la sua pena di poeta Nemico del Popolo, nella nuova Russia del 1922. «Guardando la bottiglia che aveva in mano, però, il Conte fu colpito dalla comprensione che, in effetti, tutto era dietro di lui. I bolscevichi, infatti, così intenti a riforgiare il futuro con uno stampo di loro fattura, non si sarebbero fermati fino a quando l'ultima vestigia della sua Russia non fosse stata sradicata, fatta a pezzi o cancellata.» È un romanzo storico-sociale ricco, piacevole e agevole, ma anche una favola bella, scritta molto bene dalla mano di un gentiluomo della narrativa letteraria che attraverso un'apparente leggerezza ha saputo rendere, magnificamente, dal confino di un microcosmo, la trasformazione di un macrocosmo. Finale strepitoso!

  • User Icon

    Davide

    22/09/2019 09:43:51

    Molte recensioni non sono molto favorevoli e non capisco come mai. Questo libro è meraviglioso; in grado di creare un perosnaggio veramente indimenticabile, e di trasmettere un grandissimo insegnamento di fondo che tutti dovremmo fare nostro nella vita, anche se non sempre è facile farlo. L'ho letto 3 anni fa, ma ancora oggi ci penso spesso con grandissimo affetto e nostalgia. Fatevi un favore e leggete questo capolavoro!! Buona lettura a tutti!

  • User Icon

    Fulvia

    30/05/2019 17:25:47

    Avevo tante aspettative per questo romanzo, ma ne sono rimasta delusa. L'ho trovato poco coinvolgente.

  • User Icon

    m. luisa

    23/09/2018 17:10:46

    Uno dei libri più belli profondi e delicati che ho letto da qualche anno a questa parte. è la storia del conte Aleksandr Rostov condannato a vivere per il resto della vita dentro il Grand Hotel Metropol di Mosca. Detto così potrebbe far pensare a un'atmosfera soffocante e ripetitiva, ma al contrario l'autore vola con leggerezza e grande maestria sulla vita di quest'uomo che è veramente e profondamente un gentiluomo e un grand'uomo, sempre e comunque. Il suo amore per la sua terra la madre Russia è sconfinato, fino alla fine, ma non solo per la sua terra, è un uomo pieno di amore e vitalità, generoso negli affetti e aperto a tutte le esperienze che in questo benedetto Metropol gli capitano (e non sono poche). I personaggi non sono mai scontati o descritti superficialmente, la sua figlia adottiva e prima di lei la sua mamma sono un gran dono del cielo, non solo per Aleksandr Rostov ma anche per noi lettori. Insomma la trama è interessante, lo stile ottimo, fluido ed elegante, che si può volere di più?

  • User Icon

    Giulietta

    18/09/2018 07:03:25

    Il mio libro preferito dell'anno, fino ad ora! Si tratta di un volume leggero, divertente e raffinato, che è stato in grado di commuovermi in un punto o due, quando meno me l'aspettavo. Lo stile di scrittura e gli eventi descritti mi hanno portata in un mondo parallelo, in cui tutto viene filtrato attraverso gli occhi di un gentiluomo d'altri tempi.

  • User Icon

    n.d.

    04/06/2018 19:19:24

    Scorrevole, ironico e molto soft , fuori dall' hotel la tragedia era ben altra...

  • User Icon

    n.d.

    25/05/2018 20:12:53

    All'insegna dell'ironia. Un postmoderno che non dà problemi: citazioni a non finire( e riconoscere le fonti fa parte del divertimento). , qualche divertente metatesto. Si legge in un soffio

  • User Icon

    Stefano

    16/05/2018 12:35:35

    Libro molto bello scritto da un autore di grande cultura.

  • User Icon

    Roberto Capezzuoli

    20/04/2018 21:55:48

    Storia singolare, affascinante, personaggi ben costruiti..... un libro bellissimo pieno di umorismo e sensibilità..... consigliato.

  • User Icon

    ormos

    01/03/2018 08:07:13

    Il titolo del libro riassume perfettamente la personalità del suo protagonista: il conte Rostov, pur se costretto agli arresti domiciliari nell’elegante hotel Metropol di Mosca, conduce un’esistenza da perfetto gentiluomo, intrattenendo rapporti con personalità e gente comune, aristocratici e artisti. La conoscenza della piccola Nina e successivamente della figlia di lei, Sof’ja, costituiscono le porte d’accesso ai mondi possibili all’interno dell’hotel, dal quale non è possibile uscire ma nel quale, in fondo, anche il conte trova una sua dimensione. E anche noi non sentiamo davvero il bisogno di uscirne, anche noi prendiamo le misure dei suoi spazi (il ristorante, la sala da ballo, la stanza 317 e la camera della reclusione al sesto piano), ci accostiamo con discrezione alle vicende che si svolgono come su un palcoscenico e accompagniamo il conte per oltre trent’anni, fino all’inaspettato – ma diabolico – finale. Memorabili le pagine che, prendendo le mosse da una leggera pioggia che si trasforma in neve, ricostruiscono la concatenazione degli eventi che si determinano in una sorta di sliding doors del novecento.

  • User Icon

    carmela

    15/02/2018 10:43:01

    Un capolavoro di stile e leggerezza pur nella tematica intensa che attraversa le tragedie della Storia russa. Questo scrittore è eccelso, consiglio a tutti questo libro

  • User Icon

    Filip H

    10/02/2018 10:24:51

    Bella idea, ma libro prolisso, con un finale che poco si confà al Conte! Peccato mi ha attirato trama e soggetto, ma l'ho trovato, in fondo, noioso.

  • User Icon

    daniela

    15/10/2017 13:44:36

    Piacevolissimo, interessante e coinvolgente. Descrizioni accurate di Mosca e del periodo storico.

  • User Icon

    stefania

    15/06/2017 08:59:50

    Molto gradevole: ironico, molto ben condotto nella trama, credibili i personaggi. Una lettura piacevolissima!

  • User Icon

    MARCO

    05/06/2017 06:25:11

    Magnifico ... un carosello di personaggi cangianti legati fra loro in un viaggio di oltre 20 anni ... Un viaggio che accumuna la esperienza della ragione con la fulgida fantasia di coloro che vivono gli eventi. Il Conte Rostov è sicuramente un personaggio indimenticabile ...

Vedi tutte le 19 recensioni cliente
  • Amor Towles Cover

    è nato a Boston nel 1964. Si è laureato a Yale e ha conseguito un dottorato in letteratura inglese a Stanford. È un grande appassionato di storia dell’arte, soprattutto della pittura di inizio Novecento, e di musica jazz. Vive a Manhattan con la moglie e i due figli. Dopo La buona società, il suo primo romanzo, ha pubblicato nel 2017 con Neri Pozza Un gentiluomo a Mosca. Approfondisci
Note legali