Categorie
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2005
Pagine: 149 p., Brossura
  • EAN: 9788815097453
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Questa breve ma intensa sintesi, utile sia per gli specialisti sia per i neofiti della materia, presenta un quadro generale della storia costituzionale tedesca, dal Sacro romano impero sino alla repubblica "berlinese" sorta con la riunificazione del 3 ottobre 1990. Anche in questo caso, sia pure non trascurando la prospettiva di lungo periodo, obiettivo specifico degli autori è offrire un'interpretazione puntuale dei complessi processi di trasformazione che hanno segnato a fondo la struttura sociale, economica e istituzionale della Germania nel corso degli anni novanta. Nonostante il conclamato tramonto del "modello renano", i costi della riunificazione, gli alti tassi di disoccupazione, il rallentamento economico, la lentezza del sistema decisionale e lo spettro dell'ingovernabilità politica, la presunta crisi tedesca, specie in termini comparativi, non deve essere esagerata. Infatti l'articolato sistema istituzionale della Germania, sebbene abbia conosciuto un processo di progressiva centralizzazione delle competenze e quindi anche di progressiva conflittualità tra Länder e governo federale, resta tuttavia una struttura solida, in grado di coniugare il locale con il nazionale e, soprattutto, di perseguire con estrema efficacia l'obiettivo della stabilità. È dunque proprio in questi termini che i due autori pongono la sfida del prossimo futuro: adeguare il "sistema Germania" alle mutate condizioni generali, come dimostra in maniera esemplare la modifica dell'art. 23 della costituzione, originariamente dedicato al tema della riunificazione e ora incentrato sul tema dell'integrazione europea di una Germania ormai pienamente sovrana. In altre parole, di fronte al primo duraturo momento di crisi, dopo oltre un cinquantennio di sostanziale ottimismo economico e istituzionale, spetterà proprio al Grundgesetz di dimostrare di non essere soltanto una "costituzione del bel tempo".
  Federico Trocini