Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Giacomo Puccini. La Boheme (DVD) - DVD di Luciano Pavarotti,Renata Scotto,Giacomo Puccini,James Levine

Giacomo Puccini. La Boheme (DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giacomo Puccini
Direttore: James Levine
Supporto: DVD
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
  • EAN: 0044007340257

€ 23,90

Venduto e spedito da Music Store

spinner

Disponibile in 3 gg lavorativi

Solo 1 prodotto disponibile

+ 6,90 € Spese di spedizione

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Opera in quattro atti di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa.

Questa l'opera: Questo mar rosso mi ammollisce, Già dell'apocalisse appariscono, Abbasso, abbasso l'autor!, Si puo?, Non sono in vena, oh! Sventana, sventana, che gelida manina, Si, mi chiamano mimi, O soave fanciulla, aranci datteri!, Questa mimi, oh! Musetta! Essa!, Quando men vo soletta per la via, Ahi! che c'è?, Caro! fuori il danaro!, Oh là le guardie! Aprite!, sa dirmi, scusi, dov'è mimi! Speravo di trovarvi qui, Marcello, Finalmente, Mimi una civetta, Addio, Che! Vai?

Personaggi
Mimì (soprano)
Musetta (soprano)
Rodolfo, poeta (tenore)
Marcello, pittore (baritono)
Schaunard, musicista (baritono)
Colline, filosofo (basso)
Benoît, il padrone di casa (basso)
Parpignol, venditore ambulante (tenore)
Alcindoro, consigliere di stato (basso)
Sergente dei doganieri (basso)
Doganiere (basso)

Atto I
Un giovane poeta, Rodolfo, e il suo amico Marcello, pittore, conversano nella gelida soffitta che è la loro abitazione. Giungono gli amici Colline e Schaunard. Quest’ultimo – musicista – è riuscito a guadagnare qualcosa e porta con sé cibo e vino. Viene improvvisato un festino, ma l’umore dei quattro cambia subito quando si presenta il padrone di casa a chiedere la pigione. Per fortuna, simulando virtuosa indignazione al racconto di una sua avventura, trovano il pretesto per cacciarlo dalla stanza. Marcello, Colline e Schaunard escono per recarsi al caffè Momus; Rodolfo, per finire un articolo, si attarda nella soffitta. Qualcuno bussa alla porta: è Mimì, una ragazza sua vicina, venuta a chiedere un fiammifero. È sfinita e Rodolfo le offre un po’ di vino. Il lume si spegne, cade la chiave di casa a Mimì e, mentre la cercano insieme nel buio, le loro mani si incontrano. L’attrazione è reciproca. I due giovani narrano ciascuno la propria storia. Da fuori gli amici chiamano, Rodolfo risponde che arriverà tra poco, accompagnato da Mimì.
Atto II
Davanti al caffè Momus dove Rodolfo, insieme a Mimì, siede con gli amici, arriva poco dopo, accompagnata dall’anziano Alcindoro, Musetta, un tempo amante di Marcello, nelle cui braccia finisce per gettarsi di nuovo. Poi i quattro giovani con le amiche si eclissano, lasciando il conto da pagare ad Alcindoro.
Atto III
Alla Barriére d’Enfer. Mimì parla con Marcello, che sta dipingendo l’insegna di una trattoria. Scossa da colpi di tosse, si lagna con lui della gelosia di Rodolfo. Marcello va a parlare con l’amico, nella trattoria, mentre Mimì si nasconde. Anche Rodolfo è, come Mimì, deciso a troncare la relazione: ma si intenerisce rivelando che Miimì è malata di tisi e rievoca i tempi migliori del loro amore. Mimì si mostra e i due si abbracciano. Pure, dovranno separarsi, Rodolfo è privo di mezzi. Intanto Marcello e Musetta litigano aspramente.
Atto IV
Rodolfo e Marcello sono nuovamente nella soffitta e pensano alle amiche lontane. All’arrivo di Schaunard e Colline, fingono di organizzare un banchetto. Ma compare Musetta, agitatissima: Mimì è fuori, svenuta, morente. Mentre Rodolfo la fa coricare, Musetta e Colline escono per impegnare qualcosa e procurarsi del denaro: l’una i gioielli, l’altro la giacca, cui dà un tenero addio. Rimati soli, Mimì e Rodolfo rievocano il loro primo incontro. Rientra poi Musetta, che ha comperato il manicotto tanto desiderato da Mimì, mentre Colline annuncia che il medico sta arrivando. Rodolfo spera ancora che Mimì possa guarire, ma gli amici tacciono, avvedendosi che Mimì si è spenta in quell’istante. Poi anche Rodolfo capisce e si getta in lacrime sul corpo di lei.

(fonte: Enciclopedia della Musica Garzanti)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Luciano Pavarotti Cover

    Tenore. Esordì nel 1961 a Reggio nell'Emilia con La Bohème di Puccini, destinata a diventare l'opera a lui più congeniale, cui si aggiunsero presto altri due titoli capitali della sua brillantissima carriera, L'elisir d'amore di Donizetti e Un ballo in maschera di Verdi. Attorno a queste tre opere, interpretate più e più volte in tutto il mondo, ha costruito un repertorio ben calibrato di ruoli lirico-leggeri (soprattutto donizettiani e belliniani), poi gradualmente affiancati da personaggi più drammatici. L'oculatezza nelle scelte gli ha permesso di conservare pressoché integro uno strumento vocale unico per morbidezza, lucentezza e perfezione tecnica, che unitamente alle innate doti comunicative ha favorito un'eccezionale popolarità internazionale. Vanta una vastissima discografia, che spazia... Approfondisci
  • Giacomo Puccini Cover

    Compositore. Gli esordi. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, rimase orfano a sei anni per la morte del padre Michele, già organista e maestro del coro del duomo, nonché direttore dell'Istituto musicale di Lucca. Nonostante le difficoltà finanziarie, la madre Albina Magi poté fargli seguire studi regolari al Ginnasio e all'Istituto musicale, studi che tuttavia il ragazzo affrontò senza troppo entusiasmo. Il suo primo maestro, lo zio Fortunato Magi, succeduto nelle cariche del cognato, lo affidò quindi a Carlo Angeloni (già insegnante di Alfredo Catalani), col quale Giacomo studiò con notevole profitto e scoprì la propria vocazione per il teatro. Nel 1876 si recò a piedi a Pisa per assistere per la prima volta nella sua vita alla rappresentazione di un'opera, l'Aida... Approfondisci
  • James Levine Cover

    Direttore d'orchestra statunitense. Nel 1964 fu chiamato come assistente di Szell alla Cleveland Orchestra. Nel 1971 esordì al Metropolitan di New York, divenendone direttore stabile nel 1973, direttore musicale nel 1975 e direttore artistico nel 1986. In seguito ha diretto spesso anche in Europa e ha ottenuto successi significativi al Festival di Salisburgo e a Bayreuth, dove diresse il Parsifal nel 1982 per il centenario dell'opera. Approfondisci
Note legali