Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Giacomo Puccini. Madama Butterfly (DVD) - DVD di Giacomo Puccini,Yasuko Hayashi

Giacomo Puccini. Madama Butterfly (DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giacomo Puccini
Supporto: DVD
Numero supporti: 1
Etichetta: Arthaus Musik
Data di pubblicazione: 8 novembre 2006
  • EAN: 0807280011197

Registrato al Teatro La Scala di Milano nel 1986.

Opera in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa.

Personaggi principali
Madama Butterfly, Cio-Cio-San (soprano)
B.F. Pinkerton, tenente della marina degli Stati Uniti (tenore)
Suzuki, servente di Cio-Cio-San (mezzosoprano)
Sharpless, console degli Stati Uniti a Nagasaki (baritono)
Goro, nakodo (tenore)
Lo zio Bonzo (basso)
Il Principe Yamadori (tenore)
Kate Pinkerton (mezzosoprano)
Yakusidé (basso)
La zia (soprano)
La cugina (soprano)

Atto I
In una casa con giardino, a Nagasaki. Il tenente della marina Pinkerton attende il corteo nuziale della sua sposa, la geisha Cio-Cio-San detta Madama Butterfly. Goro, sensale di matrimoni, gli presenta l’ancella Suzuki. Giunge il console americano Sherpless e Pinkerton descrive all’amico i pregi di Butterfly, aggiungendo che si sposa secondo la legge giapponese, non riconosciuta dagli Stati Uniti. Sharpless replica che però per Butterfly è cosa seria. Intanto arriva Butterfly, che presenta i parenti al futuro marito. È appena terminata la cerimonia che irrompe lo zio bonzo di Butterfly, maledicendola per aver tradito la religione degli avi. Pinkerton lo scacci e rimane finalmente solo con Butterfly.
Atto II
In una stanza della sua casa Butterfly, col bimbo nato dal matrimonio, discorre con Suzuki. Pinkerton è partito, promettendo di tornare a primavera; ma da tre anni non dà notizia di sé. Nonostante i dubbi di Suzuki, Butterfly è fiduciosa; tanto che Sharpless, giunto insieme a Goro, non osa leggerle la lettera i cui Pinkerton annuncia il suo arrivo e il suo nuovo matrimonio con un’americana. Ella non dà ascolto a Goro che, ricordandole che per la legge giapponese è ormai libera, le propone nuovi pretendenti: congeda anzi il nobile e ricco Yamadori, presentatosi a rinnovare le sue proposte. Quando Sharpless tenta di prepararla alla notizia dell’abbandono, Butterfly gli mostra il figlio di cui Pinkerton ignora l’esistenza. Allontanatosi il console verso la nave di cui un colpo di cannone ha annunciato l’atteso arrivo, Butterfly infiora la casa e indossa le vesti nuziali. Accoccolata sulla stuoia, veglia in attesa del marito.
Atto III
Butterfly si allontana dalla stanza con il bimbo addormentato, dopo aver atteso inutilmente. Poco dopo, con la moglie e Sharpless, giunge Pinkerton: Suzuki va a chiamare Butterfly. Pinkerton contempla la casa con vago rimpianto e, non avendo il coraggio di vedere Butterfly, esce mentre ella fa il suo ingresso con il bambino. Nel vedere l’americana, comprende. Suzuki cerca di farle coraggio, Sharpless le suggerisce di affidare il bambino a Pinkerton. Improvvisamente calma, Butterfly promette di consegnare il bambino tra mezz’ora. Rimasta sola, indossa la sciarpa cerimoniale e prende il pugnale con il quale “si muore con onore” come dice la scritta che vi è incisa. Abbraccia il figlio, gli benda gli occhi, gli dà dei giocattoli. Poi, dietro un paravento, si fa harakiri. Pinkerton, che la chiamava, compare sulla soglia insieme a Sharpless: ma Butterfly, trascinatasi accanto al bambino, è morta.

(fonte: Enciclopedia della Musica Garzanti)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giacomo Puccini Cover

    Compositore. Gli esordi. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, rimase orfano a sei anni per la morte del padre Michele, già organista e maestro del coro del duomo, nonché direttore dell'Istituto musicale di Lucca. Nonostante le difficoltà finanziarie, la madre Albina Magi poté fargli seguire studi regolari al Ginnasio e all'Istituto musicale, studi che tuttavia il ragazzo affrontò senza troppo entusiasmo. Il suo primo maestro, lo zio Fortunato Magi, succeduto nelle cariche del cognato, lo affidò quindi a Carlo Angeloni (già insegnante di Alfredo Catalani), col quale Giacomo studiò con notevole profitto e scoprì la propria vocazione per il teatro. Nel 1876 si recò a piedi a Pisa per assistere per la prima volta nella sua vita alla rappresentazione di un'opera, l'Aida... Approfondisci
Note legali
Chiudi