Categorie

M. Gabriella Genisi

Editore: Sonzogno
Collana: Romanzi
Anno edizione: 2011
Pagine: 221 p. , Brossura
  • EAN: 9788845424922

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Leonardo

    09/11/2015 15.05.29

    il peggior libro della Genisi. La trama del giallo si sviluppa soltanto in una ventina di pagine, il resto somiglia tanto a vanity fair. Azzardate, improbabili e presuntuose le frequentazioni accennate al commissiariato di Vigata e a Montalbano. Sicuramente meglio gli altri libri dell'autrice.

  • User Icon

    luana

    10/04/2014 17.38.54

    molto carino spiritosa

  • User Icon

    federica

    27/08/2012 22.05.09

    Questo libro non mi ha convinta più di tanto, e in alcune parti mi è sembrato che il giallo non reggesse tanto....ciò nonostante sostengo con piacere il giallo italiano (soprattutto quello delle donne) e darò all'autrice un'altra chance.

  • User Icon

    Roberto Baldini

    11/02/2012 21.54.18

    Seconda avventura per la bella Commissaria Lolita Lobosco. Lolì per gli amici. Tutti noi vorremmo avere un'amica così. Bella, sexy, intelligente, spiritosa, altruista? La nostra bella Lolì sta attraversando una fase abbastanza delicata. S'è lasciata con Stefano (di nuovo) e i suoi colleghi la punzecchiano, anche se involontariamente. Occorre distrarsi. Ma come? Ma con un omicidio, no? Per la precisione, presunto omicidio. Una donna sta cercando suo figlio. Scappato di casa da un po' di tempo. Una fujtina, una fuga amorosa? Può darsi, ma stavolta qualcosa non torna. Non è più in contatto nemmeno con la sorella, che adora. Questa volta il lieto fine sembra davvero lontano? La sorella le spiega un po' i retroscena, una storia di corna immensa, figli legittimi e non, eredità? Insomma, gli ingredienti per bel giallo (ciliegia) ci sono tutti. Starà alla nostra bella Lolì scoprire se il morto esiste o è soltanto un'abile manovra? Insieme a lei, come la volta scorsa, i deliziosi personaggi ideati da Gabriella Genisi. Con loro la nostra Commissario giungerà alla fine della storia e scoprirà che? Secondo romanzo della bella Lolita e secondo libro che leggo in un fiato. Azione, sensualità, umorismo? Sentimenti contrastanti in un unico romanzo. E non soltanto sfiorati, ognuno di loro è trattato in maniera approfondita e speciale, come ci ha abituati da tempo l'autrice. Divertentissima la parentesi sui mondiali di calcio, da antologia. Una storia d'amore e un poliziesco. Insieme. Fusi alla perfezione. E scusate se è poco? Da aggiungere alla vostra libreria. Non ve ne pentirete.

  • User Icon

    monia di tizio

    27/12/2011 14.37.04

    Ho appena terminato la lettura del secondo episodio del personaggio "Lolita Lobosco" devo dire che inizialmente avevo sopravvalutato la scrittrice paragonandola addirittura a Camilleri e Carofiglio, l'avevo però sovradimensionata...quest'ultima "fatica" letteraria la trovo meno accattivante della precedente e vi ritrovo molto della saccenza e spocchiosità del popolo barese che rendono un tantinello antipatiche le conversazioni. Il linguaggio è scarnificato e non c'è alcuna ricerca nei vocaboli utilizzati. Per dirla molto semplicemente "buona la prima..." inteso come "la circonferenza della arance".

  • User Icon

    Paolo

    03/11/2011 13.58.26

    Ho appena terminato questo libro che mi è stato regalato da un'amica. Lettura tra le più intriganti degli ultimi mesi. Alla Genisi va la targa di "Autrice dell'anno".

  • User Icon

    sara noia

    02/11/2011 21.44.53

    Ho divorato le ciliegie in un pomeriggio. Un libro gradevolissimo, allegro, frizzante, profondo. Lolita Lobosco è l'amica che tutte noi vorremmo avere, la commissaria imperfetta, politicamente scorretta, ma di gran cuore che ci vorrebbe in ogni città. Attendo impaziente la prossima avventura.

  • User Icon

    Nicola

    02/11/2011 21.00.59

    Uno di quei libri che spiace finiscano. Il ritmo è serrato, la protagonista affascinante, suadente, divertente, mai volgare. Bari e la Puglia fanno da cornice a un giallo che ci fa entrare nella vita della parte più autentica del nostro Sud e ce ne fa innamorare al punto di desiderare di metterci in viaggio. Gabriella Genisi è un'ennesima conferma del ricchissimo panorama offerto dagli scrittori meridionali contemporanei: Carofiglio (Gianrico e Francesco), Cappelli, Longo, Desiati. Dopo "la circonferenza delle arance" il commissario Lolita Lobosco si rivela nuovamente l'unico poliziotto che riesce a "catturarci" facendoci provare un grande piacere.

  • User Icon

    Roberto Inglesi

    27/10/2011 23.04.57

    trattasi di un finto giallo, dalla scrittura molto elementare e scadente, con lunghi noiosi dialoghi soprattutto all'inizio, molti termini in dialetto barese non tradotti e incomprensibili. Gli aggettivi possessivi sono messi dopo il nome e non prima. La storia è noiosa, i personaggi antipatici, la protagonista narcisista e inconcludente. Insomma, un vero disastro.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione