Editore: Liguori
Anno edizione: 2006
Pagine: 292 p., Brossura
  • EAN: 9788820739638
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,27

€ 21,49

Risparmi € 3,22 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Una produzione ampia e complessa, quella che in Italia va sotto l'etichetta di «giallo». Si legano, questi romanzi, fortemente ai tempi in cui sono nati: ne esprimono, in vario modo, la problematicità. La comunicano in modo più immediato di quanto non facciano, a volte, dotti e ponderosi studi che trattano temi analoghi. E insieme sono ben recepiti dalla stessa critica letteraria. Si tratta infatti, in genere, di libri godibili: con trame avvincenti, numerosi colpi di scena. Con personaggi tratteggiati con competenza e attenzione, più credibili di quanto non lo fossero alcuni dei protagonisti della fine '800, della prima parte del '900. Tra gli scritti di Conan Doyle o di Agatha Christie e gli scrittori di oggi troviamo l'hard boiled school, che con Dashiell Hammett e Raymond Chandler ha insegnato a molti come vanno ambientati i romanzi, caratterizzati i personaggi. Ha insegnato un certo realismo sociale, la creazione di investigatori che sono uomini e donne con debolezze, difetti, ideali, piuttosto che non improbabili eroi letterari. Oggi, con questi scritti, attraversiamo ampie metropoli, zone alte e lussuose, insediamenti urbani poveri e fatiscenti. Metropoli caratterizzate da violenza e degrado, da lotte di potere e sfruttamento, da problemi di sopravvivenza: specie se si è immigrati, donne sole, minori a rischio. Le vie del giallo sono oggi percorse da uomini e donne: scrittrici apprezzate, ma anche professioniste capaci. Non solo vittime.