Il giardino dei ciliegi

Anton Cechov

Traduttore: G. Guerrieri
Editore: Einaudi
Edizione: 2
Anno edizione: 1970
Pagine: 71 p.
  • EAN: 9788806064860
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Ljubov' Ranevskaja, dopo aver condotto una vita dissoluta all'estero, ritorna in patria per rimettere ordine al suo patrimonio. Lopachin, figlio arricchito di un vecchio servo, le consiglia di lottizzare lo splendido "giardino dei ciliegi" ma, incapace di prendere decisioni, la Ranevskaja rifiuta, fino al momento in cui la sua intera proprietà dve essere venduta per fare fronte ai debiti. Ad acquistarla sarà proprio Lopachin che, scacciati i vecchi padroni, abbatte i ciliegi del giardino. Resterà nella casa solo il vecchio e dimenticato servo Firs.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea Muratore

    27/09/2018 12:42:45

    Struggente ritratto di una Russia in un momento di trapasso fondamentale per gettare le basi di una nuova ipotetica società moderna; ma in questa opera teatrale c’è tutto: sentimento, passione, intelligenza, umanità, avarizia. Lettore incallito di Dostoevskij e Tolstoj, ci ho messo un po’ ad approcciare questo autore, ma alla fine ce l’ho fatta. E ne è valsa la pena

  • User Icon

    n.d.

    12/12/2017 00:02:32

    Rituffarsi in Anton Cechov immerso nella storia teatrale. Un grande come sempre.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    29/08/2017 12:09:15

    Non arrendersi alla forza del reale, differirlo resistendo con viziata immaturita' agli assalti di un'epoca cambiata, bersi gli ultimi rubli in feste dal suono ormai patetico, mentre fuori la civilta' incalza con le sue svolte e strappa i ciuffi residui alle stinte parrucche titolate. Un'aristocrazia terriera agli sgoccioli che ancora si benda, si recinta nelle sue forme, sente si' le urgenze di un debito bussare nella coscienza, ma non sa e non riesce a tener testa a nulla. Sara' la fine. La proprieta' sara' messa all'asta, un'intera sinfonia di ricordi svanira', e quel giardino di eterna e sospesa meraviglia fara' il posto a villette piu' pratiche, a una nuova fisionomia piu' in linea col progresso. Un coro di personaggi rimasti indietro (tranne - paradosso curioso - l'eterno studente) che ancora si aggrappano al llro nome, a un lignaggio polveroso, incapaci di leggere dentro quel mondo che inverte la sua rotta. Cechov sentiva e vedeva nitidamente il '17 nella sua mente, lo annuncia in questo testo con lucidita' infallibile, lo scava, lo smuove e lo sviscera con passaggi maiuscoli, mettendo a nudo le inutili stantie difese di un ceto illustre e gli enormi ruggiti delle classi umili che finalmente trovano riconoscimento. Definirlo un capolavoro premonitore e' appena il minimo. E' un lento massacro identitario che cede il testimone alle spinte di un realismo che e' anche conquista. Le parole di Firs, il domestico che ancora esalta gli sfarzi perduti, saranno il sigillo finale di una nostalgia ormai al crepuscolo.

Scrivi una recensione