Categorie

Ian McEwan

Traduttore: S. Bertola
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 150 p. , Brossura
  • EAN: 9788806224783

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    06/09/2016 08.08.38

    Mi sarei divertito non so quanto a vedere il dottor Freud col suo sigaro e il dottor Jung con la sua pipa, comodi e riflessivi in poltrona, a leggere questo libro nel silenzio delle loro stanze. Cosa avrebbero detto chiudendolo? Che conclusioni tirarne? Che saggi raffinati ne avrebbero elaborato? Soluzione aperta e consegnata all'impossibile sogno di un provocatore, tuttavia siamo davvero davanti a un tremendo caso clinico. L'impassibile naturalezza di quattro fratelli, il mistero di un ambiente sinistro, fatale, e a fronte di ogni filo tragico, aleggiante sulla trama come un divertimento, una sorta di inconscio che guida e libera ogni istinto oltre le soglie di una ragione passabile. Immersi e felici "in tutto il fascino di una violazione" scriverà l'autore, un mondo chiuso là fuori mentre fra le mura di casa pian piano si cospira la voluttà più sgomenta. I giochi e le svogliatezze iniziali come preludio ad attimi più intensamente immediati, fra colpe intuite, rimosse, e come una voglia di difendersi, restare uniti, affrontare lo sguardo del tempo, di ogni vicinato interiore ed esterno, con le armi di un bene, di un amore che non potrà essere più malato. "La mia mano andava su e giù come un telaio" dirà Jack, il foruncoloso narratore; un simposio viziato che inizia "un viaggio di ricognizione sui rispettivi corpi", fra coscienza di un male che penetra eccome nelle radici del sentire consapevole e insieme una capacità d'abbandono che alla fine si dà, superando ogni buonsenso e ogni pudore. Un libro durissimo, come durissima è l'innocenza che lo abita, che lo pratica, e come lo è la storia di un'identità spaventata, smarrita, che sceglie il peccato supremo alla normalità più sana. Forse ci ho visto bene cari Luminari? Attendesi risposta con tomi mirabili.

  • User Icon

    AdrianaT.

    28/06/2015 12.26.23

    È una storia forte, dura, macabra, a tratti insopportabile, ma pennellata magnificamente; un McEwan che non mi aspettavo, un McEwan che non volevo - non adesso - ma che ho accolto nonostante mi abbia disturbata parecchio. Un McEwan da leggere, a denti stretti.

Scrivi una recensione