Il gioco del mai - Jeffery Deaver - ebook

Il gioco del mai

Jeffery Deaver

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rizzoli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,08 MB
  • EAN: 9788858698105

13° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa straniera - Thriller e suspence - Thriller

Salvato in 23 liste dei desideri

€ 10,99

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Colter Shaw non è un poliziotto né un militare. È un tracker, un localizzatore, uno che per vivere cerca persone scomparse, a bordo di un furgone, da una parte all'altra degli States. Allenato dal padre fin da bambino a contare solo su se stesso quando lì fuori si mette male, Shaw è un vero talento nel seguire gli indizi, anche i più indecifrabili. Sa come sopravvivere in ogni situazione, anche la più estrema, perché sa quali regole rispettare e quali comportamenti non assumere. Mai. Oggi il nuovo ingaggio lo porta in California: è sparita una studentessa universitaria. Colter si mette sulle tracce del rapitore e dei suoi inquietanti messaggi che si rifanno a quelli di un popolare videogioco. "Fuggi, se puoi" è il primo. Ma sul sentiero di caccia cade più di una vittima e Colter viene risucchiato nel cuore nero della Silicon Valley, che non è solo ricchezza, potere, modernità scintillante. È anche un tritacarne, un ingranaggio programmato per sbriciolare chi non sa tenere il passo. È solo qui che qualcuno potrebbe concepire il gioco sadico e mortale in cui le vittime vengono lasciate in un luogo isolato, con cinque oggetti per salvarsi. Un rebus che, se non viene risolto, porta con sé l'ultimo messaggio dell'Uomo che Sussurra: "Muori con dignità".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,48
di 5
Totale 12
5
1
4
5
3
4
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Vanna

    10/10/2019 15:22:58

    Bruttino e ovvio.Mai Deaver è stato più noioso di così. Indigesto.

  • User Icon

    PATRIZIA

    10/10/2019 09:22:47

    Deludente al massimo! Noioso e scontato. Deaver dovrebbe cercare di migliorare Rhyme

  • User Icon

    vitt12

    29/09/2019 12:23:59

    Colter Shaw non fa certo rimpiangere Rhyme, le cui storie mostravano un po' la corda e ultimamente sembravano ricalcare lo stesso cliché. Il romanzo si legge velocemente e fa presagire l'inizio di una serie speriamo non scontata

  • User Icon

    Raffaella

    25/09/2019 16:14:51

    Mi è stato regalato da un cugino a me caro e l'ho letto tutto d'un fiato. La scrittura è molto fluida e la storia ricca di suspense e d'azione. L'attenzione ai dettagli mi ha colpito particolarmente, così come la chiarezza dei dialoghi, molto realistici. Lo consiglio vivamente, anche per l'ottimo rapporto qualità-prezzo, e soprattutto agli amanti del genere.

  • User Icon

    Alfredo

    25/09/2019 13:24:34

    Sicuramente non all'altezza degli altri romanzi dell'autore.Un bel personaggio, quello di Shaw, sicuramente una storia ricca di tensione ed angoscia, quanto meno così l'avevo immaginata leggendo la trama. Peccato che poi di quella trama non si ritrovi molto durante la lettura. Peccato

  • User Icon

    Malunacio

    25/09/2019 08:54:16

    IMMENSO CAPOLAVORO. Deaver con questo romanzo trasporta i lettori in una nuova creazione letteraria dove i classici canoni del Giallo e del Thriller vengono mischiati sapientemente per dare vita a nuova stagione di romanzi d'investigazione dove il classico va a braccetto con il moderno in una bellissima e travolgente danza..

  • User Icon

    mary

    20/09/2019 14:57:44

    Deaver non si smentisce mai, molto interessante

  • User Icon

    Robin

    20/09/2019 10:43:39

    Deaver ormai non ha nulla da dire. Non mi è piaciuto: troppo lungo e non avvince. Certe pagine sono troppo forzate. Il libro è proprio infelice! Basta con Deaver! Mai più!

  • User Icon

    daniel

    20/09/2019 07:56:22

    Purtroppo non ci siamo... Dopo decine di libri letti di questo scrittore, posso dire che questo mi ha deluso un po'. Interessante il nuovo personaggio, ben caratterizzato ma il tutto si riduce a scenari già visti e un po' scontati. Dopo pochi capitoli la noia la farà da padrona e sarà difficile emozionarsi anche durante gli immancabili colpi di scena. Peccato, speriamo nel prossimo capitolo di questa nuova saga.

  • User Icon

    sara

    19/09/2019 15:36:10

    Premetto che adoro Deaver soprattutto quando scrive di Amelia e Lincolm, devo dire che questo libro mi è piaciuto, come sempre imprevedibile.

  • User Icon

    Fabio S.

    09/09/2019 15:35:03

    Lincoln Rhyme è Lincoln Rhyme e siamo nell'Olimpo, anche perchè abbiamo imparato a conoscerlo ed amarlo, libro dopo libro; la Dance è stata (e spero resti) una parentesi poco avvincente,calata ancora di più nel tempo; ma Colter Shaw resta un personaggio riuscito che potrebbe riservare interessanti sviluppi, pur restando qualche gradino inferiore rispetto a Rhyme. La scelta di Deaver è chiaramente quella di raccontare il personaggio in diversi libri, lasciando aperte alcune questioni, ma gli elementi base di Shaw sono già delineati con precisione e, nonostante le sue "indagini" siano meno meticolose e precise rispetto a quelle del criminologo di colore, maggiormente basate su calcolo probabilistico e ipotesi da confermare attraverso la psicologia dei personaggi, il racconto appare ben strutturato. Per quanto riguarda la trame e i classici espedienti di suspance di Deaver non siamo ai massimi livelli, soprattutto per la prima parte del thriller dove alcune situazioni sono troppo telefonate (soprattutto per chi conosce bene Deaver) ed altre francamente poco credibili. Eppure, lungo il dipanarsi della narrazione, si trovano picchi interessanti e alcuni dialoghi avvincenti, assieme ad una seconda parte del libro sicuramente meglio intrecciata e più coinvolgente. Più riuscite, invece, le false piste sapientenemente tratteggiate nei momenti meno prevedibili. Insomma, non il miglior Deaver, ma un thriller che si legge volentieri, soprattutto quando si impara a conoscere sempre meglio Shaw con la sua affascinante formazione e le regole a cui si ispira nelle indagini. Ottima la documentazione sul mondo dei videogame, espediente per ambientare il racconto in una realtà moderna, lasciandola però, nel complesso, sullo sfondo. La prosa, sempre veloce e scorrevole, rende la lettura molto leggera. Consigliato a chi ama Jeffery Deaver e non disdegna la conoscenza di un nuovo protagonista; sconsigliato ai puristi di Rhyme che cercano soprattutto le indagini scientifiche.

  • User Icon

    mary

    04/09/2019 15:38:04

    ancora non letto. ma Deaver mi piace sempre

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Jeffery Deaver Cover

    Ex giornalista ed ex avvocato, nel 1990 ha abbandonato la carriera legale per dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. Scrittore di romanzi thriller, ha vinto per tre volte l'Ellery Queen Readers Award for Best Short Story of the Year; ha vinto, inoltre, il British Thumping Good Read Award ed è stato più volte finalista all'Edgar Award. Il suo primo romanzo, un horror intitolato Voodoo è del 1988. I tre romanzi successivi, ambientati a New York, affrontano la struttura delle detective stories. Con i protagonisti dei suoi romanzi, Deaver crea dei perfetti thriller contemporanei, in cui la narrazione si svolge secondo il ritmo e la tensione tipici del linguaggio cinematografico. Ha conosciuto il successo internazionale con Il collezionista di ossa, la prima indagine... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali