Un giorno di regno

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giuseppe Verdi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 17 novembre 2014
  • EAN: 8007194200294
Salvato in 2 liste dei desideri
Nell’ambito della produzione giovanile di Verdi si trova un’opera quale Un giorno di regno che ha avuto un destino particolarmente sfortunato. Dopo il successo del suo primo lavoro, Oberto, conte di San Bonifacio, Verdi fu incaricato dall’impresario Bartolomeo Merelli di scrivere un’opera buffa per il Teatro alla Scala la cui composizione coincise con la morte della moglie, lutto che seguiva quello dei due figli scomparsi poco prima. La disperazione di Verdi non si conciliava certo con un argomento leggero e la sua partitura venne accolta alla prima milanese il 5 settembre 1840 con un fiasco totale, tanto da essere ritirata la sera stessa del debutto; anche i giornali dell’epoca si mostrarono particolarmente crudeli con il compositore tanto che Verdi, in una lettera al suo editore Tito Ricordi di quasi vent’anni dopo, ricorda che si era maltrattata «l’opera di un povero giovane ammalato, stretto dal tempo e col cuore straziato da un’orribile sventura»; nella stessa lettera Verdi sottolinea che Un giorno di regno poteva anche essere stata un’opera cattiva, ma che tante altre «non migliori sono state tollerate e forse anche applaudite». Cinque anni dopo la prima rappresentazione, quando cioè Verdi aveva riscosso un autentico trionfo con Nabucco, Un giorno di regno ottenne un grande successo a Venezia al Teatro San Benedetto. In realtà con gli occhi di oggi quest’opera non si rivela affatto quella disastrosa composizione che per tanti anni è stata considerata.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
Note legali