Il giovane Holden - J. D. Salinger - copertina
Salvato in 82 liste dei desideri
disponibile in 10 gg lavorativi disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Il giovane Holden
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Il giovane Holden Venditore: Multiservices + 5,50 € Spese di spedizione
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Multiservices
11,40 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Multiservices
11,40 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Il giovane Holden - J. D. Salinger - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua "infanzia schifa" e le "cose da matti che gli sono capitate sotto Natale", dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ciascuno vi ha letto la propria rabbia, ha assunto il protagonista a "exemplum vitae", e ciò ne ha decretato l'immenso successo che dura tuttora. È fuor di dubbio, infatti, che Salinger abbia sconvolto il corso della letteratura contemporanea influenzando l'immaginario collettivo e stilistico del Novecento, diventando un autore imprescindibile per la comprensione del nostro tempo. Holden come lo conosciamo noi non potrebbe scrollarsi di dosso i suoi "e tutto quanto", "e compagnia bella", "e quel che segue" per tradurre sempre e soltanto l'espressione "and all". Né chi lo ha letto potrebbe pensarlo denudato del suo slang fatto di "una cosa da lasciarti secco" o "la vecchia Phoebe". Uno dei libri del Novecento che tanto ha ancora da dire negli anni Duemila.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2008
Tascabile
248 p., Brossura
9788806193096

Valutazioni e recensioni

3,92/5
Recensioni: 4/5
(128)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(63)
4
(24)
3
(13)
2
(6)
1
(22)
rozzella
Recensioni: 1/5

Essendo empatica cercherò di salvare l’anonimo lettore da ore di apatia. Il personaggio è odioso, idiota e spocchioso, sperperatore di altrui ricchezze (quelle dei genitori). Non si può che odiarlo. Copre il vuoto esistenziale e la totale assenza di neuroni girovagando con la paghetta del papi per le vie, ubriacandosi e giudicando. Peccato non passino mai tir su certe esistenze, anche cartacee. E come consueto… finiti i soldi si torna a casa.

Leggi di più Leggi di meno
Un grandissimo libro
Recensioni: 5/5

Un libro eccezionale, perché non si sforza di esserlo, o di forzare la mano, gli elementi di riflessione scaturiscono in modo naturale e personale. Leggo commenti in cui viene definito noioso e puerile nello stile, il che è abbastanza insensato. Lo stile non poteva essere altrimenti, tantomeno il linguaggio scanzonato, diretto, riflessivo, semplice nella stesura perché collimante coi pensieri di un 16 enne, del quale rappresenta riflessioni ed elucubrazioni, talvolta ripetitive fino allo sfinimento, perché Holden stesso era sfinito dalla sua mente. Con una semplicità disarmante Holden sviscera, con la sua grande purezza, grandi verità, che talvolta fatichiamo a vedere, lui con due frasi ti inquadra la vita e quello che gli accade, in un batter d'occhio. Di fondo è un innamorato e un curioso della vita stessa, ma vede gli uomini e le storture sociali per ciò che sono, vede in profondità, sebbene descriva le sue sensazioni senza ricchezza di linguaggio, ma con la forza dell'autenticità. Chiaramente riesce a trovare una sua dimensione di reale divertimento e comprensione solo con la sorellina di 10 anni, ancora non contaminata e viva nel suo essere verace e appassionata, della quale sa cogliere l'intelligenza e spontaneità, merce rara, lo entusiasma e lo intrattiene, sebbene non possa farci quei discorsi che sovente fa con i coetanei. Le domande di Holden, strambe per la massa, non stonano in quelle discussioni con la piccola che sa capire tutto ed interrogarsi, è l'unica che in fondo gli chiede " ma Holden non ti piace nulla, dimmi una cosa che ti piace!". Non importa la sua età, la stima per la sua mente così libera e sveglia in quel mondo di cadaveri è il motore che lo ricarica. Holden è commovente con la sua dolce e tenera irrequietezza, è un disadattato, il disadattato per eccellenza, eppure più si va avanti con la lettura e più si percepisce sia l'unico che abbia afferrato il senso più profondo e ultimo delle cose, per questo incapace di stare realmente bene.

Leggi di più Leggi di meno
franco muzzioli
Recensioni: 4/5

Devo ammettere che questo "diario" di un ragazzotto non molto intelligente, problematico coi suoi "eccetera eccetera" , i "compagnia bella" , la vecchia Sally e tutti i "vecchi" giovani amici e parenti che gli stanno attorno , le fughe sgangherate dalla scuola , ma da ogni dove , mi avevano annoiato e infastidito , ma alla fine quando va a casa dal professor Antolini e l'autore esce dal personaggio dando in bocca al prof . qualche perla di saggezza come : " Ciò che distingue l'uomo immaturo è che viole morire nobilmente per una causa, mentre ciò che distingue l'uomo maturo è che vuole umilmente vivere per essa", scopri l'importanza della "parabola" e la sua innegabile importanza.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,92/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(63)
4
(24)
3
(13)
2
(6)
1
(22)

Conosci l'autore

J. D. Salinger

1919, New York

Narratore statunitense. Dopo gli studi universitari a New York, prese parte come sergente di fanteria alla seconda guerra mondiale. A differenza di altri prosatori della sua generazione, Salinger però non privilegia l’esperienza bellica, la trasferisce se mai in un privato simbolico. L’ambiente del romanzo che gli ha dato la celebrità, Il giovane Holden (The Catcher in the Rye, 1951, pubblicato in Italia da Einaudi nel 1961), è quello medio-alto borghese, con i suoi codici di comportamento, il suo conformismo, la sua assenza di valori; se la coppia borghese tende a riprodursi a propria immagine e somiglianza, sarà l’adolescente a tentare di distaccarsi per una propria ricerca di identità, rifiutando, come lo Huck Finn di Mark Twain, di «lasciarsi...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore