Categorie

Gianni Biondillo

Editore: Guanda
Edizione: 4
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 343 p., Brossura
  • EAN: 9788823514287
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vincenzo

    05/09/2016 20.25.36

    Non paragonabile ai primi due gialli. Rileggo Biondillo a distanza di anni e le qualità' che me lo fecero apprezzare allora sono incostanti, il libro con i flashback biografici non mi e' piaciuto. Leggero' comunque gli altri suoi libri, perché lo stile e le idee sono comunque interessanti e mi piacciono.

  • User Icon

    DIABLERA

    26/04/2008 18.14.05

    premettendo che Biondillo mi piace, anche se in questa sua ultima opera ho trovato un maggiore utilizzo di turpiloqio sempre comunque divertente e mai troppo fine a se stesso, questo libro l'ho letto o in 3 o in 4 notti, non ricordo. mitica la presentazione del mio eroe preferito della serie, che non è Ferraro, bensì Lanza sempre immenso, frastornato, non sei mai sicuro se ti sta pigliando in giro o se è la Natura che ha pigliato lui.... non so se l'opera possa definirsi "provvidenziale" nel senso di scritta sfruttando l'onda, magari era, usando un'epifania di kinghiana memoria, una "noce nel cassetto" tirata fuori in un momento di crisi ispirativa. e poi anche se lo avesse scritto in fretta, beh, allora, complimenti Biondillo, l'hai scritto bene, non sei stato scontato e quanto alla leggerezza dei casi.... oh, ma perchè, un ispettore deve per forza indagare su omicidi efferati? ci sono anche sparizioni di animali domestici, piccoli furti, insomma, siamo anche a Quarto Ogiaro, mica New York! unico neo: troppo poco spazio a Lanza, dai Gianni, rimettimeli in coppia come nel primo libro che mi fai andare in visibilio!

  • User Icon

    GIANLUCA

    11/04/2008 12.56.00

    L'HO LETTO IN UNA SETTIMANA...SCORRE VELOCISSIMO... FRA TUTTI, QUESTO è QUELLO CHE MI è PIACIUTO MENO DI BIONDILLO, HO NOTATO TROPPI PERSONAGGI STEREOTIPATI, PENSIERI CARICHI DI LUOGHI COMUNI..E INCREDEIBILI CASUALITà SEMPRE A FAVORE DI FERRARO.... ALCUNI CASI UN PO LEGGERI...(NON ENTRO NEI DETTAGLI PER NON SVELARE NULLA DELLA STORIA) IN OGNI CASO NON MI HA ANNOIATO.... ANCHE I PROSSIMI LI LEGGERO'

  • User Icon

    Mauro

    21/01/2008 12.02.01

    Ho letto questo libro poco prima di "Piramide" di Mankell e non a caso trattandosi in entrambi i casi di prologhi a storie di personaggi che conosciamo da anni e, a parte il confronto con lo scrittore svedese, a Biondillo stavolta attribuisco un voto basso perchè questo volume mi puzza troppo di opera rapidamente costruita per sfruttare il successo di cui gode al momento e che, a mio parere, ha meritato col primo libro e un po' meno col secondo. Ci troviamo di fronte a una serie di situazioni piuttosto scontate anche se a volte ben congegnate ma che si perdono nella frenesia di pagine che si devono susseguire a un ritmo incalzante per poter descrivere in un volume non troppo pesante circa vent'anni di vita di una persona il che, alla fine, ci consegna un lavoro in cui il thrilling è in secondo piano rispetto alle vicende personali del protagonista che però, per ragioni di spazio, finiscono per essere toccate solo superficialmente. Mauro P.S. Spero che il fatto che sia Wallander che Ferraro siano entrambi poliziotti ultraquarantenni con alle spalle un matrimonio fallito e una sola figlia femmina sia solo una curiosa coincidenza.

  • User Icon

    maurizio '.mau.' codogno

    05/11/2007 10.48.00

    Premessa necessaria: io sono prevenuto. Di Biondillo leggerei anche la lista della spesa, perché il suo stile mi piace alla follia. Che dire allora di questa sua ultima opera? Secondo me, la formula dei vari racconti uniti da un filo logico è sicuramente vincente, e si vede che il risultato è migliore di <em>Per sempre giovane</em> che come scrissi era fondamentalmente un unico racconto allungato a formato di libro. E soprattutto abbiamo la possibilità di conoscere il passato dell'ispettore Ferraro, il che - per un autore che ha come programma quello di fare un affresco della periferia milanese - è sacrosanto. L'analisi battistiana nelle pagine iniziali e finali è un bonus che ho apprezzato come chicca più o meno solo per me, e mi ha reso così felice da non imputare a Biondillo l'erroraccio che ha fatto affermando che le sabbiere sono dei tram della serie Peter Witt (sono precedenti ad esse - le vetture 1928 sono più lunghe di quelle che c'erano prima).

  • User Icon

    Massimo

    15/10/2007 22.50.39

    Non un capolavoro, ma godibile come sempre. Riesce a rendere stuzzicanti anche i classici cliché del poliziotto un po’ sfigato, che fuma e non dovrebbe, in crisi con la moglie, ecc ecc.. Interessante ed originale la modalità di dipanare la serie di racconti noir attraverso il filo conduttore della vita del protagonista: un non romanzo sotto forma di romanzo. Un punto in più per gli emozionanti (almeno per me) riferimenti iniziale e finale a Lucio Battisti. Da leggere con piacere.

  • User Icon

    Simone

    28/09/2007 22.16.14

    E' vero che questo libro scava nel passato per approdare al presente così da spiegare un po' di quel che era Ferraro, ma c'era proprio bisogno? Non è male in senso generale, ma alla fine non è niente altro che una serie di racconti (anche belli), di cui sicuramente uno riciclato. Aspetto presto un nuovo rimanzo vero. Simone

  • User Icon

    Sandra

    24/09/2007 15.12.59

    Il migliore tra i libri che Biondillo ha scritto finora: grazie a quest'opera acquista un senso anche "Per sempre giovane", che mi era parso solo un'anonima scimmiottatura di Hornby.

  • User Icon

    la volpe

    04/09/2007 15.27.01

    Ecco, finalmente con quest'ultimo Biondillo conosciamo gioventù, vocazione e prime esperienze di Ferraro, l'amatissimo ispettore che abbiamo già tanto amato negli altri due volumi già pubblicati dallo stesso autore. Ho trovato molto interessante e ben costruito l'intreccio tra i piccoli episodi di criminalità quotidiana provinciale e la storia di Kledi, storia molto tormentata e a tratti commovente. Chi ruota intorno alla generazione di Ferraro sicuramente si sarà ritrovato in piccoli dettagli che ad altri possono sembrare sfuggenti. Non è solo un giallo, questo: è un libro articolato, pieno di vita, e, soprattutto, scritto benissimo.

  • User Icon

    erika

    29/08/2007 23.10.41

    Un romanzo poco convenzionale... nonostante ricomprenda tante storie in una ha comunque sempre un proprio carattere. L'ho letto d'un fiato.

  • User Icon

    Dario

    25/06/2007 12.27.41

    E' il libro di Biondillo che mi è piaciuto di meno. Bella la parte che riguarda i trascorsi dell'ispettore Ferraro, con scrittura agile e veloce; piena di luoghi comuni e con scrittura lenta e noiosa la vicenda al presente che riguarda Kledi. Personalmente non vedevo l'ora di passare da Kledi a Ferraro. Nonostante tutto da leggere, sicuramente non come primo libro di Biondillo; ha scritto di molto meglio.

  • User Icon

    Nicola81

    16/06/2007 13.22.49

    E’ il terzo di Biondillo che leggo (il mio preferito resta Con la morte nel cuore) e al pari degli altri due leggendolo ho anche riso di gusto ma a lettura terminata mi è rimasta una leggera sensazione di malinconia: del resto il talento di Biondillo risiede proprio nella sua capacità di commuovere e divertire, che gli permette di rendere appassionanti storie che raccontate da altri magari sarebbero banali. Siccome poi anch’io sono un fan di Battisti mi è piaciuto molto l’incipit musicale; mi è piaciuto un po’ meno il racconto Strategie (troppo surreale). Comunque il giudizio è positivo e spero che proseguano le indagini dell’ispettore Ferraro!

  • User Icon

    barbara

    29/05/2007 12.42.28

    ... che dire? Quanto scrive Biondillo mi cattura sempre dalla prima riga e mi lascia - a malincuore - all'ultima. Anche se conoscevo già alcuni dei racconti - apparsi su raccolte antologiche - è stato ancora una volta un immenso piacere approfondire la conoscenza dell'ispettore Ferraro.

  • User Icon

    carlo viani

    17/05/2007 14.53.30

    Michele Ferraro. La genesi. Un domino di eventi dove si intrecciano e si mischiano i confini fra professione e vita privata. L'intro musicale con l'analisi della trasformazione di Battisti è un gioiello e lo stesso Battisti lo ritroviamo nel finale da brivido. Un percorso circolare, come quello dei tram milanesi. Finisci il libro e ti viene immediatamente voglia di riprendere in mano i precedenti per capire meglio Ferraro e rileggerlo sotto una luce nuova.

  • User Icon

    Benedetta Colella

    08/05/2007 23.25.41

    Lepidezza, originalità e passione rendono questo libro, a mio avviso, il migliore di Biondillo, che trova la sua piena realizzazione, secondo me, nel bozzetto più che nell’opera, nel racconto più che nel romanzo. Tra un crimine e l’altro, l’autore ci svela il vissuto di Michele Ferraro, il suo personaggio seriale, che sfugge allo stereotipo dell’investigator cortese come a quello dello sceriffo violento e si rivela uomo, con una storia personale straordinaria e normalissima. Tra le beghe di paese e il caos della metropoli, tra violenze private e pubbliche vergogne, il libro si mantiene brioso ed interessante. Un brivido finale rende indimenticabile la conclusione.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione