Giovani e belli. Un anno fra i trentenni italiani all'epoca di Berlusconi - Concetto Vecchio - copertina

Giovani e belli. Un anno fra i trentenni italiani all'epoca di Berlusconi

Concetto Vecchio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Chiarelettere
Collana: Principioattivo
Anno edizione: 2009
Pagine: 167 p., Brossura
  • EAN: 9788861900691

€ 8,30

Venduto e spedito da Libro di Faccia

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un viaggio lungo un anno attraverso l'Italia, durante il definitivo trionfo di Silvio Berlusconi. Da Verona a Milano, da Roma a Catania, Concetto Vecchio percorre il Paese sfiduciato delle nuove leve che non diventeranno mai classe dirigente. I praticanti avvocati sfruttati negli studi legali, le donne single per sempre, i "maniaci" delle chat, la grande bolla della comunicazione, il Sud dei concorsi pubblici "monstre", il talento fatto a pezzi, le fughe all'estero. Solo in Italia a trent'anni si torna a vivere con i genitori. Perché i giovani non riescono a compiere il ricambio generazionale indispensabile per uscire dalla crisi? Da dove nasce questa incapacità? Vecchio mette piede a Montecitorio e scopre gli altri trentenni, quelli che ce la fanno: le nuove stelle del berlusconismo come Elvira Savino, deputata del Pdl, trentuno anni, che in poche settimane passa da illustre sconosciuta a miss Montecitorio, complice il Presidente del consiglio che le farà da testimone di nozze. Un reportage amaro, vivido, pieno di voci e storie, che fotografa il Paese reale. Volete sapere perché è stato scelto Gianni Chiodi come candidato leader alla Regione Abruzzo? Risposta del premier: "Perché è giovane e bello".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dany

    03/09/2012 10:49:10

    la dura realtà del nostro paese. anzikè costruire demoliamo. Nn c'è il merito, ma solo le conoscenze e le raccomandazioni. se nn investiamo sui giovani, saremo 1 paese d vecchi.

  • User Icon

    Paolo

    17/11/2009 10:20:28

    Leggere un libro così può essere certamente utile, non lo definirei tempo perso. Per chi ignora certi meccanismi sarà illuminante per informarsi su determinate situazioni, e a chi è già edotto non fa mai male ogni tanto rinfrescarsi la memoria e ricordare a se stessi come girano le cose qui. Però non nascondo un senso di fastidio latente, quella ambigua e strisciante sensazione che ho avuto già dal titolo, e che non è mai venuta meno fino alla fine. "I trentenni all'epoca di Berlusconi"... Chiunque non sia nato ieri sa benissimo che le cose in questo paese seguono certe logiche perverse da sempre, che vanno stancamente migliorando sotto certi aspetti per un lento ma progressivo innalzamento del livello della coscienza civile, e peggiorando sotto altri per un insieme di numerose congiunture che fanno annaspare tutto il mondo nella stessa barca, e che è davvero ridicolo interpretare in ottica esclusivamente italiana. Ma tant'è, l'autore non è riuscito a esimersi dall'infilare il nome di Berlusconi già sulla copertina. La domanda che mi pongo è: questo giornalista, affiliato a un giornale chiaramente schierato, avrebbe scritto lo stesso identico libro una decina di anni fa (avendone, cronaca alla mano, gli stessi diritti) intitolandolo "I trentenni ai tempi di Prodi"? Non credo proprio. E' questo che mina alla base la credibilità di certe operazioni. Mi chiedo se i disgraziati ragazzi di cui si racconta siano coscienti di essere, come 'personaggi' di questo libro, strumenti di una ambigua operazione politica, oltre che testimoni di un'epoca. Insomma, questi libri te li leggi con interesse, stimolano la riflessione, ma ti lasciano sempre con un però.

  • User Icon

    Rossana

    28/07/2009 07:01:07

    Complimenti, ha dipinto perfettamente la situazione dei giovani in Italia nell'era di "Silvio"...unico neo: in alcuni punti sembra un riassunto di dati....

  • Concetto Vecchio Cover

    Concetto Vecchio è giornalista alla redazione politica de "La Repubblica" e scrive sul Venerdì. È autore di Vietato obbedire (Bur Rizzoli, 2005) sul '68 alla facoltà di sociologia di Trento con cui ha vinto il premio Capalbio e il premio Pannunzio, Ali di piombo (Bur Rizzoli, 2007), Giovani e belli (Chiarelettere, 2009), Giorgiana Masi (Feltrinelli, 2017) e Cacciateli! Quando i migranti eravamo noi (Feltrinelli, 2019). Approfondisci
Note legali