Giovanni Canestrini. Zoologist and darwinist. Proceedings of the international meeting celebrating the first centenary of the death of Giovanni Canestrini (1835-1900

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2001
Tipo: Libro universitario
Pagine: 605 p., ill.
  • EAN: 9788886166980

€ 28,40

€ 56,81
(-50%)

Venduto e spedito da Firenze Libri

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Federico Focher

    24/08/2001 12:45:28

    Lo scienziato trentino Giovanni Canestrini, nato a Revò in Val di Non nel 1835 e morto a Padova nel 1900, viene ricordato a 100 anni dalla sua scomparsa con una esauriente rassegna di studi dedicati alla sua figura di zoologo e apostolo del darwinismo in Italia. Lo scienziato italiano, primo traduttore e divulgatore delle opere di Darwin in Italia, positivista e strenuo combattente per la libertà di pensiero, emerge, nel quadro generale dell’ambiente culurale, scientifico e politico dell’Italia post-unitaria, come uomo di grande intelligenza ed acume, di carattere fermo, sicuro e intraprendente, ma soprattutto come studioso poco incline alla polemica di basso profilo, preferendo il confronto delle idee e dei fatti sulla stampa specializzata agli sfoghi retorici su fogli effimeri. Figlio del suo tempo, Canestrini antropologo fa propri i pregiudizi sulla superiorità degli europei sia in campo fisico che in campo morale, ma più per motivi scientifici che per motivi razzistici o colonialistici. Infatti nella supposta inferiorità fisica e morale dei "selvaggi" egli vorrebbe trovare la conferma dell’evoluzione dell’uomo, il famoso anello mancante tra la scimmia e l’uomo. Darwin, che nella sua opera "The Descent of Man" cita sei volte Canestrini, unico fra gli italiani, e che perfino confessa il suo debito scientifico nella stesura del capitolo sui caratteri rudimentali nell’uomo, ha sempre per il trentino parole di elogio e di stima. La lettura di questo libro, utilissima e stimolante per chi si interessa della storia della scienza italiana, è consigliata anche a chi, impegnato quotidianamente nella ricerca di base, non vuol perdere la prospettiva storica delle sue radici scientifiche.

Note legali