Categorie

Henry James

Editore: Rusconi Libri
Anno edizione: 2011
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788818027907
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silviez

    24/03/2016 11.54.16

    Una lettura particolare, ricca di qualità ma priva di qualcosa che accendesse davvero un'emozione. Magistrale il modo di trasmettere la paura senza scene palesemente terribili ma semplicemente facendo macchinare la mente umana e ricreando situazioni inquietanti. Purtroppo non mi ha molto convinta la storia in sé, il finale non mi ha entusiasmata, anzi, mi ha solamente confusa ed è una sensazione che non amo molto avere una volta conclusa una lettura. Lodevole l'autore per il fatto di aver avuto un'idea così ben riuscita e "moderna" più di un secolo fa. Approfondirò l'autore

  • User Icon

    Nino Amico

    02/03/2015 15.37.50

    Henry James è indubbiamente un grandissimo scrittore e la sua prosa è elegante e molto coinvolgente. Riesce a descrivere magnificamente le emozioni dei protagonisti, ad indagare i meccanismi psicologici alla base del comportamento dei personaggi, ma non riesce, a mio avviso, a suscitare emozioni precise nel lettore. Non c'è nulla infatti che riesca davvero a far paura, nulla che faccia stare con il fiato sospeso. Il romanzo sembra promettere una svolta improvvisa, un colpo di scena, una sferzata negli avvenimenti, qualcosa di eclatante capace di elettrizzare il lettore, di fargli provare finalmente qualche emozione. Ma le emozioni non arrivano mai, neppure nel finale, che ho trovato scialbo, stiracchiato, e davvero dissonante rispetto al resto del romanzo.

  • User Icon

    Massimiliano

    01/11/2012 20.42.05

    Un racconto nel racconto nel racconto. Un gioco di specchi fra immaginazione e realtà, fra pericoli forse reali e angosce tutte interiori, un modernissimo e coraggioso modello di suspense che, una volta concluso, non smette di abitarti.

  • User Icon

    Marco Benetti

    18/04/2012 17.55.53

    Un capolavoro della suspance e dell'angoscia. Un'atmosfera inquietante e ansiogena che ti prende lo stomaco. un'indagine psicologica magistrale. Quando si dice "i grandi" della letteratura. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Mimi

    04/07/2005 19.28.42

    Ecco un romanzo decisamente inconsueto, a metà tra irrealtà e realtà, intrigante e misterioso. Siamo di fronte ad un James un po' diverso dal solito ma sicuramente originale e soddisfaciente.

  • User Icon

    Simona

    07/12/2004 16.59.29

    Non il miglior Henry James a mio avviso, ma comunque una buona lettura specie se si considera la bravura dell'autore nel rendere la paura senza ricorrere al sangue ma attraverso le inquitudini della mente. Concordo a pieno con la frase di Alessandro: la paura e l'orrore non sono fuori ma dentro la mente umana.

  • User Icon

    Lucia

    27/02/2004 10.59.42

    Un libro bello e misterioso, oltre ad essere molto scorrevole. Leggetelo!

  • User Icon

    Alessandro

    18/09/2003 13.00.04

    Una giovane insegnante di belle speranze accetta di diventare istitutrice di Miles e Flora, due fratellini che vivono, per volere dello zio tutore, a Bly, un'antica e tetra villa situata nella campagna inglese. Tutto scorre tranquillo fino a quando la ragazza incontra, suo malgrado, le angoscianti e spettrali presenze che infestano la dimora. "Giro di vite", scritto da Henry James nel 1898, è indubbiamente uno splendido romanzo gotico che, a suo tempo, ha rivoluzionato la narrativa classica horror e in particolare le ghost story. Per spaventare il lettore James non usa mostri o fantasmi senza testa, ma visioni e descrizioni tutto sommato "normali", il vero orrore e ciò che fa più paura si nasconde dentro la mente umana.

  • User Icon

    Francesca B.

    02/05/2003 19.36.43

    Un capolavoro dell'orrore, ma soprattutto un capolavoro tout court. E' l'esempio magistrale di come un grandissimo scrittore sappia far sudare freddo il lettore senza sprofondare nella macelleria.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione