La gita delle ragazze morte. Testo tedesco a fronte

Anna Seghers

Curatore: R. Calabrese
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2010
Pagine: 121 p., Brossura
  • EAN: 9788831707039
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    19/08/2017 09:53:07

    L'idillio prima del confliitto, gli incanti di un ricordo perfetto in tutte le sue ricchezze dentro una vigilia di lunghissimo buio. E le sorti di quest'amaro contrasto affidate ai fogli di un racconto superlativo, fra gli indimenticabili di un Novecento tanto sfregiato. Coralita' e abbandono, distensione piu' che condivisa in una gita negli anni dieci del secolo, ma negli stessi luoghi che presto saranno teatro di ben altre sorti. Un paesaggio umano e geografico sul quale irrompera' il barbaro annuncio delle armi, l'onda malata di un trentennio che poi sfocera' nel lercio e demenziale alfabeto del nazismo. La Seghers dosa ogni passaggio e ogni dialogo fermandoli come in un'atmosfera timorosa e ignara insieme del futuro vicino; qualcosa si avverte nell'aria, qualcosa sfiora le narici dell'intuito, ma domina un senso di liberta' che commuove, la cornice e' come un castissimo adagio che libera le menti, sguardi e respiri paiono sospendersi in un rifiuto cosciente. E' tutta li' la bravura, in quel seme di breve promessa non ancora tarlato dal nonsenso imminente. Una specie di resistenza anteriore alle fauci folli e sanguinarie che stanno per affacciarsi. Novella magistrale dove la memoria si fa custodia di un prima che non tornera' piu' e di destini che presto si spezzeranno scegliendo ognuno ia propria strada. Restera' pero' quella gita, quel sogno, quel preludio gioioso e freschissimo che scansera' in un sempre stupendo ogni terrifica rotta di male.

  • User Icon

    paolo g

    07/04/2016 14:22:41

    Breve, ma molto bello. Un pacato ma assordante grido di dolore e denuncia di un regime e una guerra inumani, attraverso i volti e gli atti di una gioventù che non c'è più se non nel ricordo. Struggente per la materia trattata, originale per l'atmosfera onirica e i vari piani temporali che si accostano illuminando tutto.

Scrivi una recensione