Il giudice e il suo boia

Friedrich Dürrenmatt

Traduttore: D. Berra
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2015
Pagine: 121 p., Brossura
  • EAN: 9788845930263
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

«Dicevi che è da stupidi compiere un delitto, perché non è possibile muovere gli uomini come figure su una scacchiera. Io allora per contraddirti, ma senza vera convinzione, sostenni che proprio il garbuglio dei rapporti umani ti permette di compiere delitti che non si possono scoprire.»

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, "demonio in forma umana", ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Bärlach - e vincere la temeraria scommessa fatta in una bettola sul Bosforo - getta uno sconosciuto dal ponte di Galata. Ormai i due sono incatenati l'uno all'altro. Per oltre quarant'anni il commissario seguirà imperterrito le orme di Gastmann, nel vano tentativo di fornire le prove dei delitti via via più audaci, efferati e sacrileghi che costui ha commesso per capriccio. Finché un giorno l'assassinio dell'ispettore Schmied della polizia di Berna - la città dove Bärlach è nato, e che lui chiama il suo "aureo sepolcro" - lo metterà nuovamente di fronte al suo nemico, e al sinistro viluppo di trame politiche e finanziarie di cui questi tira le fila. A Bärlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti una volta per tutte. Ormai ha emesso il suo verdetto - ed è una condanna a morte. Quando Georges Simenon, che di noir se ne intendeva, lesse questo romanzo cupo, implacabile e lacerante, disse semplicemente: "Non so che età abbia l'autore. Se è alla sua prima prova, credo che farà strada".

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,25 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giada

    06/12/2018 21:05:53

    Brevissimo ed intricatissimo giallo con una soluzione eccezionale. Il maestro non delude mai.

  • User Icon

    Elena8573

    24/08/2018 09:58:47

    Una notte di innocenti confessioni giovanili e tutti gli eventi che ne deriveranno sono alla base di questo romanzo intricato come un pugno serrato su rovi spinosi. Buono e cattivo, giusto e sbagliato vengono messi in relazione, amalgamandone le conseguenze e rendendo tutto "opaco" ma tanto reale. La natura umana viene descritta nelle sue più ampie sfaccettature e le azioni nascono dai motivi più disparati. Un romanzo potente e nichilista, consigliato anche per chi come me non è un amante di gialli, Durrenmatt va oltre il genere a mio avviso. Tratto dal romanzo:" Per la paura che abbiamo gli uni degli altri, von Schwendi" prese a dire Lutz quasi sottovoce "noi uomini fondiamo degli Stati, ci contorniamo di guardie di ogni tipo, di poliziotti, soldati, dell'opinione pubblica; ma a che ci serve?"'

  • User Icon

    angelo

    24/01/2018 14:26:39

    Ingredienti: un vecchio e malato commissario affamato di giustizia, il cadavere di un collega come ultimo caso di una vita, un “delitto perfetto” con un unico indiziato al di sopra di ogni sospetto, un “intrigo internazionale” fatto di interessi economici, ombre del passato, retroscena inattesi. Consigliato: a chi vuole scoprire un giallo tipicamente hitcockiano arricchito di venature filosofiche, a chi vive o recita un ruolo di giudice, imputato, vittima e carnefice.

  • User Icon

    n.d.

    16/10/2017 16:22:28

    Penso che i libri di Durrenmatt possono piacere molto o essere odiati. Io ricado nella prima categoria: lo stile di questo libro è secco, la trama riserva molte sorprese, alla fine si è incerti sul significato ultimo del libro: ma anche la vita è cos', no?

  • User Icon

    Federico

    17/04/2017 09:10:20

    Italian Book Challenge - 8) Un libro con meno di 150 pagine: Il giudice e il suo boia, di Dürrenmatt, tra dialoghi e discorsi sopraffini, mostra la capacità introspettiva dell’Autore. Ambientato in paesini svizzeri di metà ‘900, un omicidio coinvolge i protagonisti in una vicenda che, non priva di colpi di scena, si dimostra un ottimo classico poliziesco.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione