Il giuramento - Claudio Fava - ebook

Il giuramento

Claudio Fava

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: ADD Editore
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 489,91 KB
Pagine della versione a stampa: 123 p.
  • EAN: 9788867832422

54° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa italiana - Di ambientazione storica

Salvato in 2 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le teste si possono tagliare o contare. Nel 1931 il regime fascista scelse entrambe le soluzioni e impose a tutti i professori universitari un giuramento di fedeltà al duce. Giurarono in 1238. Solo in dodici si rifiutarono. Questo è il racconto di uno di quei dodici, ed è liberamente ispirato alla figura di Mario Carrara, medico legale, uno dei primi a rifiutare il freddo censimento con cui Lombroso aveva insegnato a catalogare gli uomini e le anime. Mentre l'università celebra il concetto della razza, le carriere si fanno con la tessera del partito, gli studenti indossano le camicie nere anche a lezione, Carrara intuisce l'agonia scellerata del Paese e quando il rettore gli comunica data e prescrizioni del giuramento, ossia fedeltà al re e a Mussolini, capisce di non poterlo fare. Non per puntiglio ideologico ma per sentimento di decenza. Perché quel giuramento è anzitutto ridicolo, grottesco, fasullo. In una parola: indecente. La storia di Mario Carrara è metafora involontaria eppure inevitabile su questo nostro tempo, pervaso da nuovi conformismi e da antiche rassegnazioni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gerico

    29/08/2019 01:15:09

    Una scrittura travolgente quella di Claudio Fava, figlio di Pippo Fava, intellettuale e giornalista ucciso dalla mafia nel 1984. Claudio Fava si è formato nella fucina della redazione I Siciliani, collaborando proprio con il padre, ereditando una genetica lessicale che lo fa essere un autore superbo. Il romanzo è ambientato nell'Italia degli anni Trenta, quando il regime fascista cercò di imporre il suo totalitarismo partendo dagli ambienti accademici, dove comunemente dovrebbero esserci liberi pensatori. Certamente lo era Mario Carrara, antropologo e medico legale torinese nel quale trova ispirazione il romanzo. Il professore si rifiuta di giurare fedeltà al regime e al Duce, mantiene integra la sua intellettualità perché sente di essere libero attraverso il sapere e quella dedizione ordinaria, scandita giorno per giorno. Nemmeno di fronte al corpo esanime di un suo ex corsista c'è la commozione scontata e banale imposta dalla morte. Il professore difende il suo rigore e impartisce la sua ultima lezione ai suoi allievi, ai carnefici del regime e alla morte stessa. La cornice storica è allietata dalle conversazioni di due vecchi amici: Alfredo Gualtieri e il docente universitario. Sono lo yin e lo yang di un romanzo strepitoso, dove ogni parola è una luce che frammenta il buio per restituisce dignità e memoria a chi coraggiosamente seppe dire NO.

  • Claudio Fava Cover

    Deputato europeo e coordinatore nazionale di Sinistra Democratica, oggi Claudio Fava è tra i promotori della lista e del progetto politico di Sinistra e Libertà.Laureato in Giurisprudenza, giornalista professionista dal 1982, ha lavorato per il Corriere della Sera, l'Espresso, l'Europeo e la Rai, in Italia e dall'estero.Dal 1984, dopo l'uccisione del padre, ha assunto la direzione de "I Siciliani" raccogliendo, assieme a tutti gli altri giovani compagni della redazione, il testimone di una battaglia che ha saputo fare di questa rivista un laboratorio di nuova cultura della legalità e dell'impegno antimafioso.Corrispondente per l'Espresso dall'America Latina alla fine degli anni Ottanta, è stato inviato speciale per molti giornali su numerosi fronti di pace e di... Approfondisci
Note legali