Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Giuseppe Verdi. La Traviata (DVD) - DVD di Giuseppe Verdi,Georg Solti

Giuseppe Verdi. La Traviata (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giuseppe Verdi
Direttore: Georg Solti
Supporto: DVD
Numero supporti: 1
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 26 febbraio 2001
  • EAN: 0044007143193
Salvato in 1 lista dei desideri
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    paolob.

    24/09/2007 22:11:18

    lo spettacolo andato in scena al Convent Garden nel 94 è non brutto:INUTILE!La regia è praticamente inesistente,e se si fa notare ci costringe a chiudere gli occhi(guardare che cosa fa la protagonista nell'ultimo atto),i comprimari sono vocalmente un disastro e scenicamente solo discreti,Nucci tenta di imporre la sua personalità scenica da grande artista ma è frenato da una regia che vuole come Germont un vecchiaccio crudele e di superficiale moralismo,Lopardo si strangola in alto,ingrossa la voce o pseudo-voce se la si vuole chiamare a rigor di termine e interpreta sempre sopra le righe.Resta la Gheorghiu:che non è una grande Violetta:la voce è delicata,dolce e sicura nelle asperità vocali delprimo atto,un qualche lato tragico lo sa trasmettere al personaggio grazie anche all'idoneità fisica della cantante,ma siamo ben lungi da definire questa starletta della lirica una eccelsa cantattrice:tanto professionismo,molto manierismo,troppo divismo. La bacchetta di Solti è sicura e teatralissima.

  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
  • Georg Solti Cover

    Direttore d'orchestra ungherese naturalizzato inglese. Allievo di Kodály, iniziò la carriera nel campo operistico come direttore musicale dell'Opera di Monaco, poi di Francoforte e dal 1961 al '71 della Royal Opera (Covent Garden) di Londra, con un repertorio comprendente la quasi totalità delle opere di Mozart, Verdi, Wagner e R. Strauss (anche in disco e in video). In seguito si dedicò anche al repertorio sinfonico, alla guida della Chicago Symphony (1969-90) e della Filarmonica di Londra (1977-83). Dal 1992 fu direttore artistico del Festival di Primavera di Salisburgo. Interprete di forte temperamento, si fece via via più duttile e disteso pur mantenendo intatta la sua forza comunicativa; raggiunse esiti memorabili in Wagner e Strauss e, in campo sinfonico, in Beethoven e Mahler. Approfondisci
Note legali
Chiudi