Good Feelin' (180 gr.) - Vinile LP di T-Bone Walker

Good Feelin' (180 gr.)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: T-Bone Walker
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Elemental Music
Data di pubblicazione: 30 settembre 2016
  • EAN: 8435395501245

€ 25,90

Punti Premium: 26

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo LP Elemental Music contiene uno degli album meno conosciuti del grande bluesman T-Bone Walker: “Good Feelin’”. Registrato a Parigi nel Novembre del 1968, “Good Feelin’” è stato l'album che ha riacceso l'interesse del pubblico per la vita e la musica di Aaron "T-Bone" Walker in tutta Europa, e anche in alcune parti degli Stati Uniti. L'album inizia e si chiude con Walker al pianoforte. La band che lo accompagna nelle altre dieci tracce è composta dal chitarrista Slim Pezin, dal pianista Michel Sardaby, dal camerunense Manu Dibango al sassofono tenore, Pierre Holassian all’alto, Francis Cournet al baritono e da un trombettista misterioso. Ogni traccia è deliziosa, il funky strumentale “Poontang” forse più di tutte.
Disco 1
1
Good Feelin’
2
Everyday I Have The Blues
3
Woman You Must Be Crazy
4
Long Lost Lover
5
I Wonder Why
6
Vacation
7
Shake It Baby
8
Poontang
9
Reconsider
10
Sail On Little Girl
11
When I Grow Up
12
See You Next Time
  • T Bone Walker Cover

    Propr. Aaron Thibeaux Walker. Chitarrista e cantante statunitense di blues. Alunno della territory band di Les Hite, fu il primo grande solista di chitarra elettrica sulla scena blues, punto di riferimento per importanti «bluesmen» del dopoguerra. Con il suo incisivo fraseggio strumentale (ricco di swing e corredato da una caratteristica trama di accordi e arpeggi) e con il suo canto pastoso e ombreggiato, intriso di humor, ha lasciato un'impronta profonda nell'intero panorama del rhythm and blues texano-californiano. Call it Stormy Monday, il suo hit nero del 1948, è il più popolare dei blues postbellici. Approfondisci
Note legali