Gradus Ad Parnassum vol.3

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Muzio Clementi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 31 ottobre 2012
  • EAN: 0747313232772
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 6,90

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,20 €)


Ritenuto da molti studiosi il “padre del pianoforte”, Muzio Clementi fu un virtuoso di grande talento, un compositore di eccellente ispirazione, un avveduto editore e un innovativo costruttore di strumenti, attività che gli consentirono di condurre una vita molto agiata. Pubblicato nella sua versione definitiva in tre volumi nel 1826, il Gradus ad Parnassum è una raccolta di 100 studi irti di difficoltà di ogni genere destinati a condurre gli allievi di pianoforte alla più alta perfezione tecnica e musicale. Sebbene dall’epoca della sua prima pubblicazione sia stato studiato da legioni di pianisti, il Gradus vanta oggi una discografia incredibilmente striminzita e l’integrale affidata dalla Naxos al giovane Alessandro Marangoni – che con questo disco raggiunge il terzo dei quattro volumi previsti – è l’unica che veda un solo interprete ad affrontare questi trascendentali – ma godibilissimi – studi di Clementi.

Vincitore di parecchi premi sia in Italia sia all’estero, Alessandro Marangoni ha iniziato una intensa carriera concertistica che lo vede protagonista sia in veste solistica sia come membro di formazione da camera in un repertorio molto vasto.
  • Muzio Clementi Cover

    Pianista e compositore. Studiò nell'ambiente musicale pontificio. Ancora adolescente, fu assunto come organista nella chiesa di S. Lorenzo in Damaso. Nel 1766 fu udito come clavicembalista da un ricco viaggiatore inglese, sir Peter Beckford, il quale s'impegnò col padre a educarlo e mantenerlo per sette anni nella sua residenza di Fonthill Abbey nel Dorsetshire. In questo periodo denso di studi, C. maturò il proprio stile pianistico, cominciando con l'associare l'eredità clavicembalistica italiana (soprattutto scarlattiana) col classicismo di Haydn e con lo stile galante praticato da J. Christian Bach (il «londinese»), musicista che poco prima aveva già influito sulla formazione del giovanissimo Mozart. Nel 1778 si trasferì a Londra (la cui vita musicale era animata da Bach e Giardini), intraprendendo... Approfondisci
Note legali