La grande fuga

The Great Escape

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Great Escape
Regia: John Sturges
Paese: Stati Uniti
Anno: 1963
Supporto: DVD
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 10,50

Venduto e spedito da Allstoreshop

Solo 1 prodotto disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Durante la Seconda Guerra Mondiale un gruppo di soldati anglo-americani, prigionieri in un campo di concentramento nazista, decide di tentare una clamorosa fuga per sottrarre truppe nemiche al fronte. Il film ha avuto un seguito nel 1989.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 4
5
2
4
1
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Bookworm

    06/08/2020 15:07:21

    Un classico degli anni Sessanta, che ti fa dubitare che davvero i tedeschi siano stati così "gentili" con i prigionieri nemici o se invece nel film non abbiamo addolcito la situazione per non spaventare il pubblico. Chi adora come me Galline in fuga, noterà le somiglianze.

  • User Icon

    Michele Bettini

    02/02/2017 15:42:36

    Una bufala paragonabile a FUGA PER LA VITTORIA. Può considerarsi il seguito de I MAGNIFICI 7, lanciando definitivamente 3 o 4 attori e lo stesso regista, che avevano partecipato con successo commerciale alla bufala western. Questi prigionieri sembra stiano in villeggiatura. Ci sono solo due aspetti verosimili: i tedeschi trattavano bene i prigionieri anglo-americani; Ma non perdonavano chi scappava. In America non hanno mai fatto film sui prigionieri tedeschi e giapponesi in mano degli americani, trattati in dispregio delle convenzioni e di ogni sentimento umano. Attori tutti avanti negli anni, non ad interpretare, ma a recitare e a voler fuggire per patriottismo e non per ritrovare la libertà. Tutto il materiale di risulta proveniente dalle gallerie che scavavano di nascosto questi priogionieri dove finiva? Molto più serio e credibile era un film dello stesso genere: STALAG 17

  • User Icon

    Ernesto

    11/06/2014 16:32:56

    Non so come sia andata nella realtà, ma mi pare che qui i prigionieri vista la libertà di movimento a loro concessa(anche troppa)non se la passassero poi tanto male. Come suggerito dal comandante del campo avrebbero potuto aspettare insieme la fine della guerra nel campo di prigionia, anche se viste le varie attività educative(svolte per un secondo fine)sarebbe stato più giusto chiamarlo campo ricreativo. Comunque il film non è male, specialmente la seconda parte.

  • User Icon

    DJ

    25/09/2005 16:10:03

    fILM MITICO!!! Attori spettacolari primo fra tutti il solo e unico re del cool!!!!!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2008
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 165 min
  • Lingua audio: Italiano;Francese;Inglese;Spagnolo;Tedesco
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici: commento audio con il cast e la troupe
  • Allegati: booklet
  • Steve McQueen Cover

    Attore statunitense. Passa una giovinezza di stenti e mestieri precari e d'istinto arriva ai corsi del celebre Actor's Studio, dove impara a controllare la sua fisicità irruente ottenendo, dopo gli esordi in teatro, una parte al fianco di P. Newman nel pugilistico Lassù qualcuno mi ama (1956) di R. Wise. Nel 1960 si arruola nel gruppo di pistoleros-mercenari di I magnifici sette di J. Sturges e nel 1963 primeggia da protagonista in La grande fuga, ancora di Sturges, in cui impone definitivamente il suo personaggio tutto azione e maschera da duro. Asciutto e scattante in un'epoca non ancora di fitness ed eroi muscolari, aggiunge una serie di sfumature ai suoi adrenalinici personaggi trovando un giusto equilibrio fra azione pura e recitazione fino a raggiungere uno stile ancora imitato dai divi... Approfondisci
  • James Garner Cover

    Nome d'arte di J. Scott Bumgarner, attore statunitense. Lascia la scuola a sedici anni per entrare nella marina mercantile. Esordisce a Broadway nel 1954 in un piccolo ruolo da comparsa. Soltanto dopo qualche anno di gavetta in televisione, il regista D. Butler lo fa debuttare al cinema nel 1956 in La ragazza che ho lasciato. Il successo arriva grazie a un contratto con la Warner Bros che lo impegna nel serial televisivo Maverick (1957) di F. Adreon e altri, in cui interpreta un uomo sempre pronto a usare il suo ingegno per cavarsi dai pasticci. Lascia la serie per questioni economiche e passa al cinema, dove gli affidano personaggi simili a quelli che aveva interpretato in tv. Torna poi al cinema da star in Fammi posto tesoro (1963) di M. Gordon, e La grande fuga (1963) di J. Sturges. Riappare... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali