Editore: Mondadori
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 664,41 KB
  • Pagine della versione a stampa: 452 p.
    • EAN: 9788852089206
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 9,99

    Venduto e spedito da IBS

    10 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione

    Quando Ernt Allbright torna dalla guerra del Vietnam è un uomo profondamente instabile. Dopo aver perso l'ennesimo posto di lavoro, prende una decisione impulsiva: trasferirsi con tutta la famiglia nella selvaggia Alaska, l'ultima frontiera americana, e cominciare una nuova vita. Sua figlia Leni, tredici anni, è nel pieno del tumulto adolescenziale: soffre per i continui litigi dei genitori e spera che questo cambiamento porti a tutti un futuro migliore. Mentre Cora, sua moglie, è pronta a fare qualsiasi cosa per l'uomo che ama, anche se questo vuol dire seguirlo in un'avventura sconosciuta. All'inizio l'Alaska sembra la risposta ai loro bisogni: in un remoto paesino, gli Allbright si uniscono a una comunità di uomini e donne estremamente temprati, fieri di essere autosufficienti in un territorio così ostile. Però quando l'inverno avanza e il buio invade ogni cosa, il fragile stato mentale di Ernt peggiora e il delicato equilibrio della famiglia comincia a vacillare. Ora, i tanto temuti pericoli esterni - il ghiaccio, la mancanza di provviste, gli orsi - sembrano nulla in confronto alle minacce che provengono dall'interno del loro nucleo famigliare. Chiusi in un rifugio angusto, ricoperto di neve e immerso in una notte che può durare fino a diciotto ore, Leni e sua madre devono affrontare una cruda verità: sono sole. In quel luogo feroce, ai confini del mondo, non c'è nessuno che possa salvarle.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Giulio

      12/11/2018 20:19:00

      un libro molto bello ed emozionante con una descrizione dell'alaska veritiera dovrebbe essere letto soprattutto dagli uomini proprio bello

    • User Icon

      Giorgi75

      12/11/2018 20:10:24

      Appena terminato questo bel libro, ambientato in Alaska, con una storia che parte lenta ma poi ti prende a ogni pagina.. Veramente stupenda l'ambientazione.. Finale un po' scontato ma merita comunque di essere letto perché ogni pagina ti porta in un posto che ti affascina nonostante le asperità.. Bello, lo consiglio..

    • User Icon

      Patry

      07/11/2018 18:25:57

      Un impatto leggero, forte ed emozionante, ben scritto e descritto, una storia affascinante , superba, indimenticabile!!

    • User Icon

      Martina

      28/10/2018 09:06:17

      Libro scritto molto bene, mi ha emozionata molto purtroppo il finale non è stato dei migliori ma comunque un bel libro, niente male! Sicuramente leggerò qualcos'altro dell'autrice.

    • User Icon

      aledifra

      21/10/2018 19:02:27

      Mi sono lasciata convincere da tutti i commenti positivi ma questo romanzo è stata per me una delusione. Personaggi senza alcuno spessore psicologico: o buoni o cattivi, o vittime o carnefici. L'attribuzione ai protagonisti di ogni genere di tragedia e di tormento, poi, alla lunga stanca rendendo la narrazione particolarmente artificiosa.

    • User Icon

      maria grazia

      19/10/2018 15:19:36

      Non è scorrevole come l'usignolo ma è comunque scritto bene. Quello che non mi ha convinto è il finale positivo ad ogni costo.

    • User Icon

      Stefano

      09/10/2018 17:50:45

      Affascinante, merita la lettura soprattutto da parte degli uomini per provare ad immedesimarsi in un qualcosa di non conosciuto. Una grande cornice dell'Alaska rende tutto molto introspettivo

    • User Icon

      Edoardo

      23/09/2018 18:40:15

      Bel libro molto coinvolgente e scritto molto bene, ti teletrasporta in un altro mondo!

    • User Icon

      Carlo

      23/09/2018 18:28:34

      Emozione pura per un romanzo che non potrò mai dimenticare. Lo consiglio a chi cerca letture di spessore.

    • User Icon

      PDL

      23/09/2018 17:32:48

      Una lettura scorrevole e molto piacevole che fa vivere ambienti inesplorati e magici come quello in cui si intrecciano le vite dei pochi abitanti che popolano l'Alaska negli anni '70. Le tragiche vicende familiari della giovane protagonista vengono raccontate parallelamente alla desolazione e alle condizioni di estrema difficoltà in cui versano le poche famiglie che, per sfuggire ad un Paese da cui non si sentono più rappresentati, l'America, hanno deciso di rifugiarsi in un angolo di mondo in cui l'unica parola chiave è la sopravvivenza.

    • User Icon

      Luca

      23/09/2018 17:11:21

      Se avete amato L'Usignolo, la scrittura di Kristin Hannah sarà una piacevole conferma. Se non lo avete letto, ne Il grande invernoscoprirete un'autrice capace di catturare e commuovvere il lettore con una storia piena di personaggi talmente ben delineati da sembrare reali. E poi c'è l'Alaska, una terrra selvaggia e imprevedibile, dove "puoi diventare la migliore versione di te stesso e fiorire oppure fuggire a gambe levate dall'oscurità, dal freddo, dalal fatica". Kristin Hannah lo sa bene: ci ha vissuto, e ce lo racocnta in maniera affascinante e devastante. Un romanzo in cui si impara che i modi per smarrirsi e ritrovarsi sono prima di tutto dentro di noi. Bellissimo, da leggere con un fazzoletto a portata di mano.

    • User Icon

      Morena

      23/09/2018 13:14:14

      Lettura piacevole e molto scorrevole. Questo libro mi ha incuriosita molto fin dalle prime pagine. I personaggi sono ben definiti e il paesaggio per la sua natura selvaggia e incontaminata influenza molto le loro vite.

    • User Icon

      Marco

      22/09/2018 16:33:06

      La narrazione riesci a catturarti e l’ho letto in una notte

    • User Icon

      Agostino

      21/09/2018 17:13:50

      L’autrice de ‘Il grande inverno” è un po’ sadica o molto furba? Oppure le due cose insieme? Perché attribuisce ai protagonisti del romanzo ogni immaginabile guaio e tormento. Ma ha scritto così bene che il lettore ci soffre, ci soffre tanto, però continua a leggere catturato da un’indubbia abilità narrativa. Il lettore è succubo di tanta sofferenza e si sente alla fine alquanto masochista perché non riesce a buttar via il libro. Né mi induce a cambiare il giudizio un finale strappalacrime zuccheroso, tipicamente all’americana.

    • User Icon

      mamu

      21/09/2018 13:05:39

      Dalla trama sembra un libro davvero pesante ed invece è stata una piacevole sorpresa! Bellissima narrazione con una simbiosi tra gli stati d'animo dei protagonisti e lo spazio che li circonda. Terre lontane e problemi vicini...un tema che ho apprezzato molto e mi ha condotto velocemente all'ultima pagina del romanzo della Hannah.

    • User Icon

      Rosy

      21/09/2018 12:38:54

      Libro recente che ho già avuto modo di leggere visto che lo aspettavo da molto tempo. Un libro scritto bene che ci trasporta in posti fantastici e descritti in modo magistrale. Si tratta di una epica storia d'amore che parla anche di una famiglia forte che affronta tutta una serie di difficoltà. Un romanzo di ottima qualità.

    • User Icon

      Noemi

      20/09/2018 06:09:52

      Interessante la descrizione dei personaggi. È un libro che ti cattura e lo finiresti in men che non si dica. Letto più e più volte, ed è sempre una scoperta. Consigliato

    • User Icon

      Napoli

      19/09/2018 09:56:16

      Non ha niente a che vedere con gli ultimi scritti dallo stesso autore, ma lo consiglio

    • User Icon

      Rita

      18/09/2018 20:07:24

      Io i romanzi ambientati in terre remote, che diano adito a lunghe e prolisse descrizioni, li evito come la peste. Quelli storici, invece, soprattutto se scritti bene, li vado cercando con il lanternino, sperando di trovarne qualcuno che riesca a soddisfarmi. E, avendo già avuto un'esperienza positiva con "L'usignolo", ero certa che "Il grande inverno" non mi avrebbe delusa. Esso si è rivelato migliore di quanto mi aspettassi all'inizio, quando ero ancora sopraffatta dalla noia. Gli eventi prendono improvvisamente una piega avvincente ed inaspettata, tanto che risulta impossibile non sentirsi pienamente coinvolti. Le gioie e i dolori dei personaggi diventano le tue, ne condividi le frustrazioni e i sogni nel cassetto, in particolare quelli di Leni. La tematica che la riguarda da vicino, quella dell'abuso domestico, è stata per me ragione di commozione e rabbia in più di un'occasione: come lei, infatti, ero divisa tra l'amore nei riguardi della persona più importante della sua vita e l'odio verso il mostro che ne aveva preso il posto, spazzando via un'intera vita di affetto ed attenzioni. Fonte di emozioni incontenibili anche le storylines di Matthew e Cora, profondamente legate a quella di Leni.

    • User Icon

      Corrado

      18/09/2018 19:29:12

      Un romanzo davvero sorprendente in grado di scaturire emozioni contrastanti. Mi ha fatto sentire vivo, perché è una storia colma di amore e di angoscia, di momenti commoventi e di altri sorprendenti. E sapevo che avrei trovato anche in questa storia giovani donne forti, determinate, ma soprattutto coraggiose, che non si arrendono davanti a nulla, nemmeno a quello che l’Alaska dona e toglie. Un libro che ti circonda e che ti fa sentire protagonista della storia

    Vedi tutte le 36 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione