Il grande libro degli Sgnuk. Guarda oltre le apparenze!!

Guido Sgardoli

Editore: Giunti Junior
Collana: Graffi. 12 anni
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 8 marzo 2006
Pagine: 224 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788809041882
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Alla morte dello strampalato nonno, Yndig trova "Il grande libro degli Sgnuk", un volume in cui si descrivono questi piccoli, strani ometti che non si fanno vedere, prendere e avvicinare. Gli Sgnuk sono creature incantate, dispettose e furbette, mobilissime eppure fotografabili (ma solo un pezzetto per volta). Per vedere uno Sgnuk (o un camaleonte), bisogna imparare ad andare oltre le apparenze. Yndig, afflitto da pronuncite, struttite e quattrocchite, decide che non avrà pace finché non sarà riuscito a catturane uno! Età di lettura: da 12 anni.

€ 5,86

€ 6,90

Risparmi € 1,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Bambini e ragazzi in libreria e in biblioteca solitamente la prima cosa che chiedono è "un libro che fa ridere" (o fa paura, meglio se le due cose sono insieme). Ma libri di questo genere se ne trovano pochi, perché la letteratura per l'infanzia, soprattutto quella italiana, per vecchia tradizione di origine deamicisiana ha sempre prediletto far piangere per educare, ammaestrare, insegnare. Guido Sgardoli, che di mestiere fa il veterinario, è il segno felice che qualcosa sta cambiando anche da noi; e infatti ha scritto un racconto che si fonda sui tre caratteri fondamentali del comico: di situazione, di azione e di linguaggio. In Danimarca, terra di miti e di fiabe, se esiste la Sirenetta, perché non possono esistere gli Sgnuk? Che non sono folletti o gnomi o elfi né fantasmi, ma esserini pressoché invisibili e inafferrabili che un po' ricordano gli Sgraffignoli della famosa saga di Mary Norton. Yndig, un ragazzo grassissimo, con lenti spesse come bottiglie, con un difetto di pronuncia (Che cofa è fuffeffo, profefforeffa? Non fuffurare!), con genitori squallidi che lo insultano in continuazione ("Stupido babbeo di un lardoso ciccione", "Ciccionazzo quattrocchi", "Scimunito pancione e trippone!"), per evitare di essere rinchiuso nella Grande Casa dei Matti deve catturare uno Sgnuk. La situazione precipita, con esilaranti effetti comici, quando per prendere Yndig arrivano insieme auto della polizia e ambulanze del manicomio, e poliziotti e infermieri fanno a pugni per la precedenza. Si ride, a tratti con un retrogusto amaro per l'insipienza e lo squallore dei grandi. Con un lieto fine a contrappasso che vede i ripugnanti genitori "yndigitizzati", cioè diventati bassi, grassi, semiciechi e blesi.
  Fernando Rotondo