Categorie

Charles Dickens

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 720 p.
  • EAN: 9788804534396

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    italo

    11/11/2014 09.10.45

    Ho amato David Copperfield e Oliver Twist...amo leggere i grandi classici da sempre ...ma questo...660 pagine di niente...no, non mi è proprio piaciuto. Troppo lento e personaggi senza spessore a volte disgustosi

  • User Icon

    Roberta

    14/01/2013 09.07.01

    Mi sono talmente affezionata ai personaggi di questo racconto che quando sono giunta alla fine della storia mi e' dispiaciuto tantissimo. E' un romanzo che, fin dalle prime pagine, ci trascina in un mondo potentemente intriso di epoca vittoriana. E lo fa attraverso il suo protagonista principale, nonchè narratore delle vicende in prima persona: Philip Pirrip, per tutti Pip, orfano allevato dalla (manesca) sorella maggiore e dal cognato. Pip inizierà un viaggio trascinando, noi lettori, del 1860 in una trama ricca di sentimentalismi, e di sorprese. Cosa ho capito leggendo questo libro? Che sogni e speranze rendono il percorso di qualsiasi crescita molto faticoso, ma che le speranze non vanno abbandonate, mai.

  • User Icon

    Francesco

    14/05/2010 22.11.55

    Le storie di Dickens sono l'occasione più brillante e maggiormente audace, in cui ci si possa calare, per incontrare la natura umana, in tutta la sua profondità: "Grandi Speranze" ha tutto ciò che si può richiedere da un ottimo romanzo ottocentesco imbevuto di genialità innovativa, quale è quella di Dickens: i personaggi magistralmente costruiti (oltre al personaggio principale, Pip, Estella e la meravigliosa ma terribile Signorina Havisham); l'ambientazione (dalla focosa ma grigia Londra, alle terre piene di mistero delle paludi e della campagna); la trama piena di poesia, teatralità (stupefacente il litigio tra la Signorina Havisham ed Estella), umanità ed intessuta dal mistero quasi poliziesco, che Charles Dickens ha saputo tessere superbamente. Ottimo davvero, al pari di "Nicholas Nickleby" (opera, questa, che a proposito - ed è un appello agli editori! -, dovrebbe essere ripubblicata in traduzione italiana, orami introvabile).

Scrivi una recensione