The Great Reunion

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
Data di pubblicazione: 2 febbraio 2018
  • EAN: 8436559463737
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Questa sessione del 1961 non era la prima incursione di Louis Armstrong nel song book di Duke Ellington. Armstrong aveva già registrato una meravigliosa interpretazione “Solitudine” nel 1935; “Don’t Get Around Much Anymore” e “Do Nothing Till You Hear From Me” erano state invece registrate nel 1957 con un’orchestra diretta da Russell Garcia; e esistono altre registrazioni dal vivo di brani di Ellington realizzate da Louis and His All Stars. Tuttavia Armstrong non aveva mai registrato un intero album di brani di Ellington, e la maggior parte delle canzoni di questa famose sessione con lo stesso Ellington al piano sarebbero state eseguite dal trombettista solo in questa occasione. Una prima parte dei brani della sessione fu pubblicata nell’LP “Together for the First Time!”, e succesivamente nell’LP qui presentato: “The Great Reunion”.
Disco 1
1
It Don’t Mean A Thing (If It Ain’t Got That Swing)
2
Solitude
3
Don’t Get Around Much Anymore
4
I’m Beginning To See The Light
5
Just Squeeze Me
6
I Got It Bad (And That Ain’t Good)
7
Azalea
  • Louis Armstrong Cover

    Trombettista e cantante statunitense. Personalità fra le più grandi del jazz, del quale fu per tutta la sua carriera un simbolo, A. si formò nella natia New Orleans. Nel 1918 entrò nella «band» di Kid Ory, poi, nel 1919, suonò sui battelli del Mississippi con Fate Marable e nel 1922 fu chiamato a Chicago da King Oliver, come seconda cornetta della Creole Jazz Band, con la quale incise i primi dischi nel 1923. Dopo essere stato nell'orchestra di Fletcher Henderson, nel 1925 fondò gli Hot Five (poi divenuti Hot Seven), i cui dischi testimoniano la rivoluzione operata da A., sia sul piano ritmico, sia nell'affermazione – di contro alla polifonia fino ad allora dominante – del solismo. Nel 1928, con nuovi solisti, formò i secondi Hot Five (memorabile incisione: West End Blues) e dagli anni Trenta... Approfondisci
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
Note legali