Ground Luminosity

Artisti: Will Samson
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Talitres
Data di pubblicazione: 4 dicembre 2015
  • EAN: 3700398714318
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,50

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Facendo uso dell’ormai familiare e onnipresente registratore a bobine, il cantautore di Brighton Will Samson ha pazientemente curato ogni minimo dettaglio di quello che può essere considerato il suo lavoro più complesso sin qui realizzato, focalizzandosi maggiormente sull’uso di beat ed elettronica. Durante i suoi numerosi concerti, Samson è rimasto affascinato dal modo in cui beat e percussioni riuscivano a creare un collegamento più diretto e primordiale con la musica. Anche se l’Oceano Atlantico poteva sembrare ottimo come sfondo per ispirazione e contemplazione, l'ambiente effettivo di registrazione è stato molto meno romantico. Il processo creativo di Samson, infatti, si è principalmente sviluppato tra la tarda serata e le prime ore del mattino, considerando anche il fatto che a quelle ore la stanza presa in subaffitto era veramente troppo fredda per tentare di dormire. Ispirato dalle sue collaborazioni, oltre che dai beat e dall’elettronica mai come questa volta in primo piano, il nuovo album di Will Samson “Ground Luminosity”, mette in evidenza un uso importante del violino, suoni ricercati ed una serie di contribuiti di amici musicisti quali Benoit Pioulard (Kranky) e Message To Bears, tutti perfettamente inseriti nel paesaggi sonici ideati da Samson. “Ground Luminosity” riflette maggiormente sulle lezioni apprese e cerca di concentrarsi sul concetto quiete dopo la tempesta – forse in qualche modo influenzato da un’importante pratica della meditazione. Finito il periodo di registrazione, il disco è stato missato da Martyn Heyne (già al lavoro con Nils Frahm in occasione di “Frames” e con Lubomyr Melnyk in “Corollaries”) presso il Lichte Studio di Berlino. È stato poi definitivamente masterizzato da Harris Newman all’Hotel 2 Tango di Montreal.