I guardiani - Maurizio De Giovanni - ebook

I guardiani

Maurizio De Giovanni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rizzoli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 620,23 KB
Pagine della versione a stampa: 362 p.
  • EAN: 9788858689127
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Napoli non è una città come le altre. Napoli non è neppure una città sola. Perché sotto quella che conosciamo ce n'è una sotterranea, nascosta agli occhi del mondo, con il buio al posto della luce. Marco Di Giacomo l'aveva intuito, un tempo, quando era un brillante antropologo e aveva un talento unico nell'individuare collegamenti invisibili tra le cose. Poi qualcosa non ha funzionato e ora, ad appena quarant'anni, non è altro che un professore universitario collerico e introverso, con un solo amico, il suo impacciato ma utilissimo assistente Brazo Moscati. Considerati folli per le loro accanite ricerche sui culti antichi, i due sono costante oggetto dell'ironia di colleghi e studenti. Perciò nessuno si meraviglia quando il direttore del loro dipartimento li spedisce a fare da balie a una giornalista tedesca venuta in Italia per scrivere un pezzo sensazionalistico sui luoghi simbolo dell'esoterismo. Per liberarsi della seccatura, Marco chiede aiuto a sua nipote Lisi, ricercatrice anche più geniale dello zio ma con una preoccupante passione per le teorie complottiste. I quattro s'imbatteranno in una lunga catena di reati e strani eventi, scoprendosi parte di un disegno che potrebbe coinvolgere l'intera umanità. Soltanto Maurizio de Giovanni poteva scrivere questo romanzo, che nasce dalla conoscenza profonda di una città e della sua gente ma si spinge molto più lontano, mettendo in discussione tutte le categorie, comprese quelle letterarie, per inseguire una verità che forse avevamo davanti da sempre e non abbiamo mai voluto vedere. E questo è l'inizio. Solo l'inizio.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1,67
di 5
Totale 79
5
4
4
3
3
6
2
16
1
50
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Dan

    04/06/2020 12:01:15

    in una intervista rilasciata il 21/04/2018 il buon De Giovanni diceva che il seguito de "i guardiani" era già scritto e sarebbe stato pubblicato nel 2019. Siamo a metà del 2020 e non è ancora uscito. Vorrei pertanto ringraziare tutti coloro che mi hanno preceduto con le loro recensioni per aver contribuito a questo rinvio. Il romanzo è brutto "ma proprio brutto brutto" come direbbe Aldo. E' davvero impossibile credere che sia uscito dalla penna di De Giovanni. Spero che del cassetto in cui è chiuso il seguito si siano perse le chiavi. Un autore come lui, che amo in modo viscerale, ha possibilità infinite e sarebbe davvero un peccato se le sprecasse così.

  • User Icon

    Towandaaa

    22/10/2019 13:28:43

    Fare confronti può apparire trito, può risultare fuorviante, ma in questo caso lo trovo rassicurante. Sento di poter affermare che se questa lettura non mi è piaciuta ciò non è stato determinato né dalle perplessità che avevo iniziato a nutrire fin dal momento in cui ho avuto notizia del genere e della trama, né dalla mia scarsa frequentazione con il genere “fanta-“, né dai pregiudizi che spesso sono alimentati da una forma mentis assimilabile all’inerzia (quando ci troviamo davanti a cambiamenti di cui, magari anche acriticamente, non si sentiva il bisogno, stante l’altissimo gradimento verso ciò che li ha preceduti). Nemmeno leggere ex ante in una intervista la genesi de “I guardiani” (accennata anche nei ringraziamenti in calce al libro) ha influenzato negativamente il mio giudizio ex post: semmai posso dire di trovare in quella genesi la conferma dell’impressione che mi ha accompagnato per tutto l’arco della lettura, che si tratti cioè di una sceneggiatura già pronta per la serie tv (coincidenze forzate e inani colpi di scena compresi) più che di un romanzo (forse ci sono lettori per i quali questo può apparire un giudizio lusinghiero, ma non è così per me). E aggiungo: per una serie tv che non seguirò, perché temo proprio potrebbe dimostrare il concretizzarsi dell’assunto che si legge nel capitolo LV: “ora invece si sentivano perfino ridicoli, abbigliati come cercatori di tesori in un film di serie B” Non sono stati i capitoli discontinui che si concentrano alternativamente su sviluppi e/o personaggi diversi a distrarre la mia attenzione e inficiare il piacere della lettura: conoscevo già questo modus operandi dell’autore dagli altri suoi lavori, così come i capitoli stampati in grafia diversa. Negli altri romanzi però a un certo punto tutto si chiariva, e il momento del disvelamento appariva catartico sia nella storia sia per il lettore. Ne “I guardiani”, invece, i capitoli finali mi sono parsi confusi oltre misura.

  • User Icon

    Simone

    02/10/2019 19:17:49

    Libro letteralmente divorato. Molto bello e intricato, ovviamente essendo il primo di una trilogia, in questo romanzo troveremo una presentazione dei personaggi e un incipit dell'avventura che si svilupperà nei prossimi. Lascia l'acquolina in bocca. Per i "puristi" dei romanzi di De Giovanni, troveranno questo libro distante dal suo solito stile narrativo, ma ovviamente questo non è un giallo quindi, personalmente, lo stile adottato l'ho trovato azzeccato.

  • User Icon

    Carmela

    03/07/2019 10:32:59

    Amo i libri di De Giovanni, scoprirlo è stata una vera, grande sorpresa. Ho letto praticamente tutto ma "I guardiani" mi ha lasciato a dir poco perplessa! Non sembra scritto da lui. Mi spiace per questo autore che amo e che mi ha fatto rivalutare gli autori italiani ma fatico a concludere la lettura di un libro con personaggi ridicoli e con una trama confusa e inconsistente.

  • User Icon

    lina

    01/05/2019 17:05:55

    Sono rimasta semplicemente sbalordita... ma è sicuro che questo libro lo abbia scritto De Giovanni? Che dire ancora: personaggi con caratteristiche adolescenziali, comportamenti contraddittori di quelli misteriosi... proprio no un tonfo clamoroso, non vedevo l’ora di arrivare alla fine perché difficilmente lascio un libro a metà ma la noia era incombente. Questo avrebbe proprio meritato la richiesta di rimborso del suo costo! Chi mette 5 stelle non ha mai letto Dan Brown e company! Di sicuro non comprerò il sequel

  • User Icon

    sergione

    09/03/2019 17:20:42

    Nulla di particolare. Concordo con gli altri recensori.

  • User Icon

    Vincenzo

    17/12/2018 16:29:32

    Il libro che non si può lasciare senza averlo terminato di leggere, Un racconto tra il fantasy, mistery,,ma con il pregio di coinvolgerti talmente tanto da far sembrare vero ciò che è ai limiti dell'assurdo. Complimenti a De Giovanni. Poche volte la lettura di un libro mi ha così avvolto

  • User Icon

    Alessio

    20/09/2018 20:17:43

    Per molti questo libro è stato uno scivolone, per de Giovanni. Non sono del tutto d'accordo, pur ritrovandomi, a fine lettura, insoddisfatto. La questione è sia nel cambio di genere ( un mistery alla Dan Brown, utilizzando tutti gli elementi folkloristici che Napoli fornisce ) che nella questione della serie tv che da questo libro ne sarà tratta: questa è la prima parte di una trilogia, e non c'è nessun caso da risolvere libro per libro. Ecco perché credo sia il caso di tenereun giudizio nella media e di aspettare il prossimo episodio fiduciosi.

  • User Icon

    Roberto

    15/05/2018 13:48:55

    Stavolta De Giovanni, che peraltro apprezzo tantissimo, si è avventurato in un genere che non gli è per niente congeniale: irriconoscibile. Di gran lunga il suo peggior romanzo. Due stellette solo per la stima che nutro in lui dovuta agli altri suoi lavori, ma ne merita una.

  • User Icon

    Michele Vaccaro

    17/02/2018 11:54:59

    Piatto, anonimo. Da evitare.

  • User Icon

    Ettore Colonna

    09/02/2018 19:35:40

    Illeggibile ! ! !

  • User Icon

    rolex-pd

    06/02/2018 05:56:34

    Una delusione relativamente a quanto scritto in precedenza. Non sembra nemmeno scritto da lui. Se dovesse essere una serie (tipo Ricciardi o Lojacono) sicuramente non la leggerò.

  • User Icon

    nulla di che ....

    02/01/2018 10:29:29

    si fa fatica a riconoscere (tranne in isolate pagine ed in alcuni passaggi) la penna di De Giovanni. E' evidente l'intervento massivo di altre mani (molte delle quali credo figurino tra i ringraziamenti -almeno diamo atto di questo a De Giovanni). Interessante la parte di ricerca storica sulle iannare e il culto di Diana, ma talmente superficiale la trattazione da risultare un ulteriore elemento di distrazione e dispersione nello sviluppo della storia, che peraltro non conclude. Evidente l'aspirazione del supposto autore al sequel o alla trasposizione televisiva/cinematografica SCONSIGLIATO.

  • User Icon

    Marco

    05/11/2017 11:30:36

    Concluso "I Guardiani" di Maurizio de Giovanni. De Giovanni è un grande autore: con i suoi Bastardi di Pizzofalcone, ma soprattutto con Ricciardi, ha creato una lettura appassionante, piena di riferimenti storici dedicata a Napoli e presentandoci un personaggio, quello del commissario, che impara da ogni caso che risolve, specchiandosi nei protagonisti e antagonisti e imparando ad uscire dal suo guscio di solitudine, a causa di quello che lui crede una malattia (il vedere i morti) che non vuole contaminare la sua amata Enrica, poiché ereditaria (anche la madre di Ricciardi riusciva a vedere i morti). Ma stavolta De Giovanni ha toppato malamente, scrivendo un romanzo su imitazione di quelli di Dan Brown, Matilde Asensi e altri che scrivono degli stessi argomenti. Il professor Robert Langdon viaggia per il mondo, visita musei internazionali, ha accesso a luoghi inaccessibili e risolve quesiti lasciati da grandi come Leonardo Da Vinci e Galileo. Qui abbiamo un'azione rivolta solo a Napoli, con protagonisti antipatici da subito e una trama che non regge, a volte ridicola (per quanto anche le trame di Dan Brown siano improponibili, non cadono mai nel ridicolo, anzi, appassionano). I Guardiano a mio parere è un tentativo maldestro di avvicinarsi ad una letteratura che non fa per lui. Spero che ritorni subito a Ricciardi e company perché quello esoterico non è proprio campo suo.

  • User Icon

    eldacosta@virgilio.it

    17/10/2017 03:19:40

    Non sono riuscita a finire l'ultimo della serie di Ricciardi pur avendo molto amato sia quella serie sia quella dei Bastardi ( rovinata da Gassman!) ...che dire...preferisco non rovinarmi il ricordo e quindi questo non lo compro...mi fido delle recensioni degli altri lettori. Amen

  • User Icon

    Federica

    03/10/2017 14:32:37

    Devo purtroppo associarmi ai commenti un po' critici di chi mi ha preceduta. Questa storia non mi ha presa sin dall'inizio e devo confessare che ho terminato il libro a fatica ... cosa che rende alquanto improbabile l'idea di leggere il seguito (quando uscirà).

  • User Icon

    Nino Gianaria

    23/09/2017 14:12:52

    Ho letto tutti i libri di De Giovanni e gli ho trovati molto interessanti nonostante siano intervallati ogni tanto da alcune pagine in corsivo. Non mi trovo molto d'accordo con la maggior parte delle recensioni, quasi tutte molto negative. Il libro io lo letto "tutto" e non mi è dispiaciuto, per tre motivi: 1- In seconda di copertina c'è scritto: Una serie che cambia tutte le regole"; 2- A pag. 361(Ringraziamenti) vi è l'idea di scrivere "I Guardiani", nata durante un pranzo con Francesca Longardi di Cattleya; 3- Nella terza di copertina è scritto: "Da questo romanzo è in corso di realizzazione una serie TV prodotta da Cattleya". Con queste premesse mi sembrava abbastanza chiaro che si trattasse di qualcosa di assolutamente nuovo che ha susitato la mia curiosità.

  • User Icon

    Cinzia Orsi

    27/08/2017 11:29:24

    Mia figlia non è riuscita a finirlo, io l'ho fatto per affetto nei confronti di De Giovanni ma mi ha veramente deluso! Non lo consiglio.

  • User Icon

    Pat

    22/08/2017 21:47:51

    Deludente da tutti i punti di vista: intreccio contorto e confusivo, personaggi insignificanti, persino la scrittura spesso sciatta e ripetitiva. Almeno avessi trovato qualcosa della Napoli (anche sotterranea!) che De Giovanni ha saputo farmi tanto amare con i suoi romanzi di Ricciardi e dei Bastardi. La vicenda - noiosissima per altro - avrebbe potuto svolgersi ovunque. Ma che è successo all'Autore?

  • User Icon

    Enrica

    11/08/2017 16:17:18

    Una delusione pazzesca. Non solo i personaggi risultano banali, insulsi, dei cliché stereotipati, ma non è neppur lontanamente percepibile né la bellissima atmosfera presente nei libri di Ricciardi, né la millantata atmosfera della Napoli sotterranea. Probabilmente è un libro scritto per ottemperare ad un contratto. Non comprerò il seguito e non guarderò la serie tv.

Vedi tutte le 79 recensioni cliente
  • Maurizio De Giovanni Cover

    Nato nel 1958 a Napoli, è autore della fortunata serie di romanzi con protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta, su cui è incentrato un ciclo di romanzi, tutti pubblicati da Einaudi, che comprende finora: Il senso del dolore (2007), La condanna del sangue (2008), Il posto di ognuno (2009), Il giorno dei morti (2010), Per mano mia (Einaudi, 2011), Vipera (2012, Premio Viareggio, Premio Camaiore), Anime di vetro (2015) Serenata senza nome (2016), Rondini d'inverno (2017) e Il purgatorio dell'angelo (2018). Insieme a Sergio Brancato ha pubblicato due graphic novel sulle inagini del commissario Ricciardi: Il senso del dolore. Le stagioni del commissario Ricciardi (Sergio Bonelli 2017) e La condanna del sangue. Le stagioni del commissario... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali