Categorie

Carlo Lucarelli

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
Pagine:
  • EAN: 9788806153397

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Guido

    18/10/2014 14.53.56

    Questo libro non è il solito tomo che ci si aspetta in cui si leggono molte date, nomi ecc, narra invece "il come" viene vista da ambo le parti la battaglia svoltasi a Guernica: con che spirito e con dedizione.

  • User Icon

    Francesco

    27/02/2007 01.02.58

    Questo racconto lungo è una vera chicca e la trasformazione progressiva dei protagonisti condotta con grande finezza.

  • User Icon

    Marco

    20/07/2006 13.25.54

    lo stile di lucarelli nn mi piace affatto, le trame sono carine, xo' tutti i suoi libri hanno un ritmo spezzettato da discorsi scritti in maniera difficile da segiure con linearita'....mi ha deluso molto e alla fine mi sono fermato a 3/4 del libro x il malditesta....

  • User Icon

    cdescisciolo

    25/05/2006 18.40.42

    Un libro che inizia in maniera strana ma in pochissime pagine rapisce il lettore e lo trascina nella sua realtà. E in quella realtà le cose accadono rapide, crude, bianche o nere, per arrivare ad un finale che ha davvero del geniale. Per gustarlo appieno serve però scrollarsi di dosso i canoni di lettura con cui troppo spesso si legge un libro.

  • User Icon

    marco

    26/01/2004 23.17.52

    Dal più profondo di un sogno di Borges Carlo Lucarelli si risveglia attraversato dalla folgore creativa. E sono 80 pagine rapinose e visionarie. Il noir più bello della letteratura italiana. What more?

  • User Icon

    Maurizio Froldi

    06/11/2001 00.38.26

    Guernica non è per chi ama i libri che spiegano il perché e il percome. Se invece si amano storie che hanno una conclusione metaforica e che lasciano al lettore il diritto di ramificare il finale, questo libro è perfetto. Impossibile riassumere la vicenda, per quanto questo libro finisca prima di pagina novanta, riuscendo comunque a istillare frammenti di paura. Basterà dire che mentre i due protagonisti vanno verso Guernica, piovono dal biblico cielo rane e lucertole. Guernica è perfetto per quanti amano Lucarelli (per gli altri il voto è 3/5), perché essi vi trovano richiami ad altre opere e gli perdonano senz'altro l'aver voluto scrivere una frase come “Lo guardai e da come mi guardò guardarlo capii che aveva capito che avevo già capito anch’io”. Neppure il meraviglioso Giambattista Marino era mai arrivato a tanto.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione