La guerra dei figli

Lidia Ravera

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 maggio 2010
Pagine: 300 p., Brossura
  • EAN: 9788811679813
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

1967: la tredicenne Emma, carina e paziente, e la diciassettenne Maria, ironica e ribelle, sono in vacanza in montagna con il Padre e la Madre. È una Famiglia della media borghesia torinese, dove si insegna ai figli a difendersi dal mondo. Maria, com'era prevedibile, scappa di casa. Emma sa tutto ma, combattendo una nascente pietà per i grandi, tace. La ritroviamo dieci anni dopo, alle prese con un aggravarsi di quell'intimo conflitto fra complicità e compassione: Maria ha dichiarato guerra al mondo dei Padri. Una guerra armata. Emma la capisce eppure la disapprova. E intanto si impegna a crescere, cercando un nuovo assetto per sentimenti desideri e bisogni. Con questo romanzo, dove una storia privatissima si intreccia con la Storia del nostro paese, Lidia Ravera rivive gli anni Settanta: il sogno di poter restare per sempre "figli", l'impeto collettivo verso la trasformazione della società e lo sconcerto di fronte al duro discorso del sangue. La violenza, i morti, gli agguati. La forza de "La guerra dei figli" è nella capacità di evocare la confusione di quegli anni lontani restando fedele al punto di vista di una ragazzina che diventa donna e alla scelta "stilistica" di raccontare il passato come se fosse il presente.

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    anna

    02/02/2014 22:24:33

    Libro che si legge tutto d'un fiato. Ho trovato un po' antipatico-noioso il rapporto con Sandro, per il resto, trovo che ha descritto bene il clima di quegli anni. Ho trovato bello il personaggio di Giulio che riconosce il bambino pur sapendo che non è suo; soprattutto bello alla fine, quando la coppia si ricongiunge e il bambino felice grida alla nonna che finalmente il papà è ritornato dalla guerra. Ovviamente il libro è molto di più e ne consiglio la lettura.

Scrivi una recensione