La guerra dei mondi (2 DVD) di Steven Spielberg - DVD

La guerra dei mondi (2 DVD)

War of the Worlds

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: War of the Worlds
Paese: Stati Uniti
Anno: 2005
Supporto: DVD
Numero dischi: 2
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 4,90 €)

I marziani hanno deciso di invadere la Terra perché il loro pianeta è diventato invivibile e la razza umana è costretta ad affrontare una dura guerra per la sopravvivenza. Anche Ray Ferrier, ormai da tempo separato dalla sua famiglia, si trova coinvolto nella battaglia per difendere a tutti i costi i suoi figli dai violenti attacchi degli extra-terrestri.
3,3
di 5
Totale 89
5
35
4
7
3
13
2
18
1
16
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberto

    20/08/2019 13:49:52

    Uno dei pochi film di Spielberg che mi hanno delusi. Trama trita e ritrita.

  • User Icon

    ufetto

    29/06/2019 13:23:18

    Veramente bello, veramente bello mi è piaciuto assai! Giustissima la recensione di Mr. Gaglia grazie per aver sottolineato le condizioni problematiche, culturali e familiari, dell'operaio Tom Cruise sulla base delle quali si muove tutta la vicenda. Sì, vedo anch'io questa cosa. L'impatto di questa forza aliena, come lo può essere un altro tipo di catastrofe, va a ricompattare la famiglia e la società. Dipoi, io vedo un forte richiamo allo stringersi intorno alle forze armate, che in USA sono più che amate e stimate dalla popolazione. Nel film ci sono scene in cui l'esercito, pur di difendere la popolazione civile, va all'attacco degli invincibili tripodi con dei blindati leggeri che non potranno che essere incendiati e spazzati via. Da brividi la scena in cui un Generale dell'esercito, sebbene sia già chiaro che né i missili dei jet né i missili degli elicotteri riescono a scalfire le macchine aliene, sale personalmente a bordo di un carro armato e ordina alla sua squadra: «Black six! Avanzare! Avanzare! Attaccare! Attaccare! Attaccare!» una delle scene più intense in cui si vuol dare il messaggio che, anche nella situazione più critica e disperata, l'esercito non si tirerà indietro ma sarà presente. Grande, ben girato, ben fatto, Tom Cruise da oscar ma aridateglie il doppiatore che aveva prima, se possibile anche in Eyes Wide Shut

  • User Icon

    Ernesto

    19/03/2017 21:03:04

    Non convinto ho voluto rivederlo, ma il mio ripensamento sul voto va solo per gli effetti speciali. Troppe le scene che rasentano l'idiozia: tanto per citarne una, il diverbio tra un'atterrito Ray e Manny, il suo meccanico, il quale mentre tutta la città è nel panico e nel caos più completo, lui con una calma olimpica cerca di far scendere Ray da un'auto non sua minacciandolo di furto, per finire un'istante dopo la fuga di Ray, incenerito dal laser lanciato da uno dei tripodi.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    20/01/2015 16:56:07

    La guerra dei mondi (oltre ad essere bellissimo) racconta una società fragile, con le sue strutture in disfacimento e con l'operaio Tom Cruise a disagio con il cambiamento repentino di fattori tradizionali, come la famiglia, la società in genere e la sottocultura cui siamo condannati. Ed ecco che l'attacco alieno, assimilabile a quanto accadde il fatidico 11 settembre 2001 o a Pearl Harbour, ricompatta lo stato famigliare; riconsegna il senso della vita fino a trovare nel proprio inconscio, ormai depurato, l'antidoto per combattere con successo chiunque attenti all'esistenza e all'orgoglio di un popolo. Semplice, lineare, ma strepitosamente avvincente sul piano narrativo e spettacolare, il film di Spielberg sarà forse meglio compreso quando si saranno acquietate le falangi di critici professionisti e no, autentiche creature aliene, che stanno ammorbando il cinema, privandoci del piacere di assistere a spettacoli di grande dignità professionale, come è appunto questa versione di La guerra dei mondi. Interessante notare come non si vedano transitare nel racconto scienziati sentenziosi o giornalisti petulanti. Spielberg si pone dalla parte del pubblico con la sua capacità favolistica, nella quale il divo Cruise è perfettamente a suo agio. Tim Robbins rappresenta appunto le storture di chi deve ad ogni costo interpretare gli avvenimenti attraverso una visione paranoica. La scomparsa del personaggio è un sollievo per gli spettatori. Per quanto sia impressionante ciò che mostra, Spielberg, suo grande merito, evita di trasformare il film in uno dei soliti stupidi horror. L'arrivo degli alieni (tripodi) è strepitoso, la conclusione della vicenda, che qualcuno ha trovato sbrigativa, è degnamente priva di enfasi. Un film che fa "godere" e che deve essere messo in collezione per forza!

  • User Icon

    Ernesto

    01/11/2013 00:10:23

    Extra-terrestri che dopo aver studiato il genere umano lo impiega come fertilizzante!? Bhe! Questo non è molto carino da parte loro dopo tutto il nostro interessamento! Qui ET oltre a essere cattivo è anche s....

  • User Icon

    valentina simona bufano

    08/09/2010 19:29:13

    2/3 Spielberg è magistrale quando racconta una storia e fa recitare gli attori qui ha tra le mani troppo denaro per gli effetti speciali gli effetti speciali sono una brutta bestia a un certo punto non sei più tu che li usi sono loro che usano te tripudio di effetti speciali a scapito della recitazione Dakota è ottima quando deve fingere di piangere e ha un bel paio di occhioni azzurri oooccheeeiiiii Cruise è fuori parte abbiamo scoperto che NON è in grado di recitare qualsiasi ruolo uno pens a aIncontri ravvicinati del Terzo tipo dove il cinema usa non er anaocra schiavo del cmputer e gli viene un nodo alla gola quello si che è un capolaoro assoluto i personaggi hanno spessore psicologico nella guerra dei mondi si muovono e parlano e basta Dakota urdla troppo nella scena in cui è in macchina che urla istericamente, è ridicola il personaggio del fratello è insignificante

  • User Icon

    seba

    26/06/2010 13:17:14

    Guardando questo film mi sono detto "devesser bello! è di Spilberg" ma devo ammettere che non avrei dovuto avere questa presunzione. Banale e pietto. Se si vuole vedere un bel film di spilberg sugli aalieni è meglio guardare o "incontri ravvicinati del terzo tipo" o "E.T. l'extraterrestre"

  • User Icon

    giancarlo

    22/02/2009 21:27:07

    STUPENDO!!!!!!!!IL miglior film di fantascienza di quell'anno.Il film dà molta suspense.La scena più terrificante è stata quella dove si narra che gli alieni siano stati sepolti sulla terra centomila anni fa (esagerati).

  • User Icon

    Lo spettatore

    09/09/2008 09:42:58

    Ho dato voto 1 ma pensando ad una scala da 50, non 5! Si salvano solo (e non sempre) gli effetti speciali, mentre la storia si svolge in maniera patetica e assurda. Anche il mio cane si è chiesto per es. come diavolo fa la monovolume con la quale Tom è arrivato (assieme ai figli) nella casa per cercare la sua ex moglie, a rimanere indenne a tutto quel macello che poco dopo si è scatenato per il passaggio di sti tripodi, con tanto di aereo schiantatosi sulla porta di casa. Nemmeno un'ammaccatura o un vetro rotto. Se qualcuno conosce il modello di quell'auto me lo dica che la compro anch'io, perchè probabilmente si salva anche dalle grandinate che ogni tanto capitano dalle mie parti. Gradirei anche che qualcuno mi spiegasse la trama perchè io sinceramente (e mi pare di non esser l'unico) non l'ho afferrata, nemmeno sforzandomi di inventarne una propria. Fatemi capire: degli alieni che entrano dentro le proprie "astronavi" precedentemente collocate (migliaia di anni addietro o chissà quando) nelle viscere della terra, per mezzo di fulmini che fanno loro da "ascensore", escono poi tutti insieme, distruggono, sterminano, vaporizzano, atomizzano o quello che volete... e alla fine vengono ammuffiti dai virus? Che gli alieni abbiano avuto dei deficit alle difese immunitarie? Che con tanta tecnologia avanzata, abbiano deciso di invadere la terra e succhiare il sangue agli umani, senza prima informarsi se potevano farsi la bua? Magari bastava loro prendersi prima dell'attacco un "actimel" al giorno o qualche altro prodotto con dentro dei fermenti lattici no? Curiosa sta cosa. Io sto capolavoro di film l'ho visto per la prima volta ieri in tv e per fortuna che fra una assurdità e l'altra, mandavano anche la pubblicità, altrimenti non avrei resistito per vedere come andava a finire questa "coinvolgente" avventura; finale che comunque mi ha commosso come non mai, nel vedere che (dopo tutta l'incredibile apocalisse che c'è stata) Tom e figlioletta, ritrovano sani e salvi tutta la famiglia al completo! Che tenerezza. ... mah!

  • User Icon

    Stefania

    09/09/2008 00:27:02

    Dopo la prima visione, che mi ha molto favorevolmente colpita,rivedendolo,si notano effettivamente le incongruenze che molti gli imputano,niente di nuovo sotto al sole però,si sa che specialmente i film di fantascienza americani sono un pò tutti buonisti(in questi ultimi anni si è accentuato spaventosamente l'elemento fatalista-angoscioso) e votati all'happy end,oltre ogni coerenza.Ma credo anche che il film non sia un teorema,cioè, se degli elementi sono discutibili,come la sceneggiatura,si può parlare delle sensazioni che la visione provoca,e questo film,predilige più degli effetti speciali, le emozioni,è un film d'angoscia,palpabilissima peraltro,che non può non colpire,emozionare.Come dire Spielberg è sempre Spielberg,nonostante tutto.Il nuovo doppiatore di Cruise è bravo (non c'è un solo doppiatore italiano che non lo sia,abbiamo una scuola di doppiaggio unica al mondo, le voci originali non eguagliano le magistrali interpretazioni dei nostri,non parliamo poi dei doppiaggi di altri paesi,a dir poco pietosi)ma leggere che Cruise lo ha imposto perchè la voce di Chevalier non la reputava adatta,mi fa dubitare della sua sanità mentale,dato che Chevalier è proprio uno dei migliori in assoluto. Oltre questo,bravi tutti gli attori, film oltremodo godibile.

  • User Icon

    Giorgio

    18/04/2008 22:08:03

    Brutto, accidenti quanto è brutto. Visto ieri sera per la prima volta e contento di non essere andato al cinema a vederlo a suo tempo. I presupposti su cui si basa il film sono pura fantascienza in un film di ... fantascienza. Una per tutte? Beh, serviti: gli alieni tornano per colonizzare la terra dopo aver seppellito i loro tripodi per milioni di anni (e perché non l'hanno fatto allora?) e dopo aver sterminato qualche miliardo di esseri umani che succede? Muoiono di ... raffreddore. Eh già, i nostri virus terrestri hanno ragione di una tecnologia evolutissima capace di attraversare gli abissi dello spazio!!! E gli alieni con tutto quel lavoro non hanno saputo cautelarsi per non morire in un modo così idiota? Cruise assente e catatonico, capace solo di essere di una antipatia indicibile nel rapporto coi figli, egocentrico all'inverosimile. Capace solo di fuggire per tutto il film sopravvivendo (lui e la sua intera famiglia) mentre a mezzo metro da lui gli altri umani vengono vaporizzati letteralmente a manciate. Il figlio di Cruise che si lancia a mani nude in mezzo ad una battaglia condotta dall'organizzatissimo e preparatissimo esercito americano e mentre l'intero battaglione viene vaporizzato in un istante, lui si ritroverà magicamente sano alla fine con il resto della famiglia a Boston. La figlia (Dakota Fanning) che non fa altro che urlare istericamente dall'inizio del film in avanti. Un Tim Robbins incolpevole psicopatico che dopo aver dato riparo a Cruise viene giustiziato da quest'ultimo in nome della figlia, per la sua salvezza ... Un Boeing 747 che cade sulla villa dove si ripara Cruise coi figli e che all'indomani mattina non ha un solo cadavere tra i sedili (perché? buonismo dei produttori del film nel non volerlo rendere troppo cruento?). Ed infine il finale stucchevole che salva la razza umana e ritrova un'intera famiglia con pochi graffi nel volgere di due minuti a fronte di due ore di fuga terrorizzata senza altro poter fare. Brutto.

  • User Icon

    Giulio

    23/11/2007 23:21:49

    L'idea di far emergere le astronavi da sottoterra credo stia seguendo fedelmente la versione del 1953 nonché il libro "La guerra dei mondi" di Wells (che non ho letto ahimè). Il film richiama alla mente, secondo me, anche il pantheon lovecraftiano: se si legge "Le montagne della follia", si scoprirà che c'erano mostri indicibili nascosti nelle viscere terrestri da eoni e che aspettavano solo il momento propizio per emergere e schiavizzare l'umanità °-° Questo film ha bellissimi effetti speciali, regala un po' di alta tensione, ma finisce frettolosamente. Avrei gradito veder cascare come pere mature qualche tripode in piu'. Pazienza. Comunque sia queste macchine aliene... beh, signori miei, sono state immaginate veramente bene!

  • User Icon

    giorgio

    29/10/2007 16:17:30

    Brutto, davevro brutto remake. Addirittura catastrofica l'idea di nascondere le astronavi sotto terra, che senso ha? Imbarazzante in tutto e per tutto.

  • User Icon

    Mauro68

    07/09/2007 12:43:22

    Una mezza delusione. Spielberg è pur sempre Spielberg, ed anche qui si vede, per fortuna. Ma purtroppo non basta. E' lo svolgimento in sè che non regge: l'idea di raccontare la stessa storia del mitico film predecessore, questa volta però vista dagli occhi dell'uomo comune, non è affatto male, ma essa si perde in inutili lungaggini (la scena nel seminterrato, oltremodo claustrofobica), in caratterizzazioni dei personaggi poco credibili (Tim Robbins), in uno svolgimento troppo spesso artificioso (la fuga in auto). Restano comunque alcune scene memorabili, che nove registi su dieci oggi se le sognano, ed ecco spiegato il voto in più: il tocco magico di Steven Spielberg.

  • User Icon

    Luca Ballati

    19/06/2007 22:58:48

    Il primo attacco degli alieni è spettacolare sopratutto per i pochi tagli, mà poi il film cala di tensione fino ad un funale quasi ridicolo, uno dei peggiori Spielberg

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    29/03/2007 20:41:29

    meriterebbe 4/5 ma visto che molti di voi l'hanno martoriato gli dò 5/5!!!è un ottimo film ma girato troppo in fretta(3mesi) e forse è proprio x questo che gli manca quel qlcsa in + che lo poteva far diventare un capolavoro...effetti speciali stupendi...è uno di quei film che vederli al cinema ti sconvolgono...

  • User Icon

    Genius

    28/03/2007 21:31:38

    Un film stupendo, un film che cambia in continuazione. Il ritmo passa dal tranquillo al veloce e viceversa lasciando di stucco. La trama ovviamente si rifà a quella di Wells (un mito per gli amanti del genere). La storia è fantastica, fà assaporare la paura (scene degli attacchi), la tensione (occhio nella casa), la rabbia (invulnerabilità dei tripodi), il terrore (le morti), l'angoscia (vedere il reale utilizzo degli umani). Chi non ha povato disprezzo immedesimandosi negli occupanti della macchina quando sono assaliti dagli appiedati. Fa assaporare il coraggio e il sacrificio di un padre che pur di salvare la propria figlia prende delle granate e con l'aiuto della gente riesce ad abbattere il tripode dopo che ha tirato anche con la bocca le chiavette. Il dolore (le persone in fuga). Per capire un film credo che non vada visto solo per gli effetti speciali o per la trama o per chi lo interpreta, ma bisogna immedesimarsi nella storia solo così la magia dei film funziona veramente.

  • User Icon

    Marcos

    10/02/2007 14:02:28

    Spielberg e Cruise...che accoppiata...pensavo prima di vedere questo film!!! Cominciamo a parlare della sceneggiatura: inesistente, vabbè non chiediamo miracoli a Spieleberg che deve fare quel che sa fare...farti spalancare gli occhi... peccato che non riesca neanche in questo ,semmai dopo circa un'ora ad aspettare qualche svolta in questa palla di film gli occhi mi si stavano chiudendo. Salvo giusto la Fotografia che andava cmq valorizzata in un film del genere e con i mezzi che ha il produttore..Infine Cruise che non sembra neanche lui, se non gli andava di fare il film lo poteva dire al buon Steven... La bimba è brava però. Sul tema vi raccomando INTRUDERS, allora si che non dormirete la notte;-)

  • User Icon

    Mamardieng

    09/01/2007 03:22:56

    Tralasciando la nausea per alcuni commenti che mi hanno preceduto (Cruise nel film guida una decappotabile ??? Spesso mi chiedo se i commenti arrivino da gente che il film lo hanno visto davvero). Detto questo, il film non è il capolavoro maximo di Spielberg è vero, come è vero che Cruise in questa pellicola non brilla come ci si sarebbe aspettato ma a mio avviso la qualità c'è eccome. Finalmente un film sugli alieni in cui tutto viene visto dalla parte dell'uomo della strada e non dal solito Presidente USA con anesso stato maggiore, annunci dei media e marines che salvano l'universo. La tensione nella prima parte di film è palpabile e gli effetti speciali sono a dir poco meravigliosi ma soprattutto di un realismo unico. La parte centrale sembra non decollare ma a mio avviso è normale trattandosi come detto della vita di persone normali impegnati in una fuga a bordo di una monovolume e non del migliore 007, ma il bello è questo : l'immedesimazione nei protagonisti e nel loro terrore verso qualcosa di sconosciuto e senza la benchè minima informazione. A 3/4 arriva Tim Robbins a cui ahimè è stata affidata una parte infelice ma nonostante tutto recitata benissimo come sempre. Il finale purtroppo è il classico da blockbuster made in usa, ovvero lieto, anche troppo. Insomma 5/5 fino a metà film, -2 alla seconda parte. Cruise 6,5 - Fanning 5 - Robbins 7 - Spielberg 9 per gli effetti e 6,5 nel complesso. Insomma un film da vedere assolutamente senza però aspettarsi di rimanere a bocca aperta mezz'ora dopo la scena finale .

  • User Icon

    massimo

    01/01/2007 17:10:05

    Tensione costante dall'inizio alla fine e buoni effetti speciali.

Vedi tutte le 89 recensioni cliente

Fedele al racconto di H.G. Wells, un film spettacolare e favolistico firmato da Spielberg

Trama
Siamo in una società fragile, con le strutture in disfacimento, e l'operaio specializzato Tom Cruise è a disagio con il cambiamento repentino di fattori tradizionali, come la famiglia, la società in genere e la sottocultura cui siamo condannati. Ed ecco che l'attacco alieno, assimilabile a quanto accadde il fatidico 11 settembre o a Perl Harbour, ricompatta lo stato famigliare.

  • Produzione: Paramount Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 103 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: trailers; speciale; dietro le quinte (making of); diario di produzione; disegni e animazioni
  • Steven Spielberg Cover

    Propr. S. Allan S., regista e produttore statunitense. È indubbiamente il più popolare e affermato regista contemporaneo (suoi i più grandi incassi della storia del cinema), ma è anche un grande maestro del racconto, capace di influenzare pesantemente l'immaginario di tutto il secondo Novecento. Al culmine di una fortunata esperienza televisiva, gira il film tv Duel (1971), geniale evoluzione del road-movie che si contamina con l'incubo grazie a un controllo della narrazione che già indica la grandezza del regista. Debutta al cinema con Sugarland Express (1974), originale rivisitazione del tema dell'inseguimento fra poliziotti autoritari e marginali post-hippies, cui segue il celebre Lo squalo (1975), intelligente unione di tensione emotiva e senso dello spettacolo. Il successo economico del... Approfondisci
  • Tom Cruise Cover

    Propr. Thomas C. Mapother IV, attore statunitense. Vive un'adolescenza complessa e difficile dovuta alla complicata situazione familiare, ai continui spostamenti dei genitori, al loro divorzio, e infine alla morte precoce del padre che lo spinge a rinchiudersi per un certo tempo in un monastero francescano. Intorno ai diciotto anni decide di dedicarsi al cinema, ottenendo subito una piccola parte in Amore senza fine (1981) di F. Zeffirelli. Il film è stucchevole, ma il suo sex-appeal non passa inosservato, tanto che subito dopo gli vengono affidati ruoli più importanti in Taps - Squilli di rivolta (1981) di H. Becker e in I ragazzi della 56ª strada (1983) di F.F. Coppola e, infine, quello di protagonista in Legend (1985) di R. Scott. È però con il ridondante Top Gun (1986) di T. Scott che... Approfondisci
  • Dakota Fanning Cover

    Propr. Hannah D. F., attrice statunitense. Dopo essere stata scritturata in uno spot e in alcuni telefilm, a sette anni debutta al cinema al fianco di S. Penn in Mi chiamo Sam (2001) di J. Nelson, nei panni di una bimba che viene allontanata dal padre ritardato. Dimostrando un insolito talento naturale, conquista presto il grande pubblico e recita accanto ad alcune delle più famose star hollywoodiane: C. Theron in 24 ore (2002) di L. Mandoki, D. Washington in Man on Fire - Il fuoco della vendetta (2004) di T. Scott, R. De Niro in Nascosto nel buio (2005) di J. Polson. Nel 2002 le viene assegnato il piccolo ruolo della bambina aliena nella serie televisiva Taken prodotta da S. Spielberg, che la recluta anche in La guerra dei mondi (2005), in cui è la figlia del personaggio interpretato da T.... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali