Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Shopper rossa
La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità. Copia autografata - Lilli Gruber - copertina
La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità. Copia autografata - Lilli Gruber - copertina
Dati e Statistiche
Wishlist Salvato in 10 liste dei desideri
La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità. Copia autografata
Attualmente non disponibile
18,05 €
-5% 19,00 €
18,05 € 19,00 € -5%
Attualmente non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità. Copia autografata - Lilli Gruber - copertina

Descrizione


In queste pagine, che illuminano gli anni più folgoranti di Martha Gellhorn, la sua voce si intreccia con quella di Lilli Gruber. Raccontando, di battaglia in battaglia, la bellezza e la responsabilità del giornalismo in un tempo che ha più che mai bisogno di verità.

«A Martha Gellhorn», recita la dedica della prima edizione di Per chi suona la campana, il capolavoro di Ernest Hemingway. Tutto qui, un nome e un cognome: quelli della più grande corrispondente di guerra del Novecento. La donna che con Hemingway ha mosso i primi passi da giornalista sul campo, nel 1937, a Madrid sotto le bombe. Che presto è diventata più brava di lui nel mestiere di raccontare i fatti. Che lo ha amato, sposato, lasciato, in un'appassionata storia d'amore tinta di rivalità. E che per tutta la vita ha avuto una sola missione: «Andare a vedere». I reportage rigorosi e avvincenti di Gellhorn coprono i fronti più caldi del secolo breve: è stata sul confine della Finlandia durante l'invasione russa (trovando il tempo per una cena con Montanelli) e accanto alle truppe alleate a Montecassino; è stata la prima reporter donna a sbarcare sulle spiagge della Normandia e poi a entrare a Dachau liberata dagli americani. È andata in Vietnam, decisa a smascherare le menzogne della propaganda ufficiale Usa. Una carriera attraversata dalla gloria e dalla tragedia, segnata dalla solitudine delle donne indipendenti e controcorrente. Oggi le guerre sono cambiate, l'ingiustizia ha preso altre forme, ma nessuno dei problemi contro cui Martha ha passato la vita a battersi è stato risolto. Sono sempre i più poveri, a cui lei ha saputo dar voce, a pagare i conflitti militari ed economici. Sono ancora le donne, come è successo a lei, a dover faticare di più per farsi strada, in guerra come in pace. In queste pagine, che illuminano gli anni più folgoranti di Gellhorn, la sua voce si intreccia con quella di Lilli Gruber, che interpella anche altri grandi corrispondenti. Raccontando, di battaglia in battaglia, la bellezza e la responsabilità del giornalismo in un tempo che ha più che mai bisogno di verità.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
21 settembre 2021
288 p., Rilegato
2000000044477

Valutazioni e recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

Carol
Recensioni: 2/5

Sinceramente mi aspettavo di meglio e di più. Di Martha Gellhorn si parla poco e anche con una certa distanza. Gruber ha infatti inserito testimonianze di altri report di guerra (compresa quella sua e del marito) e di altre guerre neanche coperte da Gellhorn. Noiosi e didascalici (se non del tutto inutili) i commenti che l'autrice inserisce qua e là riferiti alla vita della fotoreporter americana, che rendono ancora più freddo e distaccato il racconto. Ho avuto anche l'impressione che le abbia messo in testa e in bocca pensieri e considerazioni non sue. Insomma, non è una biografia di Martha Gellhorn, non è un libro sui reporter di guerra, non è un libro sulle guerre, non è un libro sul mestiere di giornalista visto dalle donne... Si salva per qualche aneddoto, qualche brano toccante, per il resto non aggiunge niente di più a quello che tutti sanno: che la guerra è un'esperienza atroce per la popolazione civile e per i soldati, che i reporter quelli veri rischiano la vita, che le motivazioni delle guerre sono diverse da quelle raccontate dalla propaganda, che oggi non c'è più il giornalismo di una volta. Il solito libro confezionato per i follower di Gruber, sfornato con cadenza precisa, in edizione pregiata (il tutto poteva essere contenuto in un libro in brossura da 100 pagine, usando un corpo più piccola e lasciando meno pagine bianche). L'ho letto perché me lo hanno regalato, non lo avrei mai comprato né cercato.

Leggi di più Leggi di meno
Maurizio
Recensioni: 5/5
La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità

Molto interessante

Leggi di più Leggi di meno
Luce Maria
Recensioni: 5/5
Confronto

Tra Martha Gellhorn e Oriana Fallaci, chi e' la piu' grande? ********************************************************************************

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Recensioni pubblicate senza verifica sull'acquisto del prodotto.

Conosci l'autore

Lilli Gruber

1957, Bolzano

Lilli Gruber, giornalista e scrittrice, prima donna a presentare un telegiornale in prima serata, dal 1988 ha seguito come inviata per la Rai tutti i principali avvenimenti internazionali. Dal 2004 al 2008 è stata parlamentare europea. Dal settembre 2008 conduce la trasmissione di approfondimento Otto e mezzo su La7. Gli ultimi bestseller, pubblicati con Rizzoli, sono Chador (2005), America anno zero (2006), Figlie dell’Islam (2007), Streghe (2008), Ritorno a Berlino (2009). Eredità. Una storia della mia famiglia tra l'Impero e il fascismo (2012), Tempesta (2014), Prigionieri dell'Islam (2016) e Inganno (2018) con cui torna a esplorare il passato della sua terra, il Sudtirolo. Nel 2016 ha vinto il Premio Boccaccio per la categoria "Giornalismo". Nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore