Categorie

Vandana Shiva

Traduttore: B. Amato
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 158 p. , Brossura

4 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Ambiente - Impatto sociale dei problemi ambientali

  • EAN: 9788807818035

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuel

    12/02/2008 01.03.26

    Un resoconto che propone un enorme problema che si esplifica nel continuo allontanarsi dell'uomo alla sua relazione primaria che ha sempre avuto nei confronti dell'acqua, bene assoluto che al giorno d'oggi vale solo se abbinata a calcoli di guadagno. La scrittrice propone spesso quella che è la realtà indiana sull'acqua, come questa viene privatizzata e sprecata a discapito dei poveri, come viene interrotto il suo prezioso ciclo, come l'uomo voglia esserne superiore e dichiararsi protagonista principale nella natura. Un libro che parla dell'acqua sempre più carente di fiumi lontani, di guerre per quell'acqua, di gente disperata e assetata e di una realtà che sempre più coinvolge tutti.

  • User Icon

    Andrea Laguzzi

    23/11/2005 20.17.43

    E' molto interessante, e il tema è sicuramente fondamentale anche se forse non particolarmente sentito dall'opinione pubblica. Da leggere, anche se un pò troppo basato sulla questione "indiana".

  • User Icon

    Emanuele

    03/08/2005 10.10.27

    Con profondo acume intellettuale e grande conoscenza dei fatti, in questo libro la fisica indiana propone un’attenta analisi delle battaglie in corso sul bene più prezioso che abbiamo a disposizione in questo mondo: l’acqua! L’acqua è fonte di vita e catalizzatore chimico-fisico di tutte le specie viventi, siano esse unicellulari che pluricellulari, non dimentichiamolo, e intorno ad esso si stanno compiendo le maggiori dispute per accaparrarsene l’uso o meglio l’esclusività. Partendo sempre con un breve excursus storico come in altre sue opere che comprende anche molte informazioni sul diritto idrico internazionale, la Shiva ci porta a conoscenza del suo esagerato sfruttamento a opera delle industrie delle bevande, o per l’estrazione mineraria. Ci fa conoscere i conflitti che ruotano intorno alle devastazioni fatte a discapito dell’agricoltura attraverso la creazione di bacini idrografici o a causa della deviazione di fiumi, con il tragico risultato d’impoverire aree densamente popolate o comunque con un’economia florida ed assestata da millenni. Notevoli riferimenti documentali e bibliografici sono presenti in tutto il libro, che risultano di grande utilità e completamento su quanto l’autrice ci riporta, ed in particolar modo l’azione della banca mondiale e del WTO sulla spartizione di questo unico e vitale bene. E’ presente tra i tanti episodi narrati anche quello dei cittadini boliviani contro l’azione intentata da parte di grosse multinazionali delle bevande, e dalla quale han dovuto recedere proprio quest’ultime. In definitiva una notevole panoramica sull’acqua, riportandone tutti gli aspetti storici, di diritto, di conflitti e togliendo anche il velo a proposito della minaccia di una sua privatizzazione, sulla quale vige troppo silenzio. Da leggere per saperne di più, aiutati anche dalla godibilità di scrittura dell’autrice che caratterizza l’opera. Voto :5/5 Emanuele : dnb.recen@libero.it

Scrivi una recensione