Guida alla formazione di una cineteca. I film che bisogna aver visto per una cultura cinematografica di base

Gianni Volpi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Audino
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 14 dicembre 2006
Pagine: 363 p., Brossura
  • EAN: 9788886350884
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 9,72

€ 18,00

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È impressionante il numero e la varietà di storie, generi, tecniche, linguaggi, autori, divi che il cinema nella sua storia ha accumulato. Questa guida nasce per tentare di districarsi in questa Babele, tracciando un filo rosso che attraversa i cento anni della storia del cinema attraverso schede critiche che danno ragione della scelta di ciascuna opera. Schede che spesso riportano le parole del regista, di un critico o di grandi personalità della cultura e dell'arte del Novecento che hanno, per passione o per mestiere, attraversato il cinema e se ne sono fatte attraversare. Non si tratta di un repertorio di (soli) capolavori, ma di film importanti, necessari per i più svariati motivi. La corazzata Potëmkin e Via col vento, Guerre stellari e M, Fantozzi e Aurora, Chaplin e James Dean, Vigo e Woody Allen, Fellini e Murnau, neorealismo e nouvelles vagues: insomma, il cinema nel suo complesso, arte e divertimento, evasione e riflessione, spettacolo e cultura, capace di muovere la nostra sensibilità o di colpire la nostra intelligenza.

Quali sono i film che occorre assolutamente avere nella cineteca di casa o almeno conoscere per dimostrare in modo inconfutabile di possedere una cultura cinematografica di base all'altezza della situazione? Gianni Volpi - studioso di cinema che nel corso della sua attività professionale è o è stato, tra le altre cose, direttore e collaboratore d'importanti riviste italiane e straniere, direttore di festival, curatore di programmi televisivi per reti satellitari o via etere, docente e storico del cinema - cerca di dare il suo contributo in questa direzione indicando i mille film che, a suo parere, hanno segnato oltre un secolo di vita delle immagini in movimento. Mille titoli possono essere tanti come pochi per delineare il percorso di un'invenzione che ha inciso profondamente sulla cultura e la società contemporanea, ma sono comunque sufficienti per far comprendere a chi legge la ricchezza e la complessità di un'entità multiforme e cangiante.

I film non vengono proposti nel solito arido ordine alfabetico (anche se il lettore può comunque avvalersi di questo tipo di catalogazione facendo ricorso all'apposito indice collocato a chiusura del volume), ma sono invece raggruppati in sei capitoli cui spetta il compito di descrivere dal punto di vista cronologico l'evoluzione dello spettacolo cinematografico: il muto, gli anni trenta, gli anni quaranta e cinquanta, gli anni sessanta, gli anni settanta e ottanta, dopo il '90. All'interno di ogni sezione vi sono poi ulteriori suddivisioni in paragrafi che sono di volta in volta incentrati su differenti pertinenze: momento storico, nazionalità, divismo, genere, stile, regista, movimenti ecc. Per ogni voce l'autore ha spesso combinato l'approccio critico con l'apporto proveniente da altri ambiti culturali e con il pensiero degli stessi protagonisti, vuoi in veste di testimoni diretti del proprio lavoro, vuoi come recensori di quello altrui: ciò significa che, ad esempio, una valutazione del critico cinematografico Serge Daney è affiancata a un intervento di Jean-Paul Sartre, a un racconto autobiografico di Robert Flaherty e a un giudizio di Rainer W. Fassbinder su Come le foglie al vento (1957) di Douglas Sirk.

Il libro "non vuole essere una storia del cinema d'Autore, ma una summa di ciò che è stato e forse ancora è il cinema", scrive Volpi nella breve introduzione. E la migliore conferma a queste parole viene proprio dalla scelta di adottare un approccio alla materia scientificamente assai rigoroso e tuttavia non specialistico, rendendo così la lettura gradevole e stimolante sia per gli addetti ai lavori, sia per i semplici appassionati. Piace poi la scelta di chiudere ogni sezione con la segnalazione di alcuni "fuori formato", film che pur non aderendo, sul piano della durata come su quello stilistico, agli standard produttivi dominanti costituiscono però momenti salienti nell'evoluzione dell'arte cinematografica. Il fatto che tali opere non siano presenti in coda all'ultimo capitolo pare il segno inequivocabile di una crisi che, senza assumere i toni apocalittici evocati da Goffredo Fofi nella prefazione, attraversa comunque oggi l'universo delle immagini in movimento.

| Vedi di più >
Note legali