Categorie

Un gusto per la morte

P. D. James

Traduttore: E. Capriolo
Editore: Mondadori
Anno edizione: 1994
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788804390374
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,88

€ 10,50

Risparmi € 2,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 5,67

€ 10,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS


JAMES, P.D., Un gusto per la morte, Mondadori, 1987
(recensione pubblicata per l'edizione del 1987)

JAMES, P.D., Scuola per infermiere, Rusconi, 1987

JAMES, P.D., La torre nera, Rizzoli, 1986
recensione di Cortellazzo, S., L'Indice 1987, n. 7

Della morte, del dolore, della sofferenza: di questo ci parla P. D. James sin dal suo primo romanzo "Cover Her Face", scritto nel 1962. Le sue sono detective stories o gialli a enigma non totalmente ortodossi, se li si confronta alla tradizione classica del Whodonit. Alcune regole sono accettate, certo, ma molte vengono scardinate: le sue storie non sono perfette e geometriche come quelle di un tempo, la "giustizia" finale trionfa, ma l'ordine non si ricompone totalmente, i suoi detectives vivono e lasciano in prima persona, non sono manichini alla Poirot colpiti come sono, loro primi dal dolore, dalla morte. Adam Dalgliesh, funzionario di polizia a Scotland Yard, è il protagonista di questi tre romanzi È un uomo solitario, riflessivo, malinconico, umano, ed è anche un poeta apprezzato, che ama l'arte e la letteratura. Un uomo segnato da "cicatrici invisibili"- dal titolo di una sua raccolta di poesie -, invisibili all'uomo comune ma portate alla luce, nella loro evidenza, dalla penna della James. I delitti naturalmente, sono il suo pane quotidiano. Un pane spesso trangugiato con amarezza, con la coscienza e nella consapevolezza dello sfruttamento "delle debolezze altrui del dolore e della solitudine, della paura del sospetto, del bisogno di confidarsi".
Quando il delitto avviene - e i cadaveri sono lì, sotto i nostri occhi scioccanti impietosamente descritti - si apre una voragine che ingoia a catena altri omicidi (e sono tanti! una quindicina, se assommati fra i tre romanzi). Si ha la sensazione che non ci sia mai un'ultima vittima, perché anche fra i "vivi" nessuno rimane immutato. La James procede nei racconti con una minuzia descrittiva maniacale, con un realismo formidabile, entrando in mondi in cui "il tempo è misurato con precisione, i dettagli osservati con attenzione ossessiva, i sensi estremamente attenti". Ogni ambiente, ogni oggetto, ogni impercettibile trasalimento fisico, ogni parola divengono un'affermazione d'identità da vivisezionare. E d'altro canto i luoghi scelti dalla James sono spesso spazi attraversati dal dolore: la torre nera del romanzo omonimo; il ricovero per malati incurabili, sempre nel medesimo romanzo; la "scuola per infermiere" set di delitti che si svolgono nel presente vivendo nell'eco di efferatezze e torture appartenenti al passato; una casa museo in "Un gusto per la morte" che nasconde fra le sue mura scandali, ricatti e, naturalmente, morti.
E la sciagura è sempre lì, spesso annunciata da premonizioni dei personaggi o inevitabilmente determinata dal procedere delle indagini - quanti omicidi per occultare le prove - o ancora seguita, passo passo, in modo rassegnato, dalla James, che ci rivela quale sarà la prossima vittima. Insomma la morte, nei romanzi della scrittrice inglese, non è mai vissuta come enigma affascinante da risolvere. È la sua immanenza ed imminenza a dettare le leggi del racconto. Un racconto, come suggerisce Julian Symons, "unconfortable to read", scomodo dunque e, potremmo aggiungere, malato dal "gusto per la morte".

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rodolfo Ghiretti

    26/04/2016 18.11.04

    Non l'ho ancora finito, comincia ad essere interessante solo verso pagina 300 ! All'inizio è noioso e defatigante ; riuscivo a leggere tre pagine poi mi assopivo! Quel che trovo strano è che sembra un romanzo scritto almeno 100 anni prima !

  • User Icon

    nanni

    16/01/2015 20.37.58

    Il romanzo è ben costruito ed è forse lodevole la ricerca di approfondimento psicologico dei personaggi, però a me è sembrato un pò lento e non è molto piaciuto.

  • User Icon

    ferruccio

    18/10/2012 10.05.27

    Un thriller che inizia in modo lento ma che descrive in maniera dettagliata tutti i personaggi coinvolti nella trama; tutti hanno un movente per il delitto, persino la stessa vittima; sono molti i risvolti e le articolazioni mentali che inducono a individuare il bandolo della matassa che alla fine è uno solo ma avrebbero potuto essere anche altri egualmente plausibili.

  • User Icon

    Luca Varrese

    29/07/2006 12.19.01

    Non sono d'accordo con gli altri recensori. E' abbastanza ben scritto, certo, ma molto pretenzioso, come se si pretendesse di fare di un giallo un romanzo a sfondo filosofico; e si può anche fare ma bisogna farlo meglio di così. Inoltre dal punto di vista del giallo l'ho trovato deludente e lento.

  • User Icon

    Piero

    17/05/2005 10.19.35

    Un bel libro, per altro come tutti quelli della James, ben costruito anche se un pò troppo lento in alcuni punti

  • User Icon

    Ekisabetta V.

    14/05/2005 17.49.18

    Condivido il parere di Fabio. Fra i molti libri della James (tutti comunque ottimi) questo è il migliore.

  • User Icon

    Fabio

    12/07/2004 08.48.59

    Il miglior romanzo della scrittrice inglese che una volta tanto fonde, senza appesantire il libro, i temi a lei più cari con caratterizzazioni pregnanti e una coinvolgente trama poliziesca ricca di tensione psicologica. Grande il finale a casa Miskin.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione