Händel. Arie

Interpreti: Alice Coote
Orchestra: English Concert
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Import
Data di pubblicazione: 11 settembre 2014
  • EAN: 0034571179797

€ 19,71

€ 21,90

Risparmi € 2,19 (10%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

La Hyperion è orgogliosa di presentare questo nuovo straordinario disco di Alice Coote, unanimemente considerata dagli addetti ai lavori uno dei migliori mezzosoprani attualmente in circolazione, accompagnata dall’ensemble di strumenti originali The English Concert diretto da Harry Bicket, che per l’occasione fa il suo esordio nel catalogo della prestigiosa casa discografica londinese. La Coote presenta una vasta silloge di arie tratte dalle opere e dagli oratori di Georg Friedrich Händel, che le consentono di sfoggiare una meravigliosa tavolozza di sfumature drammatiche e vocali e di offrirci interpretazioni di volta in volta esaltanti e commoventi di questi capolavori. Il programma comprende 12 gemme di sfolgorante bellezza; in particolare, le opere italiane sono rappresentate dai primi due lavori andati in scena al Covent Garden, vale a dire l’Alcina e la grandiosa tragedia dell’Ariodante, oltre che dal Radamisto e dal Giulio Cesare in Egitto, con ogni probabilità l’opera più conosciuta e amata del grande compositore di Halle. Anche l’oratorio inglese Hercules vanta una serie di arie di grande interesse. Scritto su un eccellente libretto di Thomas Broughton basato sulle Trachinie di Sofocle, Hercules è un lavoro drammatico pervaso da una cupa magnificenza. La sua vicenda ruota intorno alla tragica figura di Dejanira, la moglie di Ercole, che sotto l’aspetto della gelosia e del suo lacerante potere distruttivo, rivaleggia con il protagonista del Saul, un altro straordinario capolavoro di Händel. Nonostante tutti gli sforzi, gli studiosi sono riusciti a scoprire molto poco a proposito di “Miss Robinson”, la cantante che eseguì per la prima volta il ruolo di Dejanira. In ogni caso, la musica che il compositore sassone scrisse per lei fa pensare che sia stata un’interprete dotata di un grandissimo talento sia sotto l’aspetto vocale sia sotto quello scenico, di cui Alice Coote rappresenta oggi una degnissima epigona.