Händel a Vauxhall vol.1

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Signum Records
Data di pubblicazione: 11 marzo 2016
  • EAN: 0635212042823

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Georg Friedrich Händel (1685-1759): Sinfonia da Acis and Galatea; Concerto in si bemolle maggiore per organo, archi e basso continuo op. 4 n. 2 HWV 290; Hush, ye pretty warbling quire (Acis and Galatea); Marcia funebre (Saul); The Melancholy Nymph (The What d’ye Call it?; 1715); As steals the morn (L’Allegro, il Penseroso, ed il Moderato)
L’ensemble di strumenti originali London Early Opera diretto da Bridget Cunningham fa seguito al suo primo splendido disco händeliano (Händel in Italy, SIGCD423) con una nuova scintillante antologia di opere del grande compositore sassone e dei suoi contemporanei inglesi Thomas Augustine Arne e John Hebden. Il programma è imperniato intorno ai Vauxhall Pleasure Gardens, un meraviglioso luogo consacrato alla musica e al divertimento, che per quasi due secoli ha intrattenuto in maniera molto piacevole milioni di persone, in quella che un tempo era una delle zone più periferiche della capitale londinese. Il corposo booklet contiene le autorevoli note di copertina firmate dal celebre studioso David E. Coke, alcune rare immagini d’epoca e numerose informazioni sui Vauxhall Gardens.
  • Georg Friedrich Händel Cover

    Compositore tedesco.La vita. il trasferimento a londra. Figlio di un barbiere-cerusico, ricevette la prima istruzione musicale da F.W. Zachow, organista della Liebfrauenkirche a Halle. Incominciò a comporre a dieci anni; ma poiché suo padre era contrario alla carriera di musicista, nel 1702 entrò all'università di Halle per studiarvi diritto. Lo stesso anno divenne organista del duomo; l'anno seguente lasciò Halle per Amburgo, dove suonò in orchestra sotto la direzione di R. Keiser e conobbe J. Mattheson. Il suo primo melodramma, Almira, parte in italiano e parte in tedesco, fu rappresentato ad Amburgo nel 1705; ad esso ne seguirono altri tre, ora perduti. Nel 1706 raggiunse l'Italia, dove divenne in breve famoso come compositore di melodrammi e dove rappresentò il suo primo oratorio, La Resurrezione,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali