Categorie
Artisti: Tim Buckley
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Elektra
Data di pubblicazione: 10 settembre 1990
  • EAN: 0075597404524
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,25

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Strange feelin'
  • 2 Buzzin fly
  • 3 Love from room 109 at the islander (on pacific coast highway)
  • 4 Dream letter
  • 5 Gypsy woman
  • 6 Sing a song for you

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    27/06/2010 18.55.47

    Tim Buckley è stato un cantautore Statunitense dalle incredibili doti vocali, sulle quali lavorò a grandi sperimentazioni soprattutto negli anni "di mezzo" della sua carriera e degli album più sperimentali "Blue Afternoon", "Lorca" e "Starsailor". Terminate le scuole superiori, con un bagaglio di più di venti canzoni scritte a due mani con l'amico-poeta Larry Beckett, il suo nome inizia a circolare nell'ambiente del Folk losangelino. Mette gli occhi su di lui Herb Cohen, manager di artisti del calibro di Frank Zappa, che gli permette di firmare un contratto con la Elektra e registrare il suo primo album, l'omonimo "Tim Buckley" (1966). Inizia la trafila dei concerti, che lo porteranno a esibirsi in minuscoli Club. Buckley respira profondamente l'aria che si respira nella metà degli anni Sessanta, che si tratti degli ideali rivoluzionari che animano i giovani o delle sperimentazioni lisergiche. Tutto questo è riassunto in "Goodbye And Hello" (1967), inciso ad un anno di distanza dall'esordio. Questo secondo lavoro rimarrà il più grande successo di Tim, grazie ad alcuni pezzi memorabili ("I Never Asked To Be Your Mountain", "Phantasmagoria In Two", "Once I Was", il singolo "Morning Glory"): ma Buckley si spingerà oltre. Inizia ad abbandonare parzialmente la collaborazione con Larry Beckett, iniziando a scrivere da sé i testi, che riflettono la sua tormentata interiorità. Ora che è finalmente al centro del successo, sembra volerne scappare: se ne va addirittura da un programma televisivo, rifiutandosi di cantare in Playback. Nel 1968 tiene concerti anche in Inghilterra, registrando anche per il John Peel Show. L'anno successivo arriva questo stupendo "Happy Sad". Gli ascolti Jazz, soprattutto di Miles Davis, di Tim si fanno sentire, pur rimanendo in una matrice Folk. La produzione di Buckley è arrivata a un punto di svolta, virando verso un Folk macchiato di Blues e Jazz ed in "Gipsy Woman" la voce comincia a forzare i suoi limiti, facendosi sempre più disperata e urlata. Il disco è ormai un classico bellissimo.

  • User Icon

    Michele D'Alvano

    18/01/2010 13.36.14

    Commovente e inebriante, uno dei dischi più belli della storia

  • User Icon

    giuseppe

    20/07/2005 21.32.25

    oltre a concordare pienamente col giudizio di Federica,posso aggiungere soltanto che l'album è un autentico dipinto sonoro colorato con le tempere del silenzio.Un affresco sulle pareti del cielo.Grano di Paradiso.Eppure tutti i versi che potrei scrivere non basterebbero.Un abbraccio a tutti i Buckleyani.

  • User Icon

    Federica

    18/07/2005 17.16.32

    Happy Sad e' un album magico, nel vero senso della parola. Un'atmosfera sognante pervade senza sosta tutte le composizioni, regalandoci momenti di straordinaria intensita': mi riferisco a Strange Feelin', ma anche a Buzzin' Fly. Particolarissima e' invece Gypsy Woman, dodici minuti in cui si perde il senso della realta'. A chiudere, una delicata Sing A Song For You... e come e' triste il risveglio!

  • User Icon

    FIRE

    16/07/2005 22.53.30

    Un cielo turchese bagnato dal fuoco impazzito di un tramonto.per me questo è happy sad.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione