Hardwired... To Self Destruct

Artisti: Metallica
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 2
Etichetta: Mercury
Data di pubblicazione: 18 novembre 2016
  • EAN: 0602557156263
Disponibile anche in altri formati:

€ 22,90

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione

Versione in formato doppio cd standard digipack di “Hardwired…To Self-Destruct“, prodotto da Greg Fidelman, James Hetfield e Lars Ulrich.

Disco 1
  • 1 Hardwired
  • 2 Atlas, Rise!
  • 3 Now That We're Dead
  • 4 Moth Into Flame
  • 5 Dream No More
  • 6 Halo On Fire
Disco 2
  • 1 Confusion
  • 2 ManUNkind
  • 3 Here Comes Revenge
  • 4 Am I Savage?
  • 5 Murder One
  • 6 Spit Out the Bone
Mostra tutti i brani

Sono passati otto anni dall’ultimo album in studio dei Metallica.
Ma è un periodo di poco conto a confronto del loro lungo tragitto verso questa resurrezione (in due dischi). Un viaggio che ha attraversato l’apocalisse irregolare di ...And Justice for All del 1988 e l’energia intelligente di Metallica del 1991. Le tracce, spesso di lunghezza epica, sono quasi tutte scritte dal batterista Lars Ulrich e dal cantante e chitarrista James Hetfield e rappresentano delle sicurezze melodiche, composte da riff seriali e shock ritmici. Hardwired, Atlas, Rise! e Now That We’re Dead sono inarrestabili mulinelli iper-thrash di colpi tribali che staccano violentemente quando ci si avvicina al ritornello. Gli infuocati assoli di wah-wah di Kirk Hammett confermano la sua posizione tra i più armonici piromani dell’heavy metal. E dopo aver scavato nella sua rabbia interiore nei primi anni di questo secolo, le parole di Hetfield si muovono su terreni conosciuti: i cattivi esempi di Halo on Fire e Moth Into Flame; i continui moti di arroganza e crudeltà che fomentano la vendetta in Here Comes Revenge. Fino al blitzkrieg di Spit Out the Bone, dove Hetfield immagina una Terra senza più uomini a causa della tecnologia che noi stessi abbiamo desiderato. Se lo state ascoltando dal vostro telefono, state molto attenti.

Voto 4/5

Recensione di David Fricke