DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich - Laurent Binet - copertina

HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich

Laurent Binet

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Margherita Botto
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 aprile 2014
Pagine: 346 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806220242

33° nella classifica Bestseller di IBS Libri Storia e archeologia - Storia - Storia militare - Seconda Guerra Mondiale

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,62

€ 12,50
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich

Laurent Binet

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich

Laurent Binet

€ 12,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

HHhH. Il cervello di Himmler si chiama Heydrich

Laurent Binet

€ 12,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La storia che viene qui raccontata è una storia nota. Apparentemente nota: l'attentato a Heydrich del 27 maggio 1942. In realtà, la sensazione è quella di leggerla per la prima volta, in tutta la sua trascinante forza narrativa e nella sua drammatica verità documentaria. Il primo protagonista della storia è Reynard Heydrich, il braccio destro di Himmler, l'ideatore, nel gennaio del 1942 della Soluzione finale, lo sterminio sistematico degli ebrei. Heydrich è gerarca più spietato del Terzo Reich, il macellaio di Praga, la bestia bionda. L'uomo dall'infanzia problematica, segnata da due traumi: da una parte la voce stridula e l'aspetto effeminato che gli valsero l'appellativo di capra, e dall'altra il mistero di una presenza ebraica all'interno della sua famiglia. Ben presto il giovane Heydrich comincia a trasformarsi nell'incarnazione del ariano, ammirato da Hitler per la ferocia e per l'efficacia delle sue azioni. In rapida ascesa politica Heydrich arriva al vertice del Protettorato di Boemia e Moravia, dove si dedica allo sterminio degli ebrei e di tutti gli oppositori al regime. Ma da Londra, città in cui il governo ceco è stato esiliato, parte contro di lui l'offensiva della Resistenza che culminerà nell'Operazione Antropoide. I protagonisti indiscussi diventano allora due: i paracadutisti Jozef Gabcik e Jan Kubis, uno slovacco e l'altro ceco, ai quali viene affidato l'incarico dell'esecuzione.
4,29
di 5
Totale 19
5
10
4
5
3
4
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Amandine

    11/03/2019 11:45:41

    Testo interessantissimo sulla figura di Heydrich, soprannominato “il boia di Praga” o con altrettanti appellativi poco lusinghieri ma capaci di tratteggiarne efficacemente la figura, nonché sull’attentato ai suoi danni perpetrato materialmente da Jan Kubiš e Jozef Gabčík. L’autore ripercorre tutti i momenti e le fasi della vita degli autori dell’attentato, dà una visione molto particolareggiata della persona del gerarca nazista, della sua crudeltà e narra i diversi passaggi storici che hanno caratterizzato il secondo conflitto mondiale. Un libro che racconta i momenti più drammatici del secolo scorso, senza esimersi tuttavia dallo sbeffeggiare ironicamente alcuni di quegli uomini che ne sono stati protagonisti. Lettura immancabile per gli appassionati di quel periodo storico.

  • User Icon

    ALESSANDRO

    07/03/2019 20:21:43

    Avvincente, rigoroso, documentato e ben scritto: cosa si può chiedere di più? Un autore giovane ma dalla scrittura matura!

  • User Icon

    Fabrizio Simoncini

    22/09/2018 10:35:38

    "HHhH" di Laurent Binet è un libro strepitoso scritto in modo da non dare tregua finché non si è girata l'ultima pagina. Ispirato alla vicenda dell'assassinio di Heydrich, la passione e la vivacità della scrittura dell'autore si mescola fondendosi con le storie dei personaggi eroici di quella drammatica epopea del popolo ceco e slovacco.

  • User Icon

    Gian Camillo Manzoni

    25/02/2018 16:12:53

    A tratti piacevole, ma con troppe considerazioni pedanti ed a volte stucchevoli, tipo: faccio bene a scrivere questo, o sarebbe meglio non farlo? quello che sto esponendo è vero, o forse me lo sto inventando presumendo che possa essere vero? le ragazze di Praga sono le più belle del mondo e così via. Pare che Binet si compiaccia di mescolare il fatto storico con un pò di fantasia e molte divagazioni riguardanti la sua persona, pensando di riuscire, in questo modo, a creare quasi un nuovo genere letterario. Ne esce, invece, un'opera piuttosto raffazzonata di un Autore piuttosto presuntuoso. Peccato, perchè, con una buona sfrondatura, la lettura sarebbe certamente consigliabile.

  • User Icon

    stefano

    18/02/2015 10:22:43

    Che dire! Questo romanzo-saggio è da leggere, punto e basta. La ricerca storica è stata condotta con meticolosità certosina e le vicende umane raccontate con partecipazione e rispetto. la violenza sistematica condotta dai nazisti. L'autore è riuscito a sollecitare nel lettore tutta una gamma di emozioni che rende la lettura intensa. La scrittura è fluida, misurata, senza eccessi, funzionale all'opera.

  • User Icon

    gianni

    26/01/2015 16:30:50

    Gran bel libro: ironia, partecipazione, ritmo narrativo perfetto, stile originalissimo. Da leggere.

  • User Icon

    luca bidoli

    11/01/2015 11:49:22

    Insomma, insomma, non me la sento di gridare al capolavoro. Il libro non mi ha convinto del tutto, non ho apprezzato le disgressioni dell'autore su elucubrazioni metatestuali, sull'artificiosità vera o presunta del suo stile, sui personaggi...rewbdeva la scrittura noiosa, inutile...invece di darci un ottimo libro con una storia affascinante, ci ha consegnato un brodino riscaldato. Peccato.

  • User Icon

    Paolo

    21/09/2012 09:42:22

    Libro assolutamente eccezionale, per impostazione, costruzione, e struttura narrativa, si avvicina con cerchi concentrici al cuore della storia. Le continue digressioni di Binet, che si confronta con altri autori, e analizza dialetticamente gli strumenti che uno scrittore può adottare per raccontare una storia vera ("A che serve inventare quando si parla di nazismo?"), sono la spina dorsale di questo libro, che non si limita a raccontare (in modo magistrale) una storia epica, ma che spinge a una profonda riflessione sui limiti e sulla potenza della forma "romanzo". Appassionato e appassionante, rasenta le soglie del capolavoro.

  • User Icon

    sordello

    26/07/2012 10:07:31

    Il romanzo-saggio è interessante, spesso appassionante e coinvolgente. Una lettura piacevole e mai banale anche se a tratti si denota una sorta di autocompiacimento dello scrittore nel narrare la vicenda.

  • User Icon

    franco

    22/04/2012 12:25:09

    Un'occasine mancata: ecco come può essere definito questo libro. Laurent Binet aveva per le mani una vicenda affascinante e avvncente,di proporzioni addirittura epiche, che si configura come una delle molteplici incarnazioni della lotta fra bene e male nella Storia: i piccoli uomini coraggiosi contro l'orco malvagio,Davide contro Golia. E la aveva a lungo appassionatamente studiata e sviscerata, per impadronirsi dei minimi particolari: si nota ed egli stesso lo scrive. Poteva scegliere,a seconda della sua preferenza o del suo estro,la via del romanzo-verità, con minime deviazioni dalla verità documentale per colmare le inevitabili lacune, ovvero poteva optare per il saggio e scriverlo nel modo teso e avvincente che la vicenda richiede. Poteva e probabilmente ne aveva modo e talento. Poteva ma non l'hafatto e questo secondo me è il suo torto peggiore. Ha optato per una strana via ibrida, per buona parte tracciando una sorta di diario delle sue ricerche, delle sue riflessioni, perfino delle sue digressioni, dando al tutto la forma di brevi paragrafi, di per sè dispersivi ,a volte disturbanti per l'attenzione del lettore e per la tensione della storia e giungendo fino a 257 in 337 pagine di testo. Il lettore viene così sballottato fra i capricci di Binet che non gli risparmia suoi giudizi personali e apprezzamenti perfino sulla bellezza delle ragazze praghesi: insomma troppe digressioni che generano confusione e caduta di attenzione, talvolta addirittura irritazione. Solo dal momento culminante del faccia a faccia drammatico fra Heydrich,labestia bionda, l'incarnazione nefasta e perfezionistica di tutti i mali nazistie i suoi giustizieriparacadutati da Londra (e siamo al paragrafo 222!), l'autore ci fa il piacere di trattenersi e di non intralciare più troppo la lettura, permettendo alla tensione della vicenda di proiettarsi verso il finale. Al lettore insoddisfatto,non resterà che leggersi qualche altro libro sulla storia dell' Operazione antropoide.

  • User Icon

    monica

    06/04/2012 07:40:55

    Reinhard era il superiore di Eichmnn era a capo della Gestapo era il Governatore della Cecoslovacchia smantellata e reinventata come territorio germanico, era a capo del Ministero che si occupava degli affari ebraici che in gergo nazista significava: sterminio di tutto il popolo ebraico. Era amatissimo dal Fuehrer e fu esempio per gli alti papaveri nazisti per efficienza e caparbieta' nel compimento del suo lavoro di terminio delle razze inferiori, fu il presidente della Conferenza di Wannsee. Fu giustiziato da patrioti cecoslovacchi ma la sua morte non resto' impunita in suo onore furono praticati gli eccidi di massa in Belzec Sobibor Treblinka Chelmo, in sua vendetta furono rasi al suolo interi villaggi massacrati migliaia di innocenti. Questi partigiani tentarono di porre fine al regime di terrore e morte imposto dalla dittatura nazista in una regione colpevole soltanto di esistere sulla mappa terrestre. Heydrich Reinhard sul letto di morte chiese perdono al suo popolo perche' era di indiscusso aspetto puramente ariano ma di dimostrate origini ebraiche il che rende questo uomo ancora piu' diabolico. Un libro forse un po' romanzato ma evidenzia il profilo di questo diadolico criminale.

  • User Icon

    Spartaco

    17/02/2012 18:39:06

    Il libro è complessivamente interessante, ma per tre quarti dell'opera sembra il racconto della ricerca degli elementi per comporre la storia, quindi perde di ritmo e diventa un pò farraginoso. La parte finale invece è appassionante e avvincente.

  • User Icon

    ugo

    14/02/2012 12:31:15

    strepitoso. i racconti "a latere" sono il valore aggiunto, ossia la genesi del libro stesso. divertente la polemica a distanza con "le benevole", altro bel libro.

  • User Icon

    nelly bonelli

    20/12/2011 19:39:29

    Un bel lavoro, interessante. Non ho apprezzato molto le considerazioni che l'autore infila tra le righe della storia, forse perchè il soggetto è così avvincente che non volevo farmi distrarre ma arrivare subito alla fine! Abbiamo bisogno di sapere che nel mezzo di una tragedia ci sono eroi disposti a rischiare tutto in nome della libertà (onore a chi a protetto e difeso i paracadutisti).

  • User Icon

    Andrea

    18/10/2011 08:15:42

    Veramente un'opera molto bella. Saggio, Romanzo? Né l'uno né l'altro. Scrittura originalissima per un lavoro pieno di passione che dimostra una profonda conoscenza da parte dell'autore della materia di cui tratta il libro. Empatia verso i personaggi dell'opera, ma mai fino ad inventare storie e particolari (Pansa dovrebbe andarci a lezione......ma è troppo tardi). Uno dei libri più belli che abbia mai letto sull'argomento. Un testo, come si diceva una volta, che resterà.

  • User Icon

    Atchoum

    24/08/2011 21:44:05

    Libro appassionante su un episodio drammatico della Seconda Guerra Mondiale. Ma non è un romanzo, anche se in Francia ha vinto il "premio Goncourt per il primo romanzo". Anzi trovo che i vari tentativi di mettere in scena un narratore alle prese con la scrittura, di ricamare sugli aspetti ignoti della storia, siano maldestri e del tutto inutili. Quando il soggetto è già di per sé drammatico, emozionante e spaventosamente vero, che bisogno c'è di "romanzare"? Ma apparentemente questa è una tecnica che oltralpe va di moda (vedi anche "L'origine della violenza" di F. Humbert), probabilmente nata sulla scia delle "Benevole", che è però un capolavoro e, questo sì, un vero romanzo!

  • User Icon

    Cesare

    07/07/2011 19:24:18

    La storia dell'attentato alla bestia bionda, il cervello di Himmler si chiama Heydrich, il nazismo e la soluzione finale , milioni di morti e due giovani eroi, uno ceco e l'altro slovacco, decidono di fare l'attentato storico sapendo che difficilmente sopravviveranno . un finale commovente , eroico, il riscatto dalle bestie umane. Grande storia. Eccellente.

  • User Icon

    Antonio

    23/06/2011 15:57:17

    Un romanzo storico? Un saggio sul nazismo? Le riflessioni dell'autore? Un noir? Non saprei proprio, ma è in ogni caso un libro bellissimo e commovente, scritto con uno stile unico.

  • User Icon

    Agnese Piana

    13/06/2011 09:34:45

    Un bellissimo testo appassionato, in bilico tra il resoconto storico e l'elegia agli eroi, con interessanti digressioni sulla forma romanzesca che la storia può prendere. Si legge come un noir ben fatto (il che è straordinario considerando che la vicenda è nota e quindi già si sa come va a finire), e le figure dei protagonisti faticano a scivolare via dalla memoria. Molto consigliato.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente
  • Laurent Binet Cover

    Studia a Parigi. Nel 2000 compone un racconto d'ispirazione surrealista, Forze e debolezze delle nostre mucose (pubblicato da Le Manuscrit). Nel 2004 pubblica La vita professionale di Laurent B., che testimonia della sua vita da insegnante alle scuole secondarie di Parigi e della sua regione.Nel 2010 è stato pubblicato dalle edizioni Grasset HHhH (acronimo per Himmler Hirn heißt Heydrich, "Il cervello di Himmler si chiama Heydrich"), che racconta la storia dell'Operazione Antropoide, nel corso della quale due partigiani cecoslovacchi furono inviati da Londra ad assassinare Reynahard Heydrich, capo della Gestapo e dei servizi segreti nazisti. Con questo romanzo Binet ha ottenuto nel marzo 2010 il Premio Goncourt.In Italia il libro è pubblicato da Einaudi.Professore di lettere... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali