Hollywood Party

The Party

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Party
Regia: Blake Edwards
Paese: Stati Uniti
Anno: 1968
Supporto: DVD
Salvato in 52 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un maldestro attore indiano cerca di sfondare a Hollywood ma dopo aver distrutto il set del film dove faceva la comparsa, metterà sottosopra la villa di un grosso produttore rovinando il party cui era stato invitato per errore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,83
di 5
Totale 6
5
5
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    1987

    30/05/2020 13:17:53

    Esilarante film di Edwards dove uno strepitoso Sellers (ma non solo) è determinante nel permettere allo spettatore di ridere in continuazione. Nel film c'è un meccanismo e un ritmo che deve essere compreso da uno spettatore disposto e attento. Non è da trascurare la critica sociale al mondo dello spettacolo e al suo snobbismo dove il protagonista distrugge la festa e simbolicamente distrugge quel mondo in cui lui non si trova a suo agio. Un film fondamentale che tutti dovrebbero vedere assolutamente.

  • User Icon

    Claudio

    19/06/2019 20:15:45

    Eccezionale. Una pellicola che ogni volta mi fa ridere tantissimo, nonostante la conosca praticamente a memoria. Sellers perfetto nella sua parte e perfettamente integrato col resto del cast, che riesce a fornirgli degli assist stupendi per dare libero sfoggio alla sua creatività.

  • User Icon

    Gostvraiter

    06/05/2019 13:02:55

    Cinquanta (e più) anni e non sentirli: «Hollywood Party» è ancora un film irresistibile. Qual è il segreto? Il fatto che sia una esilarante e fragorosa commedia imperniata su due pilastri: l’indimenticabile interpretazione di Peter Sellers (straordinariamente goffo, ingenuo e sbadato: la performance dell’attore inglese è davvero portentosa) e l’impeccabile direzione di Blake Edwards, capace di valorizzare sapientemente i meccanismi comici, di governare a regola d’arte il caos messo in scena, di orchestrare alla perfezione gag, battute e azioni dei personaggi. «Hollywood Party» è l’unica collaborazione tra Edwards e Sellers che non fa parte del fortunato ciclo della Pantera rosa.

  • User Icon

    fabrizio

    01/02/2019 19:12:21

    un classico divertente

  • User Icon

    ibsrudi2008

    16/06/2018 09:20:57

    La prima mezzora è talmente divertente, da far venire le lacrime. Peccato non ci siano extra che mostrino come si viveva su quel set.

  • User Icon

    luca bidoli

    08/04/2015 09:34:26

    Credo che si possa parlare di un classico, di un film perfetto nel suo meccanismo di comicità involontariamente volontaria, con uno strepitoso Peter Sellers ed un cast di deuteroprotagonisti, governante tedesca compresa, perfetti. Un attore -distruttore indiano (Sellers), causa guai a non finire sul set di un film hollywoodiano genere storico: per errore, anzichè radiato, vine invitato ad un party nella villa avvenieristica del produttore del film del quale ha provveduto a distruggere uno dei set più costosi e importanti. Non si smentirà neppure nella versione domestica, provocando, con un ritmo lento ma inarrestabile, un cataclisma inimmaginabile. Comicità raffinata, ottime performance degli attori, mitico cameriere che si scola tutti i drink rifiutati dal'astemio attore indiano, dialoghi perfetti, con battute mitiche, insomma un film da vedere e rivedere, con una punta di piccola e nostalgica fitta al cuore. Finale con bella e rilassante colonna sonora, da contrappasso ai tempi, forse ( era il 1968, con tutto quello che ne consegue).

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2010
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Danese; Finlandese; Francese; Greco; Inglese per non udenti; Italiano; Norvegese; Olandese; Polacco; Spagnolo; Svedese; Tedesco; Turco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Blake Edwards Cover

    Regista e sceneggiatore statunitense. Il suo esordio a Hollywood come attore lo delude e, dopo un certo numero di ruoli da comprimario, trova il modo di dedicarsi alla sceneggiatura collaborando a sei film di R. Quine, tra i quali il notevole Il terrore corre sull'autostrada (1954). Passa dietro la mdp dirigendo il cantante F. Lane in Quando una ragazza è bella (1955), e di lì in poi si dedica alla regia mettendo subito in luce un gusto pungente per la situation comedy, come nel brillante Operazione sottoveste (1959). La sua passione per la commedia sofisticata si rivela ben più profonda di una semplice attitudine revivalistica a partire dallo splendido Colazione da Tiffany (1961, dal romanzo di T. Capote), quasi una parabola dell'opportunismo carrierista, ambientato in una New York dal doppio... Approfondisci
  • Peter Sellers Cover

    Nome d'arte di Richard Henry S., attore inglese. Figlio d'arte, sin da giovanissimo partecipa a spettacoli di varietà per poi passare alla radio, dove grazie all'imitazione di svariati personaggi famosi ottiene notevole successo. Esordisce come attore sul grande schermo agli inizi degli anni '50 e in breve impone il suo talento comico svagato e surreale caratterizzato da una grande creatività e un'accentuata propensione al trasformismo, come testimoniano l'improbabile killer di La signora omicidi (1955) di A. Mackendrick e i sei personaggi di La verità... quasi nuda (1957) di M. Zampi. Dopo una discutibile parentesi dietro la mdp con la commedia Il piacere della disonestà (1961, deludente remake di Topaze di M. Pagnol), ritorna definitivamente alla recitazione. Gli anni '60 segnano la sua... Approfondisci
Note legali