Traduttore: S. Pareschi
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 luglio 2018
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788804702351
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Ispirata a un famoso fatto di cronaca della New York del primo Novecento, la storia dei fratelli Homer e Langley Collyer assume nella rivisitazione di Doctorow, maestro nell'amalgamare avvenimenti reali con episodi romanzati, i contorni del mito. Homer, il fratello cieco, e Langley, tornato semifolle dalla Grande Guerra, sono due rampolli di una famiglia benestante che nel corso dei decenni trasformeranno il loro palazzo in un delirante ricettacolo di ciarpame, dove vivranno come reclusi fino a rimanere sepolti sotto le tonnellate di spazzatura da loro stessi accumulata. Questi personaggi tragici ed emblematici, che hanno perfino dato il nome alla cosiddetta "sindrome di Collyer", diventano la metafora di un mondo e lo specchio di un lungo periodo della storia americana. Homer e Langley, benché rinchiusi nella loro folle utopia, saranno infatti testimoni di tutti gli avvenimenti fondamentali di quegli anni, dalle guerre ai movimenti politici, dal progresso tecnologico a una serie di personaggi indimenticabili, immigrati, gangster, musicisti jazz, hippy.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    22/07/2015 11:14:11

    Leggo adesso della morte di Doctorow, e l'unico omaggio che doverosamente posso assolvere è quello di ringraziarlo per questa originale e malatissima storia, letta tempo fa ma recuperata da vecchi appunti presi su qualche indispensabile taccuino. Due ricchi fratelli in trincea, nella New York più altamente borghese, ad ammucchiare l'impossibile, una casa emporio i cui solai quasi annaspano sotto il peso dell'inservibile dato per necessario. Esilarante e tragica insieme, una vicenda dove le tenerezze del lettore navigano accanto a questa scogliera di accumuli che sotterra ogni sguardo, ogni respiro, enorme biografia di due improvvisati rigattieri spaventati dalla vita, dal prossimo, da tutto. Mi riprometto al più presto di leggere altre sue opere, ma qui ora lascio il mio grato ossequio a questo vegliardo di un'America immensa e insana, lacerata e prepotente, lirica e atroce. Un dolcissimo Ragtime di commiato, in memoriam...

  • User Icon

    Paolo Massimiliano Sassone

    17/06/2011 14:46:12

    mi pare un libro molto ben scritto, pur nelle libertà letterarie che si concede rispetto alla storia vera... Un poco di Homer, ma soprattutto un poco di Langley, esiste in ognuno di noi. leggendolo ci si ritrova davanti ad uno specchio.

Scrivi una recensione