Traduttore: A. C. Cappi
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788817026932
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,56

€ 8,90

Risparmi € 1,34 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 4,80

€ 8,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    antonio

    05/12/2014 21:47:12

    un libro molto bello ...ma dalla fine un pò scontata.comunque interessante sopratutto nei racconti della strada del cammino verso santiago

  • User Icon

    Massimo

    03/07/2014 10:23:36

    Dopo qualche anno dalla sua lettura ho ancora un vivido e positivo ricordo di questo romanzo storico che, pur con qualche divagazione che sfiora il fantasy nella parte finale, si basa su una accurata ricostruzione storica e si sviluppa con delle tesi non sempre corripondenti a quelle ufficiali ma rese plausibili e ben supportate dall'autrice. Non nuova ma ben rappresentata l'ipotesi della vendetta templare alla base delle morti, per alcuni versi oscure, dei principali responsabili della fine dell'ordine dei Cavalieri di Cristo, originale la scelta di un cavaliere ospitaliere per indagare sui templari e sul loro fantomatico tesoro. Anche la ricostruzione diversa da quella ufficiale in merito alla vera natura della tomba di San Giacomo non è nuova ma è ben argomentata, così come è interessante la descrizione del viaggio che percorrevano i pellegrini verso Santiago De Compostela. E' vero che la prima parte del libro è forse più scorrevole, mentre nella seconda il viaggio intrapreso da Galceran su incarico del Papa, è cosparso di enigmi da risolvere in una caccia al tesoro che tassello dopo tassello dovrebbe portare al raggiungimento dell'obiettivo. Questa parte può risultare più appesantita, in particolari luoghi sparsi lungo il percorso è indicato, in modo molto criptico, quale sarà il luogo successivo nel quale trovare un ulteriore indizio. Il lettore deve così districarsi tra riferimenti esoterici, richiami storici, spiegazioni spesso intricate per risolvere i rebus che Galceran deve affrontare per passare al punto seguente di quella che sembra una via crucis enigmatica. Devo dire però che pur venendo un pò meno l'azione, non mi è dispiaciuta nemmeno questa parte, che permette di riprendere e approfondire aspetti e tematiche tipiche della storia dei templari che tutt'oggi esercitano un enorme fascino. Il finale può risultare un pò surreale ma tutto sommato chiude il cerchio con un compromesso accettabile. Consigliato agli amanti di romanzi storici e dei templari.

  • User Icon

    Claudio M.

    15/05/2011 22:26:51

    Un romanzo molto bello, intelligente e ricco di approfondimenti storici; tra questi, l'ipotesi sull'origine del santuario di San Giacomo - in opposizione alla versione ufficialmente accettata - può anche non risultare del tutto inaccettabile. La trama, seppure ben congegnata e perfettamente compatibile con il contesto storico, non è estremamente avvincente: ogni azione è ponderata, ogni idea ragionata, ogni scelta logica; tutto scorre al ritmo paziente dell'investigazione senza le accelerazioni del thriller storico-pseudo-soprannaturale. Nel complesso, un libro che risulta gradevole soprattutto agli amanti del genere, ma che tutti potranno sicuramente apprezzare. Vivamente consigliato.

  • User Icon

    A.M.

    30/04/2011 16:33:06

    Sufficienza risicata per un romanzo storico che parte molto bene, entusiasma ed incuriosisce fino a pagina 160, quando si chiude la prima parte dell'indagine di fratel Galceràn de Born, il Perquisitore, medico nella Rodi del 1317 e cavaliere dell'Ordine degli Ospitalieri di San Giovanni. I templari sono responsabili delle misteriose morti di papa Clemente V, di re Filippo IV e di Guglielmo di Nogaret? Ottima ricostruzione di ambienti e costumi medievali e perfetta macchina descrittiva. La seconda fase della missione, affidata da papa Giovanni XXII al futuro cavaliere di Cristo, costituisce il classico inceppo del meccanismo narrativo, con la prosa che diventa lenta, il ritmo che scema e la tensione che, inesorabilmente, cala. Il romanzo, nelle ultime 233 pagine, si riduce ad una caccia al tesoro sul poco entusiasmante cammino verso la presunta tomba dell'apostolo Iacobus a Santiago de Compostela? Più che un pellegrinaggio sembra una cartina geografica condita da enigmi e codici di serie B. Nulla a che vedere con il grande ingegno di Dan Brown! L'autrice comunque merita almeno una seconda chance, sia per l'opera prima, tutto sommato godibile (anche se non memorabile), sia per la non trascurabile capacità d'avermi condotto fino alla conclusione del romanzo, accadimento mai verificatosi nei confronti di altri scrittori spagnoli in cui mi sono imbattuto; il pessimo Carlos Ruiz Zafòn su tutti.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione